`Regole del tribunale degli Stati Uniti a favore dei produttori spagnoli sulle tariffe delle olive da tavola - Olive Oil Times

Regole del tribunale degli Stati Uniti a favore dei produttori spagnoli sulle tariffe delle olive da tavola

Giu. 22, 2021
Daniel Dawson

Notizie recenti

La Corte del Commercio Internazionale degli Stati Uniti ha governato che gli argomenti utilizzati dal Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti come base della tariffa del 35 per cento imposto all'oliva da tavola nera spagnola le importazioni ad agosto 2018 sono "non a norma di legge”.

La decisione del tribunale conferma la sua precedente sentenza che ha detto che la base del Dipartimento del Commercio per imporre le tariffe in primo luogo era stata arbitraria. Al Dipartimento del Commercio sono stati quindi concessi 90 giorni per presentare nuove argomentazioni.

Questa decisione del sistema giudiziario americano potrebbe abbassare le tariffe dal 35 al 20 percento, il che sarebbe una riduzione molto importante.- Antonio de Mora, segretario generale, Asemesa

Il giudice Gary Katzmann ha affermato che i nuovi argomenti ancora una volta non hanno dimostrato che i sussidi forniti ai produttori spagnoli di olive da tavola dall'Unione europea e dal governo spagnolo tramite il Politica agricola comune (CAP) ha violato il Legge tariffaria del 1930.

Vedi anche: Notizie commerciali

Affinché il CAP fosse ritenuto in violazione del Tariff Act, il Dipartimento del Commercio doveva dimostrare che il settore olive da tavola doveva essere il principale beneficiario delle sovvenzioni della PAC (al contrario dell'intero settore agricolo europeo). Il giudice ha affermato che il Dipartimento del Commercio non lo ha fatto in modo soddisfacente nella sua ultima testimonianza.

Il Dipartimento del Commercio ha anche dovuto dimostrare che la domanda di varietà di olive adatte alla produzione di olive da tavola dipende dalla domanda di olive da tavola. A questo punto, il giudice ha affermato che per giungere alla sua conclusione sulla base del diritto e dei precedenti statunitensi esistenti, il dipartimento si era basato su un "interpretazione inammissibile” della legge.

La corte ha ora detto al dipartimento del commercio di rivedere le tariffe in modo che l'interpretazione del dipartimento della legge sulle tariffe corrisponda all'opinione della corte.

L'Associazione spagnola degli esportatori e produttori di olive da tavola (Asemesa), che era uno dei querelanti nel caso, ha affermato che si aspetta che il Dipartimento del Commercio riduca le tariffe, il che consentirebbe ancora una volta ai produttori spagnoli di olive da tavola di competere nei redditizi Stati Uniti mercato.

"Questa decisione del sistema giudiziario americano potrebbe abbassare le tariffe dal 35 al 20 percento, il che sarebbe una riduzione molto importante", ha dichiarato Antonio de Mora, segretario generale di Asemesa. comunicato stampa. "Sebbene sia possibile che il Dipartimento del Commercio tenti di riformulare le proprie argomentazioni per adeguarle al parere del giudice, può anche capitare che decida finalmente di cedere ed eliminare la tariffa antisovvenzioni”.

"Ci sono ancora molte variabili da considerare, ma riteniamo che questo parere sia molto favorevole agli interessi dell'oliva nera spagnola poiché entrambe le questioni sono state risolte a nostro favore in termini di interpretazione giuridica e non di valutazione dei fatti ", ha aggiunto .

Secondo Asemesa, le esportazioni di olive nere da tavola negli Stati Uniti hanno diminuito del 68 percento poiché le tariffe sono state rese obbligatorie nel 2018.

Insieme a tariffario separato imposto dalla Commissione per il commercio internazionale degli Stati Uniti sulle importazioni di olive da tavola verdi, l'intero settore spagnolo delle olive da tavola ha perso una stima di 135 milioni di euro dal 2018, ha affermato l'ente commerciale.

De Mora ha affermato che c'erano ulteriori ragioni per i produttori spagnoli di olive da tavola per essere ottimisti poiché i risultati del tribunale statunitense potrebbero influenzare la decisione dell'Organizzazione mondiale del commercio su un caso simile.

"Allo stesso tempo, [la sentenza] rappresenta un supporto molto importante al processo aperto dall'Unione Europea davanti all'OMC, in cui anche questi due argomenti sono fondamentali”, ha affermato De Mora.

L'OMC è stata chiamata a pronunciarsi su un caso separato promosso dall'UE alla fine di giugno, secondo il quale le tariffe imposte dal Dipartimento del Commercio hanno violato diverse sezioni dell'OMC Accordo sui sussidi e sulle misure compensative, Accordo generale sulle tariffe doganali e sul commercio 1994 e Accordo antidumping. Sia l'UE che gli Stati Uniti sono firmatari di tutti e tre gli accordi internazionali.

Tuttavia, a causa di un arretrato giudiziario causato dal Pandemia di covid-19, l'OMC ha annunciato all'inizio di questo mese che non avrebbe pubblicato la sua relazione finale sulla questione fino alla fine di agosto 2021.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti