Bring It On: Importatori di olio d'oliva Benvenuti più test dalla FDA

I membri della commissione della Camera per gli stanziamenti hanno invitato la Food and Drug Administration ad aggiornare il suo rapporto sull'autenticità dell'olio extravergine d'oliva venduto negli Stati Uniti

Giu. 20, 2017
Di Anthony Vasquez-Peddie

Notizie recenti

Nella sua lotta per difendere l'integrità degli oli d'oliva del mercato di massa, un gruppo commerciale di importatori americani afferma di essere pronto a fare un altro round.

A recente rapporto dal Comitato degli stanziamenti della Camera per l'imminente proposta di legge sul bilancio federale convocata per il US Food and Drug Administration per aggiornarlo 2015 studio sull'autenticità dell'olio extra vergine di oliva venduto negli Stati Uniti

La notizia è stata ricevuta a braccia aperte dal Associazione nordamericana dell'olio d'oliva (NAOOA), secondo il direttore esecutivo ad interim Tom Mueller (non il Tom Mueller che ha scritto il esposizioni su frodi all'olio d'oliva).

"Diamo il benvenuto ", ha detto Mueller Olive Oil Times. "Pensiamo che questo tipo di test rigorosi sia importante per garantire la totale fiducia dei consumatori americani e per allontanarci da una parte della falsa retorica soggettiva che abbiamo visto intorno all'olio d'oliva che non si basa su test scientifici indipendenti ".

Il precedente studio della FDA, condotto su 2015, ha testato i prodotti 88 etichettati con olio extra vergine di oliva. Ha usato il metodo della gascromatografia adottato dall'International Olive Council per determinare la composizione e il contenuto di steroli e dialcolo triterpenico. Tre campioni (percentuale 3.4) non soddisfacevano i criteri di purezza, stabiliti dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti, basati su composizioni di dialcolo desmetilsterolo e triterpenico.

Quel 3.4 percento equivarrebbe a più di 10,000 tonnellate di olio d'oliva consumate negli Stati Uniti ogni anno - o il consumo annuo per circa 10 milioni di americani - che erano "eventualmente adulterato con olio di base e / o olio di oliva estratto con solvente. ”Inoltre, lo studio ha testato gli oli di oliva etichettati extra vergine per adulterazione.

In effetti, due dei tre campioni ricercatori della FDA si sono arricchiti con 10 percentuale di olio di nocciole non è stato rilevato per adulterazione.

Tuttavia, il NAOOA ha trovato motivo di tifare.

"Le scoperte della FDA sono notevolmente coerenti con i test che abbiamo condotto in laboratori di CIO indipendenti per 25 anni, che hanno scoperto che il 98% dell'olio d'oliva venduto nei negozi al dettaglio negli Stati Uniti è autentico e di alta qualità ", ha affermato Mueller.

Potrebbe essere una forzatura. Mentre lo studio della FDA ha rilevato che la maggior parte degli oli testati lo erano genuino, non ha misurato per alta qualità o che i campioni hanno incontrato il standard chimici e sensoriali per i gradi indicati sulle loro etichette.

"Congratulazioni: la maggior parte dell'olio d'oliva non viene tagliato con l'acido della batteria ", ha detto un produttore che vende l'olio dalla sua piccola fattoria di famiglia online e attraverso i mercati degli agricoltori. "Testare l'adulterazione è una cosa - e test per la qualità è un'altra. La maggior parte delle persone non ottiene ancora extra vergine quando paga per extra vergine e i test della FDA non lo affrontano ”.

Mentre i rappresentanti di esperti di marketing, confezionatori e importatori che compongono il NAOOA mostrano spavalderia, la virtù dell'olio d'oliva è stata regolarmente sparando al mento per un bel po 'di tempo.

Gli esempi includono il arresti di dozzine in Italia accusato di esportare falso olio d'oliva negli Stati Uniti, un'indagine su etichettatura errata diffusa di olio extra vergine di oliva in Brasile, a operazione globale che ha sequestrato $ 250 milioni in cibo contraffatto e scadente e un magnate taiwanese del cibo che ha ricevuto una condanna a due anni come parte di un scandalo contaminazione dell'olio d'oliva - solo per citarne alcuni che si sono verificati nell'ultimo anno.

Il più duraturo, ovviamente, fu il studio dell'Università della California di Davis con ricercatori in Australia nel 2010 che hanno rilevato che il 69% dei campioni di olio d'oliva importati e il 10% della California etichettati extra virgin non soddisfacevano gli standard sensoriali del CIO e dell'USDA e hanno dimostrato che i test chimici non sono riusciti a confermare i risultati dei test sensoriali nella maggior parte dei casi.

Da parte sua, la FDA afferma di preoccuparsi di garantire che ciò che è in etichetta sia ritenuto autentico in termini semplici, oltre a proteggere la salute del pubblico.

"L'adulterazione economica dell'olio d'oliva riduce la fiducia dei consumatori nella merce e può potenzialmente eludere il controllo e la valutazione adeguati dei pericoli ", ha detto la portavoce della FDA Marianna Naum Olive Oil Times. "Sono stati segnalati numerosi casi di olio d'oliva eventualmente adulterato. Il nostro obiettivo, come indicato nello studio (2015), era vedere se era possibile rilevare se un olio extra vergine di oliva fosse stato adulterato con un altro tipo di olio. "

A riferire l'anno scorso dalla commissione della Camera per gli stanziamenti ha invitato la FDA a sviluppare un sistema di test per tutti gli oli d'oliva importati, il che suggerisce che gli sforzi di lobbying per implementare uno standard nazionale di qualità stanno avendo successo.

"Gli standard per l'olio d'oliva esistono attualmente solo in quattro stati e non esiste uno standard federale obbligatorio ", ha affermato Mueller. "Uno standard di identità darebbe alla FDA, agli stati e al settore un percorso chiaro verso la coerenza e l'autenticità, incoraggerebbe il comportamento corretto all'interno dell'intero mercato e creerebbe una maggiore protezione per gli interessi dei consumatori ".



Related News

Feedback / suggerimenti