` Il California Trade Group revoca l'accordo di adesione dopo il contraccolpo - Olive Oil Times

Il California Trade Group revoca l'accordo di adesione dopo il contraccolpo

Agosto 7, 2020
Daniel Dawson

Notizie recenti

Lo Consiglio dell'Olio d'oliva della California (COOC) ha revocato il suo contratto di adesione originale 2020/21 dopo una rapida reazione da parte di molti agricoltori e produttori di olio d'oliva dello stato.

In un petizione inviato al consiglio di amministrazione dell'organizzazione e al direttore esecutivo Patricia King il mese scorso e ottenuto do olive oil Times, i produttori hanno accusato l'associazione di categoria di aver cambiato la lingua dell'accordo a favore Serie di destinazione California Olive Ranch, una miscela di olio extravergine di oliva della California e oli importati.

Consentendo a un'azienda di avere la parola 'La California 'spruzzata sulla parte anteriore della bottiglia a lettere grandi e in grassetto senza che l'olio venga prodotto qui, diluisce il valore del COOC e dell'olio d'oliva della California.- Greg Traynor, co-proprietario, 43 Ranch

Nel Accordo di adesione 2019/20, il COOC ha stabilito: "Se l'uso di 'California "in qualsiasi frase come nome della società, nome del marchio o altra parola o gruppo di parole o immagini che identificano la California sull'etichetta di qualsiasi olio venduto dal membro, quindi il 100 [percento] della frutta per produrre il mosto d'olio provengono esclusivamente dallo stato della California. "

Come risultato della clausola, California Olive Ranch è stato escluso dall'essere un membro del COOC durante lo scorso anno e non ha avuto nessuno dei loro oli certificati dall'associazione di categoria.

Vedi anche: Etichettatura dell'olio d'oliva

Prima di essere rimosso dal sito Web COOC, il contratto di adesione 2020/21 appena aggiornato dichiarava: "Tutti gli oli certificati dal California Olive Oil Council devono provenire da olive della California coltivate e prodotte al 100% ".

pubblicità

Il cambiamento surrettizio avrebbe consentito al California Olive Ranch di rientrare nel COOC e certificare tutti i loro oli prodotti in California con l'organizzazione commerciale, ma omettere la serie di destinazione.

I 46 firmatari della petizione, che si uniscono per costituire la stragrande maggioranza della produzione e delle entrate del COOC, hanno condannato la decisione di apportare la modifica all'accordo, definendola "fuorviante e dannoso per il marchio californiano che il COOC dovrebbe proteggere e promuovere ".

Il COOC è il più grande gruppo di certificazione dello stato e farne parte comporta numerosi vantaggi, soprattutto per i produttori più piccoli. Il sigillo COOC ha un certo riconoscimento da parte dei consumatori e alcuni negozi di specialità alimentari nello stato riforniscono solo olio extravergine di oliva prodotto localmente con il sigillo.

Molti dei produttori dello stato vedono il ruolo del COOC nel promuovere la qualità degli oli extra vergini di oliva della California, che sono più costosi da produrre e quindi costano notevolmente di più degli oli importati.

"Consentendo a un'azienda di avere la parola 'La California 'spruzzata sulla parte anteriore della bottiglia in lettere grandi e in grassetto senza che l'olio venga prodotto qui, diluisce il valore del COOC e dell'olio d'oliva della California ", Greg Traynor, coautore della petizione e co-proprietario di Ranch 43, Ha detto Olive Oil Times.

Alla domanda sulla modifica della formulazione dell'accordo di adesione originale 2020/21, ha detto una portavoce del California Olive Ranch Olive Oil Times che la società non era a conoscenza del cambiamento, ma ha sottolineato il proprio impegno a proteggere l'integrità di Olio d'oliva californiano.

Lo ha detto anche Michael Fox, CEO di California Olive Ranch Olive Oil Times che la società non aveva in programma di rientrare nel COOC e avrebbe continuato a far certificare i propri oli extra vergini di oliva da un laboratorio indipendente.

King non avrebbe riconosciuto l'accordo di adesione originale 2020/21 quando richiesto do olive oil Times. Tuttavia, ha affermato che l'attuale accordo di adesione 2020/21 è stato approvato all'unanimità dal consiglio di amministrazione.

"Riteniamo che questa clausola sui requisiti promuova ulteriormente il 100% di olio extravergine di oliva coltivato e prodotto in California ", ha affermato King.

La formulazione dell'accordo aggiornato è identica a quella del contratto di adesione 2019/20.


Related News

Feedback / suggerimenti