`Le scorte di olio d'oliva dell'UE diminuiscono del 23 percento

Affari

Le scorte di olio d'oliva dell'UE diminuiscono del 23 percento

Giu. 19, 2020
Daniel Dawson

Notizie recenti

Le scorte di olio d'oliva nell'Unione europea sono diminuite di quasi un quarto dalla fine della campagna agricola 2018/19, secondo la ultimi dati pubblicato dal blocco commerciale di 27 membri.

La direzione generale dell'Agricoltura e dello sviluppo rurale dell'UE stima che le scorte scenderanno a 603,113 tonnellate entro la fine dell'anno in corso, con un calo del 23% rispetto allo scorso anno.

Le scorte in calo arriveranno come una buona notizia per i produttori, molti dei quali hanno sofferto di persistentemente bassi prezzi dell'olio d'oliva. Gli esperti hanno parzialmente attribuito questi prezzi bassi al elevate scorte di olio d'oliva dei due anni precedenti.

Le scorte finali nella campagna 2018/19 sono salite ai massimi livelli dal 2006/07. Ciò è stato in gran parte alimentato da una produzione relativamente stabile in tutta l'UE unita a tassi di consumo in calo.

Le scorte di olio d'oliva dell'UE rimangono più elevate in Spagna, che si prevede che rimangano 505,700 tonnellate alla fine della campagna. Le scorte finali in Italia sono stimate in 55,000 tonnellate, mentre la Grecia dovrebbe contenere 40,800 tonnellate di olio d'oliva rimanente.

La produzione nei tre paesi dovrebbe essere rispettivamente di 1,120,000 tonnellate, 365,000 tonnellate e 275,000 tonnellate.

Complessivamente produzione di olio d'oliva nel blocco commerciale raggiungerà 1,917,991 tonnellate entro la fine dell'anno del raccolto e consumo cadrà a 1,377,695 tonnellate. Alla fine dell'anno agricolo precedente, l'UE produceva 2,400,000 tonnellate e consumava 1,495,000 tonnellate di olio d'oliva.



Related News