Affari

Le esportazioni di olio di oliva dell'UE raggiungono livelli record

La Commissione europea prevede che l'elevata domanda mondiale unita alla diminuzione della produzione nei paesi non UE comporterà esportazioni record per 2018 / 2019.

Porto di Valencia, il più trafficato in Spagna e il quinto più trafficato in Europa.
Aprile 26, 2019
Di Isabel Putinja
Porto di Valencia, il più trafficato in Spagna e il quinto più trafficato in Europa.

Notizie recenti

Un rapporto del Commissione europea lo prevede esportazioni di olio d'oliva dall'Unione Europea (UE) raggiungerà livelli record per l'attuale stagione 2018/2019.

Nel suo rapporto di aprile 2019, 'Prospettive a breve termine per i mercati agricoli dell'UE nel 2018 e nel 2019 ", la Commissione europea prevede che un aumento della produzione di olio d'oliva nel XNUMX Paesi dell'UE combinato con l'elevata domanda mondiale e un calo tra i produttori extra-UE si tradurrà in esportazioni UE da record. L'UE è il maggiore esportatore mondiale di olio d'oliva.

Più specificamente, il rapporto lo prevede produzione di olio d'oliva crescerà del tre percento per il 2018/2019 e le esportazioni aumenteranno dell'11 percento a 625,000 tonnellate, un livello record.

Guarda anche: Notizie commerciali sull'olio d'oliva

Nel 2017/2018, le esportazioni di olio d'oliva dall'UE sono aumentate solo dell'563,400% rispetto all'anno precedente. Secondo dati provvisori, 2017 tonnellate di olio d'oliva sono state esportate dall'UE nel 2018/2018, mentre per il 2019/573,000 questa cifra è stimata in XNUMX tonnellate.

L'UE è anche il principale produttore mondiale di olio d'oliva, con Spagna essendo di gran lunga il suo più grande produttore, seguito da Italia e Grecia. Nel periodo dal 2012 al 2017, il 67% dell'olio d'oliva mondiale è stato prodotto nelle cifre provvisorie dell'UE che hanno portato la produzione dell'UE a 2,186,000 tonnellate per il 2017/2018 mentre per il 2018/2019 si stima che siano 2,101,000 tonnellate.

pubblicità

Nonostante le carenze produttive in Italia e in Grecia - in gran parte a causa del tempo rigido sperimentato in queste parti d'Europa l'anno scorso, è grazie a Il buon raccolto della Spagna che i dati sulla produzione dell'UE sono aumentati. La Spagna ha prodotto 1.7 milioni di tonnellate di olio d'oliva nel 2018/2019, che rappresenta la seconda quantità più alta dal 2003.

Il rapporto sottolinea che un aumento dell'offerta avrà un effetto sui prezzi. Nel febbraio 2019, il prezzo medio dell'olio d'oliva vergine nell'UE è stato di 290 € per 100 kg, il 17% in meno rispetto all'anno precedente.

L'UE è anche il maggiore consumatore mondiale di olio d'oliva: i cittadini dell'UE consumano tra 1.5 e 1.6 milioni di tonnellate di olio d'oliva all'anno.

La relazione della Commissione europea avverte che la produzione dovrebbe diminuire per la campagna 2019/2020 a causa dell'insufficiente piovosità durante i primi mesi del 2019 in Portogallo, Spagna, nel sud della Francia e nel nord Italia.

Il rapporto condivide anche le proiezioni per altri settori agricoli. Rispetto all'olio d'oliva, la produzione di cereali e zucchero nell'UE è andata male e si sta lentamente riprendendo dopo l'incantesimo di maltempo dell'anno scorso.

Le condizioni meteorologiche estreme sperimentate in alcune parti d'Europa alla fine del 2018 sotto forma di nevicate anomale, forti venti, forti piogge e inondazioni sono state accusate della scarsa raccolta delle olive in Grecia e di un record basso di rese di olive in Italia.





Articoli Correlati