Carenza internazionale di olio d'oliva da risarcire dalla Spagna

Quest'anno i produttori di olio d'oliva dell'Unione europea sono andati male. La Spagna, l'eccezione degna di nota, è pronta a compensare la differenza nel mercato delle esportazioni.

Gennaio 17, 2019
Di Danielle Pacheco

Notizie recenti

Secondo le ultime stime rilasciate dal Commissione europea, Si prevede che la produzione spagnola di olio d'oliva raggiungerà 1.76 milioni di tonnellate nella stagione 2018/19, rispetto a 1.39 milioni di tonnellate della stagione precedente.

Ironia della sorte, i produttori spagnoli di olio d'oliva devono ringraziare i cambiamenti climatici per la stagione del raccolto di successo.- El País

La Spagna dovrebbe esportare 1.22 milioni di tonnellate in questa stagione, in aumento di quasi il 40% rispetto alla stagione 2017/18. Ciò è in gran parte in risposta al forte calo della produzione in altri paesi, come Grecia e Italia.

Si prevede che l'Italia produrrà solo 226,000 tonnellate di olio d'oliva nella stagione 2018/19, meno della metà della stagione di raccolta precedente. La Grecia scenderà del 35 percento a 248,000 tonnellate e Portogallo scenderà quasi del 20 percento, fino a 121,300 tonnellate.

Vedi anche: Produzione di olio d'oliva

Complessivamente, si prevede che i numeri di produzione di olio d'oliva dell'Unione europea rimarranno abbastanza stabili, a 2.375 milioni di tonnellate nel 2018/19 rispetto ai 2.410 milioni di tonnellate nel 2017/18.

La produzione spagnola rappresenterà i tre quarti della produzione totale di olio d'oliva dell'UE nella stagione 2018/19 e oltre la metà del produzione mondiale.

Hai pochi minuti?
Prova il cruciverba di questa settimana.

Dopo un leggero calo durante le festività natalizie, le esportazioni dovrebbero riprendere a salire a gennaio. Consumo in Spagna sta anche aumentando nella stagione 2018/19 dopo che i prezzi sono scesi al di sotto di € 3.00 ($ 3.42) per chilogrammo di olio extra vergine di oliva e dovrebbe raggiungere 578,700 tonnellate.

Davide Granieri, presidente del consorzio italiano olio d'oliva Unaprol, ha incolpato il raccolto deludente di quest'anno cambiamento climatico, frode e afflusso senza dazi di olio d'oliva tunisino nel mercato dell'UE.

Anche l'Italia è ancora alle prese con un'infestazione di Xylella fastidiosa, un agente patogeno delle piante che sta devastando gli oliveti nella parte orientale del paese. Alcuni casi di Xylella fastidiosa sono stati trovati in Spagna anche l'anno scorso.

La maggior parte delle colture di quest'anno è stata raccolta a dicembre, quando la Spagna ha raccolto tonnellate 679,000 di olio d'oliva, il secondo mese più produttivo dell'ultimo decennio. La provincia di Jaén è responsabile del 40% della produzione di olio d'oliva della Spagna, pari a più della Grecia e dell'Italia messe insieme.

Ironia della sorte, i produttori di olio d'oliva spagnoli devono ringraziare i cambiamenti climatici per il successo della stagione del raccolto.

Scatti di freddo fuori stagione e ondate di calore si sono allineati perfettamente per produrre un raccolto eccezionale di olive in molte regioni quest'anno. Jaén ha subito un raccolto peggiore del previsto a novembre a causa del maltempo, ma è riuscito a compensarlo a dicembre.

Il clima di gennaio determinerà se la Spagna raggiungerà i dati stimati sulla produzione di olio d'oliva per la stagione 2018/19.

Anche i più importanti paesi produttori di olio d'oliva al di fuori dell'UE stanno registrando un calo delle cifre. Tunisia e Turchia dovrebbero diminuire di circa il 50% e solo il Marocco aumenterà la sua produzione, raggiungendo circa il 50% in più rispetto alla stagione precedente.

Secondo gli ultimi dati dell'International Olive Oil Council, la produzione mondiale di olio d'oliva per la stagione 2018/19 dovrebbe raggiungere 3.451 milioni di tonnellate, in leggero calo rispetto ai 3.653 milioni di tonnellate nella stagione di raccolta 2017/18.





Related News

Feedback / suggerimenti