`Il progetto pilota sperimenterà un nuovo marchio di qualità ecologica per gli imballaggi alimentari europei - Olive Oil Times

Il progetto pilota sperimenterà un nuovo marchio di qualità ecologica per i pacchetti alimentari europei

Giu. 13, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Un nuovo progetto pilota sostenuto da alcune delle più grandi aziende di produzione alimentare del mondo inizierà a testare una piattaforma di etichettatura ecologica su più di 100 prodotti venduti nel Regno Unito il prossimo autunno.

L'obiettivo è quello di offrire ai consumatori un sistema di etichettatura a semaforo sulle confezioni degli alimenti per consentire loro di valutare a colpo d'occhio quanto siano rispettose dell'ambiente le confezioni degli alimenti acquistate.

I sistemi Mondra ed EIT sono unici a livello globale, in quanto entrambi consentono di confrontare due prodotti dello stesso tipo in base ai loro meriti individuali tramite un'analisi completa del ciclo di vita del prodotto.- Jago Pearson, chief strategy officer, Finnebrogue

Aziende come Nestlé, Co-Op, Tyson Foods e Sainsbury's sono tutti membri del consiglio di amministrazione della nuova organizzazione, Foundation Earth, che sta sperimentando la nuova piattaforma con il supporto di Mondra, una società di consulenza che ha sviluppato le etichette.

Vedi anche: 100 miliardi di euro di spesa dell'UE non riescono a ridurre le emissioni nel settore agricolo, secondo un audit

"Foundation Earth è il culmine di anni di lavoro del nostro consorzio EIT Food e di artisti del calibro dell'Università di Oxford", Andy Zynga, amministratore delegato di EIT, ha detto The Guardian. "Porterà un sistema di etichettatura frontale credibile e chiaro sui prodotti alimentari in tutto il continente”.

Secondo la fondazione, se il progetto pilota avrà successo, è previsto un lancio completo entro il 2022.

Gli alimenti inclusi nel progetto pilota di etichettatura semaforica saranno misurati con criteri che includono l'inquinamento delle acque, perdita di biodiversità, consumo idrico ed emissioni totali di carbonio; misurazioni che prenderanno in considerazione il ciclo di vita di ogni prodotto etichettato.

briefing-europeo-progetto-pilota-testa-il-nuovo-ecolabel-per-pacchetti-alimentari-europei-tempi-dell'olio d'oliva

Foto: Fondazione Terra

Le emissioni di carbonio determineranno il 49% dell'etichetta ecologica finale di un prodotto, con gli altri criteri che pesano ciascuno il 17%. I consumatori saranno quindi in grado di confrontare i prodotti all'interno di una categoria specifica, con valutazioni che vanno da a 'Green A+,' l'imballaggio più ecologico con il punteggio più basso di a 'Rosso G.'

La decisione di porre l'accento più considerevole sulle emissioni di carbonio ne trarrà beneficio olive oil proriduttori. Il Stime del Consiglio oleicolo internazionale che per ogni litro di vergine olive oil prodedotto "in un frutteto semi-intensivo maturo con una resa media del raccolto", c'è un sequestro netto di carbonio di 8.5 chilogrammi.

I sostenitori di Foundation Earth sperano che i risultati finali del progetto consentiranno di prendere in considerazione l'adozione del nuovo marchio di qualità ecologica in tutta Europa. Attualmente coesistono dozzine di diversi sistemi di etichettatura ecologica, incluso il ben noto Ecolabel UE, che attualmente viene applicato solo ai prodotti non alimentari.

"I sistemi Mondra ed EIT sono unici a livello globale, in quanto entrambi consentono di confrontare due prodotti dello stesso tipo sui loro meriti individuali attraverso un'analisi completa del ciclo di vita del prodotto, anziché utilizzare semplicemente dati secondari per stimare l'impatto ambientale di un intero gruppo di prodotti", Jago Pearson, chief strategy officer presso il produttore di alimenti artigianali del Regno Unito Finnebrogue, detto a JustFood.

Secondo un sondaggio Eurobarometro sostenuto dall'UE, i consumatori europei non mettono ancora la sostenibilità tra le loro principali priorità quando acquistano cibo.

Gli intervistati hanno dato la priorità al gusto, alla sicurezza alimentare e ai costi come i tre criteri più importanti per le decisioni di acquisto. L'origine del cibo e le sue qualità nutrizionali sono considerate dal 30% degli intervistati. In confronto, solo il 15% di loro tiene conto della sostenibilità del cibo confezionato che acquista.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti