100 miliardi di euro di spesa dell'UE non riescono a ridurre le emissioni nel settore agricolo, secondo un audit

La precedente politica agricola comune non ha fornito incentivi adeguati agli agricoltori per ridurre le emissioni, hanno affermato i revisori dei conti.
Giu. 8, 2021
Ephantus Mukundi

Notizie recenti

A rapporto speciale dalla Corte dei conti europea (ECA) afferma che oltre 100 miliardi di euro di finanziamenti agricoli dell'Unione europea volti a mitigare cambiamento climatico non ha fatto molto per ridurre le emissioni di gas serra del settore agricolo.

Secondo l'ECA, i metodi di gestione del cambiamento climatico supportati dal Politica agricola comune (PAC) non aveva portato a una diminuzione delle emissioni di gas serra dal 2010.

I revisori hanno inoltre concluso che circa il 50 per cento della spesa totale dell'UE per il clima dal 2014 al 2020 non aveva fatto nulla per ridurre le emissioni di gas serra in quel periodo. Inoltre, hanno affermato che la precedente PAC non prevedeva solidi incentivi per le persone e le imprese a impegnarsi in pratiche rispettose del clima.

Vedi anche: La nuova PAC offre molte opportunità per gli olivicoltori italiani

"Il ruolo dell'UE in mitigare i cambiamenti climatici nel settore agricolo è fondamentale perché l'UE fissa gli standard ambientali e cofinanzia la maggior parte della spesa agricola degli Stati membri”, ha affermato Viorel Ștefan, membro della Corte dei conti europea che ha scritto il rapporto.

"Ci aspettiamo che i nostri risultati siano utili nel contesto dell'obiettivo dell'UE di diventare neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050", ha aggiunto. "I nuova politica agricola comune dovrebbe concentrarsi maggiormente sulla riduzione delle emissioni agricole ed essere più responsabile e trasparente riguardo al suo contributo alla mitigazione del clima”.

I revisori hanno emesso il rapporto dopo aver esaminato e analizzato le pratiche di mitigazione dei cambiamenti climatici stabilite dalla PAC dal 2014 al 2020. Tali misure miravano a ridurre le emissioni di gas serra da fertilizzanti chimici e letame, bestiame e uso del suolo.

Hanno anche verificato se gli incentivi fossero più efficaci delle misure previste dalla precedente PAC, che andava dal 2007 al 2013.

I revisori hanno scoperto che le emissioni del bestiame rappresentano più della metà delle emissioni di gas serra attribuite all'agricoltura, aggiungendo che la PAC non regolava il numero di capi di bestiame né forniva incentivi adeguati per ridurli.

Secondo i revisori, questo spiega perché le emissioni non sono diminuite dal 2010 nonostante l'UE abbia stanziato 103 miliardi di euro per la mitigazione del clima.

Tuttavia, i revisori hanno riconosciuto che la nuova PAC approvata dal Consiglio agricolo dell'UE a giugno potrebbe migliorare la situazione. La nuova PAC prevede requisiti ambientali più severi per gli agricoltori che desiderano ricevere finanziamenti.

Ogni paese deve presentare un piano strategico nazionale per la sua quota di finanziamento. Tutti i pagamenti saranno legati al modo in cui i beneficiari seguono le regole ambientali, inclusa la riduzione delle emissioni di gas serra del 55% entro il 2030.

Con questi nuovi requisiti, gli architetti della politica mirano a spostare i soldi dall'agricoltura intensiva alla protezione della natura e promuovere la biodiversità, che sperano contribuirà a ridurre le emissioni di gas serra.

Gli olivicoltori di tutto il continente dovrebbero essere tra i beneficiari della nuova PAC. Nel 2016, il Consiglio oleicolo internazionale stimato che per ogni litro di olio vergine di oliva prodotto "in un frutteto semi-intensivo maturo con una resa media del raccolto", c'è un sequestro netto di carbonio di 8.5 chilogrammi.

"Produzione di olio d'oliva aiuta a combattere il riscaldamento globale assorbendo più CO2 atmosferica di quanta ne produca e fissandola nel suolo e nella biomassa", ha affermato il CIO.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti