Gli agricoltori avvertono il divieto dei pesticidi che compromette la produzione italiana di olio d'oliva

Mentre il divieto di pesticidi a base di dimetato è stato ritardato fino ad ottobre, gli agricoltori e i loro sostenitori sostengono che non sono disponibili trattamenti alternativi in ​​tempo per il raccolto 2020.

Giu. 21, 2020
Di Paolo DeAndreis

A Divieto a livello di Unione europea su uno dei trattamenti chimici più efficaci che gli agricoltori hanno contro mosca di frutta d'oliva entrerà in vigore alla fine di ottobre.

Il divieto dei pesticidi a base di dimetoato era originariamente previsto per iniziare alla fine di luglio, ma è stato ritardato in Italia a seguito di un'autorizzazione eccezionale richiesta da Coldiretti, l'associazione italiana degli agricoltori, ad aprile.

Il divieto di dimethoate costringe gli agricoltori a cambiare il loro approccio alla difesa dell'oliveto. Devono passare da strategie di guarigione a strategie preventive.- Elisabetta Gargani, ricercatrice, CREA

Nonostante l'estensione, i membri della Confederazione italiana degli agricoltori (CIA) hanno affermato che la prossima stagione di raccolta potrebbe rivelarsi disastrosa per i produttori di olio d'oliva e gli agricoltori a causa del divieto.

"Il divieto in arrivo sul dimetoato sta già colpendo gli olivicoltori nel nostro territorio perché non hanno un'alternativa praticabile a loro disposizione ", ha affermato Lapo Baldini, capo della CIA Toscana.

Vedi anche: Notizie di sostenibilità

Anche a tre mesi dall'entrata in vigore del divieto, Baldini ritiene che il prodotto sugli scaffali dei negozi scarseggerà. Ha aggiunto che non sono state fornite alternative valide agli agricoltori per proteggere i loro raccolti.

"I prodotti ovicidi, la cui efficacia è ancora da capire, sollevano diverse difficoltà nel loro impiego rispetto all'attività ad ampio spettro del larvicida dimetoato ", ha detto Baldini.

In un comunicato stampa, gli agricoltori della CIA hanno sottolineato come il tanto atteso divieto a livello europeo di tali prodotti sia stato implementato senza che sia stata fissata alcuna strategia alternativa.

"Rame, caolino e fungicidi sono deterrenti per la mosca dell'olivo ma, come abbiamo già osservato, non risolvono il problema in caso di massicce infezioni da mosca ”, ha detto Baldini.

"Il problema è diventato ciclico, un'infezione annuale non solo per le zone costiere della Toscana ma anche per le regioni olivicole più interne ”, ha aggiunto. "Le alternative avrebbero dovuto essere trovate prima del divieto. Il risultato sarà un aumento dei costi per gli agricoltori e soluzioni non sufficientemente efficaci ".

Mentre introdotto dal Commissione europea nel giugno 2019, il divieto del dimetoato non è stato una sorpresa. La decisione si è basata sul già noto conclusioni dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare, i cui esperti avevano determinato i possibili rischi per l'ambiente e la salute umana dovuti al potenziale genotossico del pesticida e alle caratteristiche cancerogene di uno dei suoi principali ingredienti, l'ometoato.

Mentre nessuno discute sull'efficacia del dimetato contro la mosca della frutta dell'olivo, alcuni ricercatori hanno affermato che ora è il momento di reinventare il modo in cui gli agricoltori affrontano il parassita e proteggono le loro colture.

"Il divieto del dimetoato costringe gli agricoltori a cambiare il loro approccio alla difesa dell'oliveto ”, ha detto ad Agronotizie Elisabetta Gargani, ricercatrice del CREA, l'ente pubblico dedicato alla ricerca agricola.

"Devono passare da strategie di guarigione a strategie preventive. In questo nuovo scenario, il monitoraggio degli alberi e le strategie tradizionalmente organiche giocheranno un ruolo importante ”, ha aggiunto.

Alcuni piccoli agricoltori biologici nella regione hanno già implementato efficacemente nei loro boschi sistemi di monitoraggio e strategie organiche.

"Abbiamo scelto di convertirci completamente al biologico ”, ha detto Gianluca Damiani, un piccolo olivicoltore in Toscana Olive Oil Times. "In passato avevamo usato casualmente prodotti a base di dimetato sui nostri alberi e sicuramente ci ha aiutato a contenere l'infezione della mosca della frutta dell'olivo. "

"Ma abbiamo solo una piccola produzione locale, possiamo farne a meno perché possiamo avere un monitoraggio approfondito della popolazione delle mosche nel tempo ", ha aggiunto. "Posso capire che coloro che hanno aziende più grandi potrebbero dover investire in nuove procedure e forse abituarsi a rendimenti più piccoli. "

La Coldiretti ha però appoggiato la CIA nel criticare il divieto, sottolineando anche che sul mercato non sono disponibili vere alternative ai prodotti a base di dimetoato. Guardando avanti al Raccolto 2020, l'associazione sostiene che non ci sono nuove misure di prevenzione praticabili disponibili per gli agricoltori.

pubblicità

"La mosca della frutta dell'olivo è considerata il parassita più rilevante per gli ulivi, così diffuso che può avere un forte impatto su quantità e qualità della produzione nella maggior parte delle aree ", ha detto Coldiretti. "La ricerca scientifica non ha ancora definito una strategia in grado di controllare la mosca, un insetto a cui è dovuta cambiamento climatico è diventato ancora più prolifico. "

Prima del divieto, i pesticidi a base di dimetato potevano essere applicati alle colture durante la stagione di crescita, ogni volta che apparivano prove di un'infestazione di mosca della frutta dell'olivo.

Tuttavia, strategie alternative richiederanno il monitoraggio precoce della popolazione di moscerini della frutta, dalla primavera in poi, per capire come la popolazione è sopravvissuta all'inverno e che tipo di impatto potrebbe avere sulla prossima stagione.

Il divieto del dimetoato richiederà anche agli agricoltori locali, ai governi e alle organizzazioni agricole di adottare un approccio diverso quando si tratta di gestione del territorio, poiché uliveti abbandonati può svolgere un ruolo importante nella riproduzione precoce della mosca.

Tuttavia, la CIA ha affermato che mentre gli studi sono in corso e le strategie globali non sono ancora in atto, l'impatto economico del danno causato dal frutto dell'olivo può portare a scelte difficili.

La confederazione ha affermato che potrebbe portare a frutteti di olivi recentemente abbandonati in diverse aree "con nuove sfide per le attività rimanenti, nonché per il paesaggio e la manutenzione del territorio ".





Related News

Feedback / suggerimenti