Australia / Nuova Zelanda

In Australia, gli avvocati chiedono una migliore valutazione della salute dell'olio d'oliva

Un rapporto indipendente commissionato dal governo australiano ha raccomandato di non migliorare la valutazione delle stelle sulla salute dell'olio d'oliva a causa del suo contenuto di grassi saturi. Gli oppositori hanno affermato che il rapporto manca il quadro più ampio della salute.

Settembre 2, 2019
Di Daniel Dawson

Notizie recenti

La questione dell'opportunità o meno di un trattamento speciale dell'olio d'oliva nel sistema nazionale Health Star Rating (HSR) in Australia verrà sollevata nella prossima riunione del Australia e Nuova Zelanda Forum ministeriale sulla regolamentazione degli alimenti.

Attualmente, l'olio d'oliva è classificato come meno salutare di canola o olio di girasole dal sistema a causa del suo contenuto di grassi saturi e senza tener conto del contenuto salutare, come ad esempio polifenoli o acidi grassi omega-3.

Non ci sarà un sistema perfetto per ogni singolo alimento ma, una volta che avrai preso in considerazione tutte le prove, dovrà avere una sorta di coerenza logica.- Anna Peeters, Università di Deakin

Nel periodo precedente alla riunione di regolamentazione, il governo australiano ha assunto una società di consulenza per verificare il sistema HSR e per determinare se il rating dell'olio d'oliva debba essere modificato sulla base di fattori attualmente non presi in considerazione dal sistema.

"La revisione riconosce le prove presentate dalle parti interessate in merito al il loro rapporto. "Tuttavia, la recensione è consapevole del fatto che il calcolatore HSR può attingere solo a una serie limitata di fattori per determinare l'HSR di un prodotto."

Guarda anche: Australia e Nuova Zelanda Notizie sull'olio d'oliva

"Mentre l'olio d'oliva ha alcuni benefici per la salute, è anche più alto nei grassi saturi rispetto ad alcuni altri oli", hanno aggiunto gli autori del rapporto.

pubblicità

Il sistema HSR, che dà a tutti gli alimenti confezionati nei due paesi un grado che va da una stella (meno sana) a cinque stelle (più sana), tiene conto delle calorie, del contenuto di sodio, degli zuccheri totali, delle proteine ​​e delle fibre la valutazione.

Diversi esperti sanitari hanno avvertito che l'ambito ristretto del sistema HSR mina l'idea del sistema di classificazione.

"Non ci sarà un sistema perfetto per ogni singolo alimento ma, una volta presa in considerazione tutte le prove, deve avere una sorta di coerenza logica - altrimenti viene minata e le persone non capiscono cosa è giusto e non giusto e perché ”, ha detto a The Sydney Morning Herald Anna Peeters, direttrice dell'Institute for Health Transformation della Deakin University.

pubblicità

Peeters ha chiesto ai politici australiani di non scartare le straordinarie proprietà salutistiche dell'olio d'oliva e ha invece suggerito che il sistema HSR dovrebbe allinearsi più da vicino a "ciò che i consumatori comprendono logicamente sulle scelte alimentari sane".

Nel suo rapporto, MPS Consulting ha insistito sul fatto che l'olio d'oliva non poteva essere differenziato da altri oli da cucina "sulla base di fattori non considerati per nessun altro prodotto".

pubblicità

Altri sostenitori di un cambiamento nella classifica della salute dell'olio d'oliva hanno sostenuto che invece di demolire l'intero sistema, la quantità di grassi saturi consentiti negli alimenti con un punteggio HSR di cinque (il più salutare) dovrebbe essere aumentata.

Allo stato attuale, gli alimenti confezionati devono avere un contenuto di grassi saturi inferiore al 12% da prendere in considerazione per la valutazione a cinque stelle. L'olio d'oliva ha un contenuto di grassi saturi del 14 percento e riceve un HSR da tre a 3.5 (a seconda del suo grado).

"Alcune parti interessate hanno suggerito che tutti gli oli commestibili con un grasso saturo inferiore o uguale al 15% dovrebbero automaticamente ottenere un HSR di cinque", ha scritto MPS Consulting. "Tuttavia, questo risultato non può essere raggiunto attraverso il calcolatore HSR senza aumentare ugualmente i livelli di HSR di margarine e miscele non casearie con grassi saturi inferiori o uguali al 15 percento, riducendo significativamente la discriminazione tra i prodotti di questa categoria."

Joanna McMillan, scienziata nutrizionista e dietista presso la Latrobe University, a Melbourne, e consulente scientifico per Curva limite, ritiene che il sistema HSR si concentri troppo sui singoli ingredienti e dovrebbe invece concentrarsi su diete intere.

"La scienza nutrizionale si è spostata dai singoli nutrienti come i grassi saturi e altro verso i modelli alimentari", McMillan ha detto al Sydney Morning Herald. "Mangiare una torta da festa non è la stessa cosa di mangiare un pezzo di formaggio anche se hanno lo stesso grasso saturo".

Altri sostenitori del cambiamento della classifica sanitaria dell'olio d'oliva hanno chiesto che gli oli alimentari siano esentati dal sistema HRS, in modo simile agli alimenti a ingrediente singolo come sale e zucchero.

Tuttavia, MPS Consulting ha risposto che altri prodotti alimentari confezionati con un solo ingrediente, come frutta, verdura, carne e riso, hanno tutti ricevuto una valutazione, che aiuta i clienti a prendere decisioni informate.

pubblicità

"La rimozione di oli alimentari dal sistema limiterebbe le informazioni disponibili ai consumatori per fare scelte più sane in questa categoria", hanno scritto gli autori del rapporto.

I ministri statali e federali di entrambi i paesi dovrebbero prendere la loro decisione finale in merito alla riunione della regolamentazione alimentare di novembre.