È improbabile che i produttori italiani ottengano l'estensione del dimetoato prima del raccolto

Con poche alternative praticabili, quest'anno gli agricoltori dovranno trovare nuovi modi per far fronte alla mosca dell'olivo.
Agosto 2, 2021
Ephantus Mukundi

Notizie recenti

Il Ministero della Salute italiano ha ricevuto una richiesta dagli olivicoltori per estendere l'uso del dimetoato per il prossimo Vendemmia 2021.

Tuttavia, coltivatori e produttori temono che non ci sia abbastanza tempo per le necessarie revisioni per concedere la proroga di 120 giorni.

Prima di essere approvata, la richiesta deve essere preventivamente esaminata dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, dal Servizio fitopatologico nazionale e dai servizi regionali.

Vedi anche: Olive tra gli alimenti con il livello più basso di residui di pesticidi in Europa, risultati dello studio

"I divieto di utilizzo di dimetoato sta già mettendo l'oliva allevamenti della zona in crisi, proprio perché non esistono alternative altrettanto efficaci”, ha detto Lapo Baldini, direttore della sezione toscana della Confederazione italiana agricoltori (CIA).

"I prodotti ovicida, la cui efficacia pratica deve ancora essere dimostrata, sono più difficili da usare di un larvicida come il dimetoato, che agisce in una gamma molto più ampia", ha aggiunto. "Rame e caolino (fungicidi) sono deterrenti per il mosca di frutta d'oliva ma non risolvono, come abbiamo già visto, il problema in caso di attacchi massicci di mosche”.

Dati i tecnicismi e le burocrazie coinvolte nel processo, è improbabile che gli agricoltori ottengano la loro richiesta entro la fine di settembre.

A quel punto, sarà troppo tardi per gli olivicoltori utilizzare efficacemente il dimetoato, considerando le restrizioni della catena di approvvigionamento.

Mentre il divieto del dimetoato è entrato in vigore nel 2019, gli Stati membri interessati dell'Unione Europea hanno chiesto una proroga per l'uso del pesticida, che è scaduta nell'ottobre 2020.

Con la speranza di una nuova estensione in diminuzione, gli olivicoltori sono in difficoltà per le alternative mentre si preparano per una stagione di lotta contro la mosca dell'olivo senza fare affidamento sul dimetoato.

Vedi anche: Preoccupazioni sul divieto di dimetoato tra gli olivicoltori francesi

Gli olivicoltori possono ancora utilizzare pesticidi con i principi attivi di fosfmet e deltametrina. Il primo funziona come prodotto ovicida e parzialmente larvicida, mentre il secondo ha un effetto adulticida.

L'unico problema con entrambi questi due principi attivi è che tendono ad avere un effetto residuo sull'olio se utilizzati entro 60-90 giorni dalla raccolta. Ciò impedisce a molti oli extra vergini di oliva prodotti in questo periodo di essere esportati all'estero, in particolare negli Stati Uniti.

L'unica altra alternativa è usando acetamiprid in quanto possiede azione ovicida e parzialmente larvicida e bassa residualità. Tuttavia, il suo utilizzo è limitato a due trattamenti all'anno.

Questo lascia gli agricoltori in una posizione difficile. Non è consigliabile affidarsi a un metodo di controllo larvicida, soprattutto nelle zone ad alta infestazione, poiché la mosca dell'olivo può passare da tre a quattro generazioni da luglio a ottobre.

Per combattere la minaccia della mosca dell'olivo, gli allevatori richiedono un intervento adulticida nella prima generazione in cui l'infestazione è bassa o media e, quando necessario, seguirla con un approccio larvicida.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti