Gli esperti in Italia offrono consulenza agli olivicoltori che combattono la mosca della frutta

Un attento monitoraggio delle trappole e l'applicazione dei trattamenti al momento giusto sono tra le chiavi per prevenire danni estesi dal parassita dell'olivo, dicono gli esperti.

dorsale Bactrocera
Novembre 12, 2020
Di Ylenia Granitto
dorsale Bactrocera

Notizie recenti

Rilasciato il Servizio fitosanitario regionale della Toscana linee guida tecniche per il monitoraggio e il controllo di mosca di frutta d'oliva popolazione da coltivatori e tecnici che lavorano in aziende biologiche e integrate.

Considerato uno dei più dannosi parassiti dell'olivo a causa dei danni che provocano sia alla quantità che alla qualità del frutto, questo insetto ditteri si trova nel bacino del Mediterraneo, Sud Africa, Centro e Sud America, Cina, Australia e Stati Uniti

La prevenzione dovrebbe essere l'obiettivo principale di un approccio efficace e sostenibile.- Massimo Ricciolini, Servizio Fitosanitario Regionale Toscana

Le istruzioni, fornite dagli esperti, si sono concentrate sulla situazione in Toscana può essere adattato dagli allevatori in base al ciclo di sviluppo della mosca, che può variare a seconda delle condizioni pedoclimatiche della zona olivicola.

"Nei paesi europei, la sfida derivante dal divieto di dimetoato richiede un nuovo approccio nel controllo della mosca dell'olivo ", ha affermato Massimo Ricciolini del Servizio fitosanitario regionale toscano. "Tuttavia, considerando il diffusa esigenza di sostenibilità, riteniamo che non solo l'affidabilità fitiatrica ma anche la sicurezza tossicologica e ambientale debba essere alla base di qualsiasi strategia efficace contro questo parassita ".

Vedi anche: Gli agricoltori avvertono che il divieto di pesticidi mette a rischio la produzione di olio d'oliva in Italia

Il ritiro dal mercato dell'insetticida organofosfato sistemico Dimetoato, utilizzato contro le larve della mosca, ha portato gli esperti a considerare lo stadio adulto dell'insetto come l'obiettivo principale della lotta.

Hai pochi minuti?
Prova il cruciverba di questa settimana.

"La prevenzione dovrebbe essere l'obiettivo principale di un approccio efficace e sostenibile ", ha affermato Ricciolini. "Non ci sono alternative nell'agricoltura biologica in questo momento, quindi in attesa dei risultati della ricerca su nuovi validi trattamenti curativi (cioè contro uova e larve), è necessario implementare tecniche per uccidere o respingere gli adulti ".

"È importante notare che nella nostra regione la mosca completa la sua prima generazione annuale in primavera ", ha aggiunto. "L'insetto utilizza le olive che rimangono sulle piante, a causa della raccolta incompleta o uliveti abbandonati, come substrato riproduttivo e fonte di cibo. Quindi, tra la fine di giugno e l'inizio di luglio, di solito, si verifica il secondo volo dell'anno, che è più grande del primo ".

Le femmine depositano le loro uova nelle olive dell'anno in corso, già ricettive e solitamente all'inizio del processo di lignificazione del nocciolo.

"Da queste uova emerge la seconda generazione dell'anno, che è la prima dell'estate ”, ha detto Ricciolini. "I frutti verdi in crescita vengono poi danneggiati dall'attività delle larve che, passando per tre stadi, si sviluppano a discapito della polpa, scavando un tunnel nel mesocarpo prima superficiale e filiforme, poi profondo e di sezione maggiore e, infine, affiorare nella sezione ellittica. " 

"A seconda della stagione, le larve mature cadono a terra per diventare pupe o, quando la fase di pupa è completata, gli adulti si chiudono [emergono dalla custodia pupa] ”, ha aggiunto.

europa-produzione-esperti-in-italia-offerta-consulenza-per-olivicoltori-contro-la-mosca-della-frutta-olio-d'oliva

Durante i mesi più caldi, periodi di alte temperature (oltre 30-33 ° C - 86-91.4 ° F) e bassi livelli di umidità relativa (inferiori al 60 percento) possono causare la morte di parti sostanziali di uova e giovani popolazioni di larve, con conseguente potenziale riduzione del danno.

Le popolazioni di mosche in genere aumentano notevolmente nei mesi di settembre e ottobre, con il rischio di un progressivo danneggiamento fino alla raccolta, dovuto sia alla caduta dei frutti che ai processi ossidativi che interessano le olive forate. Al fine di prevenire l'ovodeposizione e lo sviluppo larvale, i coltivatori dovrebbero effettuare una raccolta anticipata, efficace soprattutto negli anni di forte infestazione.

"In Toscana, con tutte le dovute eccezioni, il rischio di attacchi è solitamente maggiore lungo la costa e tende a diminuire verso le zone interne, le alte colline e l'Appennino ”, ha detto Ricciolini. "Negli ultimi 15 anni, una maggiore conoscenza della biologia della mosca dell'olivo e la creazione di un ampio database agrometeorologico e demografico hanno permesso di definire un modello di previsione del rischio di infestazione. "

"Ha dimostrato che, nel nostro territorio, le basse temperature in inverno agiscono come un fattore limitante per questo insetto e che il tasso di sopravvivenza delle sue popolazioni in inverno influenza le popolazioni della generazione primaverile ", ha aggiunto.

Il suggerimento è di monitorare sia la dinamica della popolazione adulta, a partire dal primo volo annuale, sia l'andamento dell'infestazione da olivo, a partire dal secondo volo dell'anno. 

Il monitoraggio del volo deve essere effettuato, su base settimanale, con trappole cromotropiche oa feromoni (da una a tre trappole per un terreno standard di un ettaro / 2.5 acri con 280 ulivi); il monitoraggio delle infestazioni dovrebbe essere effettuato, su base settimanale, campionando 100 olivi per appezzamento di olivo (considerando una media di un ettaro / 2.5 acro con 280 olivi).

Se l'infestazione supera la soglia del cinque per cento (data da uova vive, larve di prima e seconda età) o del 10 per cento (data da uova vive e larve di prima età), è possibile procedere con l'utilizzo dei prodotti larvicidi consentiti.

europa-produzione-esperti-in-italia-offerta-consulenza-per-olivicoltori-contro-la-mosca-della-frutta-olio-d'oliva

Olive danneggiate dalla mosca dell'olivo (Servizio Fitosanitario Regionale Toscano.)

In questo quadro, basato sulla conoscenza del territorio e sulla nocività degli attacchi in termini di frequenza e intensità, gli esperti sottolineano l'importanza di attuare un'azione dissuasiva e / o omicida nei confronti dei primi adulti estivi.

"Dobbiamo considerare che alcuni dispositivi e prodotti funzionano meglio in vasti frutteti ", ha detto Ricciolini. "Altri tendono ad essere più efficienti nei piccoli appezzamenti. "

I grandi oliveti (più di cinque ettari / 12.4 acri) richiedono dispositivi o prodotti esca con estensione 'attirare e uccidere l 'azione che ha lo scopo di attirare maschi e femmine adulte verso una fonte di cibo o feromoni e poi ucciderli per ingestione (dell'esca avvelenata) o per contatto (con la superficie attiva del dispositivo).

Le trappole a feromoni e insetticidi disponibili sul mercato, così come le trappole fatte a mano contenenti esche proteiche sono ampiamente utilizzate ed efficaci; inoltre l'insetticida naturale Spinosad è consentito in diversi paesi.

In piccoli appezzamenti si consiglia di utilizzare prodotti con azione repellente nei confronti di maschi e femmine e con effetti antiovodeposizione contro le femmine, come rame, caolino, altri minerali come zeolite e bentonite, e un composto a base di fungo, la Beauveria bassiana. La ricerca è in corso su questi ultimi due trattamenti.

I coltivatori in agricoltura integrata possono utilizzare, ove consentito, insetticidi a base di Phosmet (organofosfato), Acetamiprid (neonicotinoide) e Deltametrina (in Italia questo estere piretroide può essere utilizzato solo nelle trappole).

"In tutti i casi, l'obiettivo è prevenire deposizione delle uova", Ha detto Ricciolini. "Nella nostra regione ciò implica agire contro gli adulti del primo volo estivo, che avviene tra la fine di giugno e l'inizio di luglio. Dovremmo considerare come parametri critici le prime catture di adulti nelle trappole, i primissimi fori di deposizione delle uova e l'indurimento del nocciolo nel frutto ".

Il Servizio Fitosanitario Regionale Toscano ha offerto gli ultimi suggerimenti generali:

  • È necessario identificare la tecnica di difesa (ovvero il tipo di prodotti) che si intende utilizzare contro la mosca dell'olivo prima dell'inizio della campagna olivicola, al fine di avere un'idea del periodo di intervento, tenendo conto dell'andamento climatico stagionale e lo sviluppo e la crescita delle olive.
  • La scelta della tecnica (cioè del prodotto) va fatta tenendo conto del rischio di infestazione e perdita di produzione nella zona in cui si trova l'oliveto. Di solito, il rischio è più alto lungo la costa e più all'interno e ad altitudini più elevate. Inoltre, è importante considerare la produzione attesa: il rischio è maggiore in un anno fuori, minore in un anno.
  • È importante stimare, in base alle caratteristiche produttive e fitosanitarie dell'anno, l'entità dei danni e delle perdite di produzione che si possono sopportare.
  • Se, durante la campagna, la strategia adottata o il prodotto utilizzato non è efficace, prova ad integrare i prodotti scegliendo quelli consigliati e consentiti nella regione.

"Dal secondo volo estivo in poi si possono decidere interventi preventivi tenendo conto della durata di azione del prodotto utilizzato, del completamento della precedente fase preimaginale (cioè dello stadio di sviluppo che precede immediatamente l'adulto) dell'insetto, le prime catture di adulti della generazione precedente e i primissimi fori di deposizione delle uova della nuova generazione ", ha detto Ricciolini.





Related News

Feedback / suggerimenti