`La conferenza esorta i commercianti di olio d'oliva a monitorare la loro catena di approvvigionamento - Olive Oil Times

La conferenza sollecita i commercianti di olio d'oliva a monitorare la propria catena di approvvigionamento

Settembre 28, 2015
Olive Oil Times STAFF

Notizie recenti

Una conferenza tenuta al Cornell Club di New York da uno studio legale di San Francisco la scorsa settimana ha delineato i pericoli del commercio di olio d'oliva e ha avvertito chiunque lo vendesse o lo distribuisse di sapere cosa stanno facendo.

Solo 23 ha partecipato alla conferenza, 11 di cui erano gli stessi oratori, ma tra i non oratori c'erano acquirenti di Whole Foods Market, Trader Joe's, Fairway Market, Fresh Direct e Kehe Distributors.

"Avvocati affamati camminano lungo i corridoi del cibo in cerca di obiettivi ", ha avvertito Christopher Van Gundy, un partner di Keller e Heckman, la società che ha organizzato l'evento, mentre esponeva la sua richiesta di maggiore vigilanza da parte di importatori, distributori e rivenditori. "Tutti nella catena di approvvigionamento sono responsabili ".

Presenta un test sensoriale e chimico per ogni marca che vendi.- David Neuman, Gaea USA

A sostenerlo è stata una processione di oratori compresi Extra Virgin Alliance co-fondatori Alexandra Devarenne e Paul Miller, American Oil Chemists 'Society Chief Science Officer Richard Cantrill, Brown University Assistant Professor of Medical Science Mary Flynn, Gaea North America CEO David Neuman e Maria Reyes di Distributori KeHE.

Eryn Balch, della North American Olive Oil Association, avrebbe dovuto presentarsi alla conferenza ma non era presente.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

"Manca un sacco di soldi ”, iniziò Paul Miller, che era presidente della Australian Olive Association intrapreso una campagna contro l'etichettatura ingannevole dei marchi dei supermercati. Nonostante una chiara tendenza della domanda verso la qualità in tutto il mondo, ha sottolineato, il valore di EVOO è impallidito rispetto ad altri oli da cucina.

Christopher Van Gundy, un partner di Keller e Heckman, si è rivolto ai partecipanti di una conferenza, "Difendere la catena di approvvigionamento: il caso dell'olio extravergine di oliva ", al Cornell Club di New York

Questo perché alcuni produttori spacciano oli economici come extra vergini e li scaricano sugli scaffali dei negozi dove i consumatori hanno poche possibilità di ottenere ciò per cui pagano, ha affermato Miller.

L'unico modo per prevenire l'inganno e i commercianti di responsabilità affrontano come incombono casi di frode, è monitorare la qualità e gestirla per tutta la durata di conservazione dell'olio d'oliva. "Il futuro del settore sta mettendo alla prova gli scaffali ", ha detto.

Una volta che i principali rivenditori iniziano a testare i prodotti dagli scaffali, i problemi scompaiono, ha detto, citando esempi come il rivenditore tedesco Aldi, che esegue regolarmente test utilizzando il PPP e DAG metodi sviluppati da Christian Gertz dell'Istituto ufficiale di analisi chimica.

"In qualità di acquirente, devi sapere quanto o più dei tuoi fornitori o perderai il sopravvento ", ha affermato David Neuman, CEO della filiale nordamericana del marchio greco, Gaea. 

Neuman, che ha guidato Lucini Italia fino a quando non lo è stato venduto a California Olive Ranch all'inizio di quest'anno, ha detto che i rivenditori dovrebbero condurre test regolari per dimostrare la due diligence nel caso in cui vengano chiamati in causa sulla qualità dei prodotti sui loro scaffali.

"Presenta un test sensoriale e chimico per ogni marca che vendi ", ha suggerito Neuman, aggiungendo che i rivenditori dovrebbero fatturare ai produttori i costi aggiuntivi.

Con i produttori di olio extra vergine di oliva di alta qualità che lottano per consegnare i loro prodotti ai consumatori a prezzi che valgono la pena del grande sforzo necessario per produrlo, Alexandra Devarenne, co-fondatrice e consulente di EVA, ha accusato un "un'insensata spirale discendente ”che trascina l'industria al suo minimo comune denominatore.

Devarenne ha affermato che se le bottiglie di olio d'oliva identificassero il vero grado del loro contenuto, "avremmo un forte scambio vergine olio d'oliva negli Stati Uniti "- un grado, ha affermato, che ai consumatori piace già usare - che viene etichettato correttamente extra vergine riflettere il suo vero valore e imporre i prezzi più elevati necessari per sostenere l'industria. "Perché mettere il rossetto sui tuoi maiali? ”Chiese, "quando puoi vendere la pancetta? "

Maria Reyes, che ha detto di essere cresciuta senza sapere nulla sull'olio d'oliva, ma come direttore della gestione dei fornitori presso KeHE Distributors ha mostrato un interesse speciale per la categoria e il suo potenziale, ha affermato che la crescita del distributore di specialità alimentari da 3 miliardi di dollari era nel "categorie superiori. "

Ha raccomandato ai rivenditori di aggiungere più varietà alla sezione dell'olio d'oliva speciale per ottenere profitti maggiori e fornire prodotti più sani ai clienti.

Related News

Feedback / suggerimenti