`Gli importatori di olio d'oliva nominano il nuovo direttore - Olive Oil Times

Importatori di olio d'oliva Nome Nuovo direttore

Ottobre 17, 2017
Curtis Cord

Notizie recenti

La Associazione nordamericana dell'olio d'oliva ha nominato Joseph R. Profaci direttore esecutivo del gruppo commerciale dei principali importatori di olio d'oliva americani. La posizione era precedentemente ricoperta da Eryn Balch.

È chiaro che il 'L'epidemia di notizie false negli Stati Uniti non si limita a coloro che cercano di ottenere vantaggi politici.- Joseph R. Profaci

"Sono molto orgoglioso di essere alla guida del NAOOA. Questo ruolo è il culmine dei miei 25 anni in questa attività e mi sento ben preparato per affrontare il problema più grande che il settore sta affrontando, che crediamo sia la fiducia e la fiducia dei consumatori ", ha detto Profaci Olive Oil Times.

Joseph R. Profaci è un avvocato con istruzione presso la Harvard e la New York University che ha servito come consulente generale per Colavita USA, azienda con sede nel New Jersey fondata dal padre, John J. Profaci che ha avviato una partnership con Enrico Colavita nel 1980 per distribuire il marchio negli Stati Uniti

La storia familiare di Profaci nel settore dell'olio d'oliva risale a un'altra epoca: suo nonno, Joseph Profaci, è stato il fondatore di uno dei New York "cinque famiglie criminali "conosciute come Colombos, e l'ispirazione per il personaggio di Marlon Brando in "Il Padrino. ”Un tempo era il più famoso racket del paese noto come "Olive Oil King ”e "Don Peppino. "

In 2010, il figlio di John J. Profaci, John Profaci Jr. ha detto al New York Post sull'evoluzione della famiglia in 'imprese legittime: "Siamo andati così lontano, la nostra famiglia, da quei giorni. Andavamo tutti in buoni college e avevamo una buona istruzione. Siamo uomini d'affari ... È così lontano dal nostro passato. "

"Mio nonno è morto nel 1962, quando avevo due anni ”, ha detto Joseph R. Profaci Olive Oil Times. "Sedici anni dopo, nel 1978, mio ​​padre, John J. Profaci, lavorava come intermediario alimentare quando ebbe la fortuna di essere presentato a Enrico Colavita che era in viaggio di nozze a New York. All'improvviso, mio ​​padre era nel settore dell'olio d'oliva e anche lui ha affrontato le stesse domande e non pochi commenti immeritati sul passato ".

"Siamo orgogliosi del rispetto per cui abbiamo lavorato e vinto, e spero di essere giudicato in base ai miei meriti piuttosto che stereotipi obsoleti e sconnessi ", ha aggiunto.

Profaci, che ha iniziato ieri nel suo nuovo ruolo, guida un gruppo commerciale che ha assunto una posizione sempre più offensiva contro quelle che considera dichiarazioni inesatte che hanno danneggiato la reputazione degli oli d'oliva importati.

"A questo punto l'anno scorso, l'associazione dell'olio d'oliva si stava riprendendo dal recente rapporto sulla frode dell'olio d'oliva sui 60 minuti della CBS ”, ha scritto Profaci di recente nella Rapporto annuale dell'Associazione delle industrie alimentari (AFI). "Di conseguenza i nostri membri hanno sfidato l'associazione a elaborare un piano strategico sia per rispondere ai continui attacchi contro l'olio d'oliva importato, sia per raddoppiare i nostri sforzi per promuovere notizie positive sulla categoria. "
Vedi anche: 60 minuti esamina l'adulterazione dell'olio d'oliva in Italia
A novembre 2016, il gruppo ha citato in giudizio la televisione 'Dottor Oz' per aver affermato durante uno spettacolo andato in onda a maggio 2016 che l'80% dell'olio extra vergine di oliva venduto nei supermercati statunitensi non lo è "reale. ”Quel vestito era destituito lo scorso marzo.

"L'associazione è stata delusa e in disaccordo con il licenziamento del giudice ", ha detto oggi Profaci. "Ma dopo che la NAOOA ha presentato un ricorso, le parti hanno raggiunto un accordo amichevole. Il dottor Oz è impegnato nella nostra causa di proteggere i consumatori dalle frodi, inclusa la disinformazione ingannevole, e ne siamo grati ".

A dicembre dell'anno scorso, il gruppo ha intentato una causa contro il distributore di negozi specializzati con sede in California Veronica Foods per quello che ha chiamato "dichiarazioni false, fuorvianti e scientificamente prive di fondamento sull'olio d'oliva venduto nei supermercati, sostenendo che manca dei benefici per la salute che i consumatori si aspettano. " in corso e Profaci ha rifiutato di commentare il procedimento.

Profaci ha descritto le questioni chiave dell'associazione nel suo rapporto all'AFI: "Ci sono tre rami principali nella nostra strategia per l'olio d'oliva: difendersi dagli attacchi; scienza e standard; e comunicazioni. È chiaro che il 'L'epidemia di notizie false negli Stati Uniti non si limita a coloro che cercano di ottenere vantaggi politici ".

"La cosa buona è che le persone sono veramente appassionate di olio d'oliva ", ha osservato. "La sfida è assicurarsi che siano sufficientemente informati per sapere se vengono ingannati, sia che si tratti di un clickbait che pubblica notizie false su Facebook o su un'etichetta di prodotto ".

Il gruppo si è impegnato in iniziative di lobby su temi come Legislazione sulle fatture agricole e programmi di test di qualità. "La NAOOA ha iniziato a lavorare a stretto contatto con i consulenti di Washington DC per aiutarci a istruire i legislatori sullo stato attuale delle cose. Come risultato di questi sforzi, la bozza del rapporto sugli stanziamenti del Comitato agricolo del Senato includeva il linguaggio secondo cui la FDA dovrebbe condurre test su tutti i prodotti (e non solo sulle importazioni) ", ha scritto Profaci.

Il discorso protezionistico dell'amministrazione Trump è servito anche da invito all'azione per il gruppo commerciale secondo Profaci, che ha detto: "Dobbiamo rimanere vigili sugli ostacoli che potrebbero essere eretti alla luce della retorica anti-commerciale della campagna presidenziale del 2016, sia in termini di regolamentazione delle importazioni che di politica fiscale ".

Profaci ha ricoperto il ruolo di presidente della NAOOA fino a giugno 2017, secondo un comunicato stampa fornito a Olive Oil Times. I media sono stati invitati a contattare Greg Drescher presso il Culinary Institute of America (CIA) come riferimento su Profaci.

In 1991, Colavita USA ha donato $ 2 milioni al Culinary Institute in cambio dei diritti di denominazione per un nuovo edificio del campus, il Colavita Center for Italian Food and Wine. Nel 2010, John J. Profaci è stato inserito nella Hall of Fame della CIA.


Related News

Feedback / suggerimenti