Produzione e consumo di olio d'oliva in calo

Gli ultimi dati del Consiglio oleicolo internazionale per la campagna 2016 / 17 rivelano un calo del consumo di olio d'oliva, in particolare in Europa. ma le prospettive per la stagione 2017 / 18 sono migliori.

Dicembre 11, 2017
Di Daniel Dawson

Notizie recenti

La produzione di olio d'oliva nella stagione di crescita 2016/17 è diminuita del 20 percento rispetto allo scorso anno, secondo un rapporto dal Consiglio oleicolo internazionale (CIO).

Le maggiori diminuzioni si sono registrate nell'Unione Europea, nel Medio Oriente e nel Nord Africa. I produttori dell'UE hanno registrato un calo della produzione del 25%.

Nella comunità autonoma spagnola dell'Andalusia, che produce oltre i due terzi di Olio d'oliva spagnolo, la produzione è diminuita del 15.8 percento.
Vedi anche: Dati del mercato dell'olio d'oliva
Alcuni nella regione hanno attribuito questa diminuzione alla mancanza di pioggia.

"I fattori meteorologici possono influenzare il raccolto finale ”, ha dichiarato Rodrigo Sanchez Haro, ministro dell'Agricoltura, della pesca e dello sviluppo rurale dell'Andalusia.

"Non è ancora possibile sapere quante olive rimarranno non raccolte a causa dell'insufficiente qualità o resa ”, ha affermato.

L'Italia ha vissuto un'estate calda e secca, con il 30% di pioggia in meno rispetto al normale. La mancanza di precipitazioni in tutta la regione è stata principalmente la causa della diminuzione del produzione di olio d'oliva.

Grecia, Portogallo, Cipro, Croazia, Francia e Slovenia sono state tra le altre nazioni dell'UE la cui produzione è diminuita.

Nel resto dei paesi membri del CIO, la produzione è diminuita del 10 percento.

I paesi del Nord Africa e del Medio Oriente hanno registrato il calo maggiore di queste produzioni. Insolitamente estate calda e secca di fronte all'intera regione del Mediterraneo era in parte responsabile, ma in alcuni paesi, anche le turbolenze politiche hanno danneggiato la produzione.


© Olive Oil Times | Fonte dei dati: Consiglio oleicolo internazionale


Giordania (-32 percento), Tunisia (-29 percento), Israele (-17 percento), Marocco (-15 percento) e Libia (-11 percento) hanno registrato i maggiori cali di produzione.

Tuttavia, la produzione di olio d'oliva non è diminuita in tutte le nazioni membri del CIO. Egitto (+ 21 percento), Turchia (+ 18 percento) e Libano (+ 9 percento) hanno tutti registrato aumenti sostanziali.

Nonostante ottimismo all'inizio di quest'anno sull'aumento della produzione, l'Argentina ha registrato un calo del 10%.

Consumo

Globale consumo di olio d'oliva è stato anche in calo del sei percento nello stesso periodo.

Il consumo di olio d'oliva nei paesi dell'UE è diminuito del 12 percento con le maggiori diminuzioni che si verificano in Grecia, Francia e Italia. Anche gli Stati Uniti e il Canada hanno registrato cali di consumo.


© Olive Oil Times | Fonte dei dati: Consiglio oleicolo internazionale


Tuttavia, Turchia, Brasile e Cina hanno aumentato notevolmente i propri consumi. Molti osservatori cinesi ritengono che la nazione più grande del mondo continuerà ad aumentare il proprio consumo mentre una fiorente classe media inizia a cercare prodotti alimentari di qualità superiore dall'estero.

Per la Stagione di produzione dell'olio d'oliva 2017/18, il CIO prevede che il consumo rimbalzerà, aumentando del cinque percento.

pubblicità

Gli analisti del CIO prevedono un aumento globale del 14% rispetto alla stagione 2016/17.





Le nazioni dell'UE dovrebbero aumentare la produzione del tre percento. L'Italia (+ 76 percento), la Grecia (+ 54 percento) e il Portogallo (+ 14 percento) dovrebbero tutti sperimentare forti aumenti del rimbalzo della produzione dalle battute d'arresto di quest'anno.

Tuttavia, si prevede che la Spagna continuerà a diminuire di produzione. Il CIO prevede che il maggiore produttore mondiale di olio d'oliva diminuirà del 15 percento rispetto a quest'anno.

Si prevede che altri membri del CIO avranno una crescita molto maggiore rispetto all'UE con una produzione che dovrebbe aumentare del 51 percento.

Tunisia (+ 120 percento), Argentina (+ 74 percento), Turchia (+ 62 percento), Marocco (+ 27 percento) e Algeria (+ 27 percento) dovrebbero tutti avere i maggiori incrementi di produzione seguiti da vicino dalla Giordania (+ 25 percento), Egitto (+ 25 percento) e Libia (+ 12 percento).

Il Libano è l'unica nazione, oltre alla Spagna, in cui si prevede che la produzione diminuirà con un calo dell'-%.

Nessuno al CIO era disponibile a commentare le tendenze o le previsioni.





Related News

Feedback / suggerimenti