Omics assicurano l'autenticità degli oli d'oliva portoghesi

La genomica e la metabolomica sono al centro di uno studio di ricerca per autenticare e tracciare gli oli d'oliva extravergine portoghesi.

Boschetto tradizionale in Alentejo
Marzo 11, 2019
Di Rosa Gonzalez-Lamas
Boschetto tradizionale in Alentejo

Notizie recenti

La crescita Industria portoghese dell'olio d'oliva può aggiungere un vantaggio competitivo ai suoi prodotti grazie alle omiche dell'olio d'oliva portoghese per la tracciabilità e l'autenticità, noto anche come progetto Por30.

Lo sforzo di ricerca, condotto dall'Università di Évora, mira a garantire il autenticità e tracciabilità di oli portoghesi che utilizzano approcci genomici e metabolomici che affrontano gli aspetti geografici e varietali e le differenze di olive in tutto il Portogallo.

L'approccio metabolomico ci fornisce molte informazioni sulla composizione chimica degli oli di oliva.- Maria João Cabrita, ricercatrice presso l'Università di Évora

Autenticità e tracciabilità sono temi emergenti nella scienza dell'alimentazione. Le procedure di autenticazione alimentare aiutano a garantire l'autenticità e l'origine dei prodotti alimentari nonché l'identificazione di pratiche fraudolente. Una sfida del settore è lo sviluppo di strumenti di certificazione analitica affidabili per raggiungere questi obiettivi.

"Gli approcci genomici e metabolomici sono più affidabili di altri approcci per autenticare e rintracciare l'olio d'oliva ", ha detto Maria João Cabrita, del gruppo di scienze dell'alimentazione dell'Istituto di scienze agrarie e ambientali (ICAAM) dell'Università di Évora Olive Oil Times.

Vedi anche: Frode all'olio d'oliva

"L'approccio metabolomico ci fornisce molte informazioni sulla composizione chimica degli oli d'oliva e stiamo cercando di correlare i dati chimici con, o spiegarli, con alcune variabili come pioggia, temperatura, posizione ", ha aggiunto.

Tradizionalmente, l'autenticazione alimentare si basava sull'identificazione di composti chimici marcatori, come composti volatili e fenolici, tocoferoli, pigmenti, steroli, acidi grassi, triacilgliceroli e analisi sensoriale.

L'identificazione è stata quindi seguita dalla quantificazione e dal confronto dei valori ottenuti con quelli stabiliti per il materiale autentico. Questo approccio presentava limitazioni e richiedeva che le molecole target (marker) fossero precedentemente identificate.

L'approccio genomico si basa sulla valutazione del DNA dell'olio d'oliva, nonché sulla definizione di marcatori molecolari per ciascuna varietà di olive studiata.

L'approccio metabolomico utilizza una serie di tecniche, come il profiling e il fingerprinting, concentrandosi sullo studio della composizione volatile degli oli mediante gascromatografia multidimensionale completa, nonché lo studio degli elementi minerali utilizzando tecniche ICP-MS.

Inoltre, lo studio della composizione di isotopi stabili (SIRMS) di elementi leggeri mediante spettroscopia di massa del rapporto isotopico (IRMS) e l'uso della spettroscopia di risonanza magnetica nucleare per fornire una firma spettrale dei diversi acidi grassi degli oli extravergine di oliva monovarietali sono utilizzati per identificare l'origine.

Queste tecniche vengono anche utilizzate per discriminare tra altri tipi di oli extra vergine di oliva, come quelli biologici o non organici.

Il Portogallo è il settimo produttore mondiale di olio d'oliva e il quarto esportatore di olio d'oliva. Il paese ha recentemente visto espandersi la superficie dell'oliveto, influenzando la produzione di olio d'oliva. Poiché l'olio extravergine di oliva è un prodotto di alta qualità economicamente importante per il paese, è imperativo che il Portogallo abbia una conoscenza approfondita delle sue varietà di oliva e dei suoi oli, per proteggere il valore della loro unicità.

Alentejo è responsabile per i due terzi della coltura olivicola nazionale del Portogallo ed è per questo che Por30 si è concentrato su questa regione e su alcune delle sue più importanti varietà di olive: Galega Vulgar, Carrasquenha, Cordovil de Serpa, Cobrançosa, Blanqueta de Elvas, Madural e Verdeal Alentejana .

Picual e Arbequina sono stati considerati anche per la loro reputazione globale e la grande presenza in Alentejo, dove l'aumento della coltivazione superintensiva ha fatto guadagnare importanza a queste cultivar non tradizionali. Una conoscenza più approfondita delle varietà di olive portoghesi e degli oli d'oliva che producono può incoraggiare la piantagione di più varietà di olive portoghesi.

Por30 studia anche alcuni oli di Trás-os-Montes, nel nord del Portogallo.

"L'idea originale era di studiare più regioni, ma non era un compito facile ottenere gli oli di oliva, dal momento che abbiamo bisogno di oli di oliva varietali ", ha detto Cabrita.

Lanciato nel 2016 e che dovrebbe concludersi questo ottobre, Por30 è un progetto nazionale che coinvolge le università di Évora e Nova de Lisboa, con un certo coinvolgimento dell'Istituto nazionale di ricerca agraria e veterinaria, che fornisce assistenza nel campionamento dell'olio d'oliva.

I campioni sono stati consegnati da diversi produttori di petrolio, sebbene nessun progetto di denominazione di origine protetta o di organismi di regolamentazione dell'olio d'oliva sia stato coinvolto nel progetto.

"A parte la genomica, che non è ancora finita, possiamo dire che applicando gli strumenti statistici corretti, la composizione volatile dell'olio d'oliva riflette l'origine varietale degli oli d'oliva ", ha detto Cabrita. "Hanno diversi profili volatili che possono essere collegati alle varietà. "

"Per quanto riguarda l'origine geografica, la firma dei rapporti isotopici degli oli d'oliva del nord è diversa da quella del sud ", ha aggiunto, indicando che al momento non è previsto un sigillo di certificazione. "Abbiamo presentato un articolo che, per quanto a nostra conoscenza, è il primo rapporto che registra e valuta la massa δ2H [isotopo di idrogeno] di oli extra vergini portoghesi ”.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti