Affari

Le previsioni sulla resa delle olive da tavola in Spagna si abbassano

Da una resa originale di tonnellate 590,000, l'associazione interprofessionale spagnola delle olive da tavola ha già rivisto questa cifra di oltre il 10 percento. A seconda delle condizioni climatiche, la resa finale potrebbe essere persino inferiore.

Foto per gentile concessione di Asemesa.
Settembre 5, 2019
Di Daniel Dawson
Foto per gentile concessione di Asemesa.

Notizie recenti

La Spagna si aspetta un raccolto di olive da tavola di tonnellate 523,000 al massimo nel Anno del raccolto 2019/20, una riduzione del 15 percento rispetto all'elevata produzione record dell'anno scorso.

L'Associazione delle olive da tavola interprofessionale del Ministero dell'agricoltura, dell'alimentazione e della pesca aveva inizialmente previsto una resa di circa 590,000 tonnellate, ma un'estate molto secca dopo la primavera insolitamente fredda li ha costretti a rivedere tale previsione.

Abbiamo un raccolto medio-basso in quasi tutte le varietà.- Antonio Rodríguez, segretario di COAG Málaga

L'Associazione interprofessionale ha aggiunto che il rendimento finale potrebbe essere addirittura inferiore se prevalgono condizioni climatiche sfavorevoli durante tutto il raccolto.

"Successivamente, le temperature sono aumentate [dalla primavera] e stanno esacerbando notevolmente le conseguenze del deficit idrico che si è trascinato durante l'anno agricolo per i boschi ”, ha scritto l'Interprofessional nel suo rapporto. "Questo fatto sta causando una diminuzione dei frutti verdi alla data di emissione della presente relazione e condiziona notevolmente il risultato finale durante il periodo di raccolta. "

Guarda anche: Table Olive Notizie

Con le tonnellate 523,000, la resa di quest'anno sarebbe la più bassa poiché 2012 e 10 erano inferiori alla media dei cinque raccolti precedenti.

pubblicità

In Andalusia, dove quasi l'80% delle olive da tavola spagnole viene coltivato e raccolto, un esperto si aspetta che a "raccolto medio-basso quest'anno.

La stagione del raccolto è arrivata tre settimane prima rispetto al 2018, secondo Antonio Rodríguez, che ha condotto la prima valutazione della coltura di olive da tavola della comunità autonoma per COAG Andalusia.

Ha detto che le stesse condizioni climatiche che hanno portato al forte calo delle stime di produzione avevano anche causato l'inizio del raccolto prima, e con ogni probabilità, durato per un periodo di tempo più breve.

Queste condizioni meteorologiche hanno causato una bassa fioritura di molti olivi e hanno portato a diverse varietà di olive a non maturare correttamente.

"Abbiamo un raccolto medio-basso in quasi tutte le varietà ", ha dichiarato Rodríguez nel rapporto. Le uniche varietà che sembrano essere al passo per un raccolto normale sono le olive Cacereña e Carrasqueña, che rappresentano meno del 10 percento di tutti gli oliveti andalusi.

Nonostante il cattivo raccolto di quest'anno, Antonio de Mora, il segretario generale di Asemesa, ha detto Olive Oil Times che la principale organizzazione spagnola di produttori di olive da tavola, che fa parte dell'Associazione interprofessionale di olive da tavola, prevede che la produzione continuerà a crescere.

"Ogni raccolto è diverso ", ha detto de Mora. "La produzione spagnola, come nel resto del mondo, mostra a tendenza alla crescita sostenuta per molti anni."

Tuttavia, la tendenza al rialzo della metà del decennio precedente sarà certamente interrotta quest'anno. I produttori e altri membri del settore aspetteranno che l'Associazione interprofessionale delle olive da tavola fornisca un aggiornamento sullo stato della raccolta il 23 settembre.

Fino ad allora, si prevede che il clima in Andalusia continuerà a essere più caldo e secco del normale, il che potrebbe esaurire ulteriormente il totale della produzione finale.




  • COAG Andalusia



Related News