Asia

Il mercato indiano dell'olio d'oliva mostra un potenziale, ma ha un prezzo

La Spagna è ben posizionata per capitalizzare il crescente mercato dell'olio d'oliva in India. Le alte tariffe sugli oli d'oliva importati, tuttavia, rappresentano un grosso ostacolo per i produttori spagnoli.

Un evento di degustazione per gli oli d'oliva spagnoli. Foto per gentile concessione della Interprofessional Olive Oil Association
Aprile 2, 2019
Di Daniel Dawson
Un evento di degustazione per gli oli d'oliva spagnoli. Foto per gentile concessione della Interprofessional Olive Oil Association

Notizie recenti

Un nuovo studio dalla Spagna Ministero dell'industria, del commercio e del turismo (ICEX) ha concluso che esiste un grande potenziale per l'olio d'oliva nel mercato degli alimenti gourmet indiani.

"Siamo [anche] convinti che si tratti di un mercato con un potenziale enorme", ha detto Teresa Pérez, direttrice dell'associazione interprofessionale spagnola dell'olio d'oliva Olive Oil Times. “Devi solo rivedere l'evoluzione delle vendite per verificare che il consumo di oli di oliva stia evolvendo in modo molto positivo India. "

Il problema attuale (in India) è che il governo ha aumentato le tariffe del 40 percento e, logicamente, i consumi hanno sofferto molto.- Rafael Pico Lapuente, direttore di Asoliva

L'associazione non è stata direttamente coinvolta nello studio ICEX, ma lavora per promuovere Olio d'oliva spagnolo consumo in tutto il mondo. ICEX non ha risposto a una richiesta di commento su questa storia.

L'olio d'oliva rappresenta attualmente lo 0.14 per cento degli oli commestibili venduti in India e viene acquistato principalmente nelle aree urbane del secondo paese più popoloso del mondo. Tuttavia, le statistiche del Ministero del Commercio del paese mostrano che le importazioni di olio d'oliva sono quasi quadruplicate nell'ultimo decennio, passando da 2,700 tonnellate nel 2009 a 9,300 tonnellate nel 2018.

"Partiamo dal presupposto che questo è solo l'inizio", ha detto Pérez.

pubblicità
Guarda anche: Notizie commerciali sull'olio d'oliva

Secondo il rapporto ICEX, numerosi fattori si sono uniti per rafforzare la domanda del prodotto. Le nuove tendenze alimentari sane tra gli indiani hanno portato a un maggiore riconoscimento dell'olio d'oliva come alternativa salutare ad altri oli da cucina e vegetali popolari.

L'ascesa della classe media del paese, specialmente nelle aree urbane, ha anche contribuito a alimentare la domanda di cibi gourmet e prodotti da cucina. Secondo il rapporto, il 70 percento della domanda indiana di olio d'oliva si concentra su Delhi e Mumbai.

"Stiamo parlando di un grande paese che attualmente ha una classe media composta da circa 300 milioni di persone", ha detto Pérez. "I consumatori che, quando raggiungono un certo livello di vita, danno sempre più importanza a un pasto sano".

pubblicità

Ha anche attribuito la crescente domanda di olio d'oliva in India, che ha introdotto molti consumatori indiani della classe media nella cucina mediterranea e nell'olio d'oliva. Livelli crescenti di turismo è stato anche citato da analisti di mercato nella vicina Cina come uno dei motivi per cui l'appetito per l'olio d'oliva è cresciuto tra la sua classe media.

Pérez e Rafael Pico Lapuente, direttore dell'Associazione spagnola dell'industria e del commercio di esportazione di olio d'oliva (Asoliva), hanno entrambi concordato che Spagna è particolarmente ben preparato per rifornire questo mercato in crescita.

pubblicità

"Tre su quattro litri venduti in India sono oli d'oliva dalla Spagna", ha detto Pérez. “In totale, l'anno scorso abbiamo venduto più di 7,000 tonnellate in quell'immenso Paese. È chiaro che abbiamo una posizione molto solida in quel mercato. "

I dati supportano in modo schiacciante la valutazione di Pérez. Secondo il Ministero del Commercio indiano, 76 percento delle importazioni di olio d'oliva indiano proveniva dalla Spagna in 2018.

La Spagna ha anche una maggiore capacità di esportare nel mercato emergente indiano rispetto ad altri grandi paesi produttori di olio d'oliva, secondo Pico Lapuente. Ciò è dovuto in gran parte a La crescente produzione della Spagna rispetto alle precedenti campagne accoppiato con cattivi raccolti in altri grandi paesi produttori di olio d'oliva.

"La Spagna è il leader indiscusso in tutti i mercati", ha detto Pico Lapuente Olive Oil Times. "Nel caso dell'India, siamo anche leader."

Tuttavia, ICEX ha avvertito che i prezzi elevati rimarranno un ostacolo per i produttori di olio d'oliva che esportano nella regione. Il rapporto ha rilevato che la stragrande maggioranza delle abitudini di spesa degli indiani è dettata dal prezzo, lasciando l'olio d'oliva ben dietro ad altri oli da cucina più economici.

Il quaranta percento degli indiani intervistati nel rapporto afferma di aver acquistato olio d'oliva in bottiglie da 250 millilitri, permettendo loro di provare il prodotto senza impegnarsi a fondo. Attualmente, le bottiglie da 250 millilitri di olio d'oliva variano nel prezzo da 230 rupie indiane ($ 3.33) a 600 rupie ($ 8.69).

Le tariffe recentemente imposte ed esistenti sulle importazioni di olio d'oliva nel paese sono principalmente responsabili di questi prezzi elevati e hanno portato a una diminuzione del valore monetario delle importazioni di olio d'oliva vergine in India negli ultimi anni. Tuttavia, le tariffe non hanno influito sui volumi di olio d'oliva importato.

pubblicità

Pico Lapuente ha affermato che queste tariffe saranno il maggiore ostacolo per gli esportatori di olio d'oliva che cercano di entrare nel mercato.

"L'India per noi era ed è un paese obiettivo per promuovere gli oli d'oliva e aumentarne il consumo", ha affermato Pico Lapuente. "Il problema attuale è che il governo indiano ha aumentato le tariffe del 40 percento e, logicamente, i consumi hanno sofferto molto".

"L'ultima salita è inspiegabile, considerando che l'India non ha produzione", ha aggiunto.

È qui che entra in commercio l'olio d'oliva come prodotto alimentare gourmet, secondo Pérez. L'Associazione interprofessionale dell'olio d'oliva sta già lavorando con altre associazioni, tra cui Asoliva e l'Associazione spagnola dei giovani agricoltori (ASAJA), per indirizzare gli annunci pubblicitari a specifici dati demografici.

La Interprofessional Olive Oil Association combina pubblicità digitale, cartacea, televisiva e cinematografica, insieme ad altre promozioni per raggiungere il maggior numero possibile di potenziali acquirenti. Ciò ha incluso la collocazione di 20,000 spot pubblicitari sulla televisione indiana e la pubblicazione di annunci in otto pubblicazioni su larga scala.

Con tutta questa esposizione all'olio d'oliva spagnolo, Pérez è fiducioso che i consumi possano continuare a crescere nonostante le tariffe.

"Vista l'entità della campagna, è facile comprendere l'evoluzione favorevole di quel mercato", ha affermato Pérez.