Regole dell'OMC a favore dei produttori spagnoli nella controversia sulle olive da tavola

L'OMC ha affermato che le tariffe anti-sovvenzioni imposte dagli Stati Uniti ai produttori spagnoli nel 2018 erano illegali. Tuttavia, l'organizzazione regola le tariffe antidumping potrebbe rimanere.
Novembre 20, 2021
Daniel Dawson

Notizie recenti

L'Organizzazione mondiale del commercio ha stabilito che alcuni tariffe imposte dagli Stati Uniti sulle importazioni di maturi olive da tavola dalla Spagna sono illegali.

Le tariffe sono state imposte dal Dipartimento del commercio degli Stati Uniti a luglio 2018 dopo che due produttori di olive da tavola con sede in California hanno presentato denunce antidumping e antisovvenzioni. A seconda della società coinvolta, queste tariffe variavano dal 30 al 40 percento.

Ora ci aspettiamo che gli Stati Uniti adottino le misure appropriate per attuare la sentenza dell'OMC in modo che le esportazioni di olive mature dalla Spagna negli Stati Uniti possano riprendere in condizioni normali.- Valdis Dombrovskis, vicepresidente esecutivo, Commissione europea

Nella sua 146 pagine rapporto, l'OMC ha affermato che il Dipartimento del Commercio ha interpretato erroneamente le regole che disciplinano l'assegnazione e la valutazione del regime di pagamento di base dell'Unione europea, che era il più grande dei sussidi e pagamenti rurali forniti all'industria agricola nell'ambito del 2003 Politica agricola comune.

Vedi anche: Notizie commerciali

L'OMC ha aggiunto che il Dipartimento del Commercio aveva erroneamente sostenuto che il regime di pagamento di base e il regime di pagamento unico, che lo hanno preceduto, erano "esplicitamente limitato agli olivicoltori" e che il beneficio di tali sussidi è andato interamente ai coltivatori che hanno esportato negli Stati Uniti

Tuttavia, l'OMC ha anche affermato che l'UE non è riuscita a dimostrare che gli Stati Uniti abbiano violato il diritto commerciale internazionale attraverso l'applicazione delle sue tariffe antidumping. Di conseguenza, l'OMC ha affermato che potrebbero reggere.

pubblicità

"Gli sforzi della Commissione per difendere con forza gli interessi e i diritti dei produttori dell'UE, in questo caso i coltivatori di olive mature spagnole, stanno ora dando i loro frutti", ha affermato Valdis Dombrovskis, vicepresidente esecutivo e commissario per il commercio. "L'OMC ha confermato le nostre affermazioni sui dazi anti-sovvenzioni ingiustificati e in violazione delle regole dell'OMC".

"Questi dazi hanno colpito gravemente i produttori di olive spagnoli, che hanno visto le loro esportazioni negli Stati Uniti cadere drammaticamente di conseguenza", ha aggiunto. "Ora ci aspettiamo che gli Stati Uniti adottino le misure appropriate per attuare la sentenza dell'OMC in modo che le esportazioni di olive mature dalla Spagna negli Stati Uniti possano riprendere in condizioni normali".

Né il Dipartimento del Commercio né l'International Trade Commission, entrambi coinvolti nella stesura e nell'attuazione delle tariffe, avevano commentato la decisione dell'OMC al momento della stesura.

La Commissione europea ha affermato che le esportazioni di olive mature dalla Spagna negli Stati Uniti sono diminuite di quasi il 60 percento dall'imposizione delle tariffe. Prima del 2018, la Spagna esportava annualmente negli Stati Uniti circa € 67 milioni di olive da tavola.

Secondo l'Associazione spagnola degli esportatori e produttori di olive da tavola (Asemesa), i produttori di olive nere da tavola in Spagna hanno accumulato perdite di esportazione di oltre € 150 milioni da luglio 2018.

Mentre i funzionari di Asemesa celebrano la sentenza dell'OMC sull'illegittimità delle tariffe antisovvenzioni, l'attenzione dell'organizzazione tornerà presto su un caso separato facendosi strada attraverso il sistema giudiziario statunitense.

Nel giugno 2021, la Corte del Commercio Internazionale degli Stati Uniti ha stabilito che gli argomenti utilizzati dal Dipartimento del Commercio come base delle tariffe antisovvenzioni e antidumping sono "non a norma di legge”.

Al Dipartimento del Commercio sono stati quindi concessi 90 giorni per presentare nuove prove. La finestra per presentare le prove si è chiusa a fine settembre. Ancora una volta, il dipartimento non ha commentato se si fosse ripresentato.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti