`Cambio in aria alla riunione del Consiglio dell'Olio d'oliva della California

Affari

Cambio in aria alla riunione del Consiglio dell'Olio d'oliva della California

Marzo 10, 2011
Lori Zanteson

Notizie recenti

Un'affluenza maggiore del California Olive Oil Council (COOC) ha visto negli anni riuniti sabato 5 marzo a Monterey per l'incontro annuale dell'organizzazione. Non sono stati i soli numeri, tuttavia, a rendere l'evento un successo. L'energia e l'entusiasmo sono stati alti poiché i membri hanno partecipato a un programma dinamico di eventi, tra cui seminari e una fiera completa con un concorso di olio d'oliva. Certamente l'elezione di sei seggi in consiglio aperto ha contribuito alla partecipazione e ha sicuramente suscitato l'entusiasmo.

Bob Singletary
onorato con il
"Premio Pioneer ”

L'aumento delle presenze non è stato una sorpresa per Patty Darragh, direttore esecutivo del COOC, che ha stimato che l'affluenza alle riunioni è stata del 30 percento superiore rispetto allo scorso anno e che gli ospiti della cena di sabato sera hanno superato lo scorso anno del 40 percento. "I numeri sono enormi ", ha detto con udibile eccitazione. Darragh ha attribuito i numeri alla crescita complessiva del settore, nonché ai nuovi standard USDA e ai recenti rapporti UC Davis, che ha affermato di aver entusiasmato le persone del settore. Ha anche attribuito credito all'aumento della sensibilizzazione e del desiderio di adesione del COOC, nonché al successo dei coltivatori e produttori della California.

Le elezioni di quest'anno sono state allacciate con l'anticipazione dei membri desiderosi di un COOC che lavorerà per loro e si adatterà ai notevoli cambiamenti portati dall'enorme crescita dell'industria olearia della California. Nel suo diciannovesimo anno di servizio, il COOC ha sperimentato i propri cambiamenti in termini di leadership, appartenenza e responsabilità. Alcuni membri esprimono il loro voto in modo un po 'più deciso rispetto agli anni passati, con un occhio al futuro in un settore che, con un forte sostegno, li porterà lontano.

Un partecipante ha detto Olive Oil Times che l' "un livello di interesse senza precedenti per le elezioni ”, così come l'energia e l'eccitazione durante la riunione, erano dovuti ai nomi delle votazioni. Numerosi partecipanti, tra cui alcuni membri fondatori, che avevano lasciato l'organizzazione alcuni anni fa, hanno recentemente rinnovato la loro adesione, segnando un cambiamento che ha chiaramente contribuito all'entusiasmo delle elezioni e all'intero incontro.

Le elezioni si svolgono ogni anno durante l'incontro annuale. I membri si ritirano dal consiglio di amministrazione di 13 membri ogni anno al termine del loro mandato di due anni. Non vi è alcun limite al numero di volte in cui gli operatori storici possono chiedere la rielezione. I membri del COOC esprimono il proprio voto per riempire i seggi aperti, scegliendo tra gli operatori storici e i nuovi candidati. Un partecipante ha chiamato le procedure elettorali "meno che stellare. ”Tuttavia, per la prima volta, ai candidati è stata data l'opportunità di rivolgersi all'adesione. Apparentemente la notifica era un po 'all'ultimo minuto, ma ogni sfidante parlava o leggeva una dichiarazione se non erano presenti.

pubblicità

Una forza di spicco dietro California Olive Oil, Deborah Rogers, amministratore delegato di The Olive Press, era in corsa per un posto nel consiglio di amministrazione. Uno dei membri originali del COOC, è tornata di recente in quello che descrive come "questa ondata di consapevolezza nell'olio d'oliva della California "che ha collegato agli standard USDA, il rapporto UC Davis, e ciò che sta accadendo a livello globale, come in Australia. "Sono un nuovo mondo, aggressivo nel marketing e che ottiene standard più elevati ", ha detto in Australia. "Voglio che facciamo la stessa cosa. ”Rogers crede nelle fondamenta del COOC e ha detto che lo era "caricato con tutte queste idee per apportare alcuni cambiamenti davvero positivi. ”Vorrebbe vedere il risultato elettorale a favore dei nuovi candidati, si spera di creare un consiglio diversificato di coltivatori, produttori, rivenditori e rivenditori. "Ci sono incredibili opportunità insieme ad alcune sfide reali che l'industria petrolifera californiana deve affrontare ", ha affermato Rogers, "Voglio farne parte. "

Related News