` La riunione di Siviglia chiede "Cosa sanno i consumatori sull'olio di oliva?"

classi

L'incontro di Siviglia chiede "Cosa sanno i consumatori dell'olio di oliva?"

Può. 30, 2011
Di Julie Butler

Notizie recenti

Quanto i consumatori sanno della qualità dell'olio d'oliva e le controverse nuove norme dell'UE progettate per reprimere l'olio deodorato sono all'ordine del giorno di una nuova conferenza annuale che si terrà domani (maggio 31) a Siviglia.

Ospitato dalla rivista del settore dell'olio d'oliva oleomargarine, esaminerà anche gli attuali metodi di test di qualità, i pro ei contro della degustazione dei panel e quali etichette delle bottiglie di informazioni dovrebbero portare.

L'editore di Oleo Nieves Ortega ha affermato che negli ultimi anni si è registrato un netto miglioramento della qualità generale dell'olio d'oliva spagnolo. I consumatori, tuttavia, sono rimasti ignari di questo e anche dei benefici per la salute e dei diversi tipi di olio d'oliva. È per questi motivi che il titolo della conferenza è l'equivalente spagnolo di "Cosa sanno i consumatori della qualità dell'olio d'oliva? "

Ortega ha detto, quando gli è stato chiesto di nominare i diversi tipi di olio d'oliva, tre spagnoli su quattro hanno affermato di conoscere la risposta, ma in realtà solo il 3% ha capito bene. La ricerca ha anche dimostrato che quasi il 90 percento dei consumatori spagnoli non sapeva cosa fosse un singolo olio d'oliva varietale. Ciò accade nonostante le etichette delle bottiglie che affermano origini e varietà di olive negli ultimi anni.

La conferenza prenderà in considerazione le diverse responsabilità ad ogni livello della catena del valore per la trasmissione di informazioni ai consumatori in merito alla qualità, contribuendo così ad aumentare lo status e, in definitiva, il prezzo, dell'olio d'oliva, ha affermato Ortega.

pubblicità

Ha affermato che per quanto riguarda l'etichettatura, i partecipanti discuteranno su come migliorare e quali informazioni i consumatori dovrebbero ricevere, ad esempio il tipo di oliva e le qualità organolettiche.

Con l'affidabilità dei pannelli di degustazione in questione negli ultimi mesi, lo ha detto "l'importanza di mantenere il panel test per la classificazione degli oli di oliva ", verrebbe anche discusso, aggiungendo, "è un metodo che ha dimostrato il suo valore nel tempo. "

Le nuove norme dell'UE che sono entrate in vigore il 1 ° aprile hanno fissato un limite per gli esteri alchilici in EVOO. Livelli elevati indicano olio d'oliva di qualità inferiore, che è spesso deodorato. Ortega ha affermato che anche i nuovi regolamenti erano all'ordine del giorno "perché hanno generato molte polemiche. "

Il Consiglio oleicolo internazionale presenterà informazioni sui nuovi metodi di analisi e controllo di qualità che sta sviluppando e il governo regionale dell'Andalusia spiegherà i suoi controlli di qualità e le misure di evasione delle frodi, che in varie occasioni negli ultimi mesi hanno rilevato che l'olio di oliva vergine viene venduto come EVOO nei supermercati spagnoli.

Oleo spera che il seminario promuova la generazione e lo scambio di idee su come affrontare le questioni più urgenti del settore. Delle oltre 150 persone che dovrebbero partecipare sono Isabel Bombal, direttore dell'industria e dei mercati alimentari di MARM (Ministero dell'Ambiente, degli affari rurali e marittimi della Spagna); Il direttore del CIO Jean-Louis Barjol; Il regista di Asoliva Rafael Pico; Il direttore generale della FAECA Rafael Sánchez de Puerta; e Aurelio del Pino, direttore generale dell'Associazione delle catene di supermercati spagnole (ACES).

Dal punto di vista scientifico gli esperti includeranno Wenceslao Moreda Martino dell'Istituto Oli e Grassi di Siviglia (IGS); Mercedes Fernández Albaladejo, capo dell'unità di chimica e standardizzazione dell'olio d'oliva IOC; e Francisco de Paula Rodríguez, che supervisiona il controllo di qualità nel settore agroalimentare per il governo andaluso.

Related News