Olio di pesce non migliore dell'olio di oliva per ridurre il rischio cardiovascolare nei diabetici

Gli integratori di olio di pesce Omega-3 non sono riusciti a prevenire infarti o ictus di prima istanza nei diabetici rispetto a un gruppo di controllo che ha assunto capsule di olio d'oliva.

Settembre 21, 2018
Di Julie Al-Zoubi

Notizie recenti

Un importante nuovo studio sui benefici dell'olio di pesce è emerso che gli integratori di olio di pesce omega ‑ 3 non sono riusciti a prevenire infarti o ictus per la prima volta nei diabetici. I risultati deludenti dello studio ASCEND sono stati rivelati al Congresso annuale della Società europea di cardiologia.

Lo studio fornisce la necessaria chiarezza per quanto riguarda i benefici degli integratori di olio di pesce per le persone con diabete, ma nessuna storia di malattie cardiovascolari.- Louise Bowman, Dipartimento di Popolazione dell'Università di Oxford, Nuffield

Volontari di 15,500 con diabete (che si ritiene raddoppi o addirittura tripli il rischio di malattia cardiovascolare) sono stati assunti per lo studio. Nessuno dei partecipanti ha avuto malattie cardiache all'inizio dello studio che è stato intrapreso per esplorare se gli integratori di olio di pesce hanno ridotto il rischio cardiovascolare.

Durante lo studio, alla metà dei pazienti è stata somministrata una capsula giornaliera da 1 grammo di acidi grassi n-3, mentre l'altro cinquanta percento ha assunto un placebo contenente olio d'oliva. Non è stata registrata alcuna differenza significativa nel tasso di malattie cardiache o ictus tra i partecipanti che hanno assunto il supplemento di olio di pesce e quelli che hanno consumato il placebo all'olio d'oliva.

I partecipanti sono stati monitorati per una media di sette anni e mezzo. Durante lo studio, il 9.2% delle persone che assumevano il placebo è morto di malattie cardiache, ha subito un infarto o ictus non fatale o ha subito un mini-ictus noto come attacco ischemico transitorio (TIA). Tra i destinatari di olio di pesce il tasso si è attestato all'8.9%, una differenza statisticamente insignificante.

È stato anche scoperto che gli integratori di olio di pesce non hanno ridotto sostanzialmente la necessità di riaprire un'arteria bloccata più del placebo. La procedura è stata eseguita sull'11.5% del gruppo placebo e sull'11.4% del gruppo olio di pesce.

Quando sono state esaminate tutte le cause di morte, si è riscontrato che c'erano poche differenze nei tassi di mortalità, con 9.7 percentuale del gruppo di olio di pesce che moriva durante lo studio rispetto al 10.2 percentuale del gruppo placebo di olio d'oliva.

Louise Bowman, una delle autrici dello studio e professore di medicina e studi clinici presso il Dipartimento di salute della popolazione di Nuffield dell'Università di Oxford ha detto a Reuters, "Lo studio fornisce la necessaria chiarezza per quanto riguarda i benefici degli integratori di olio di pesce per le persone con diabete, ma nessuna storia di malattie cardiovascolari ".

Bowman ha continuato dicendo "Gli integratori di olio di pesce erano sicuri, ma non offrivano alcun vantaggio aggiuntivo "e suggeriscono che le linee guida per la raccomandazione degli integratori di olio di pesce debbano essere riviste.

Lo ha detto Haley Hughes, dietista registrato ed educatore certificato per il diabete con RDRx Nutrition Olive Oil Times, "In qualità di dietista, nella maggior parte dei casi promuovo prima il cibo rispetto alla supplementazione. Questo studio insieme a molti altri sostiene che ottenere nutrimento da fonti alimentari rispetto agli integratori è importante per ottenere una salute ottimale e prevenire le malattie. Prima di iniziare subito a prescrivere integratori di olio di pesce, consiglio di incorporare più scelte di stile di vita della dieta mediterranea, incluso l'uso di olio d'oliva per cucinare, mangiare pesce 2-4 volte a settimana, aumentare l'attività, ecc. Tuttavia, chiamare l'olio d'oliva un placebo, secondo me, è pazzo. Sappiamo che è una delle più potenti fonti alimentari cardioprotettive e antinfiammatorie ".

Uno studio pubblicato all'inizio di quest'anno ha inoltre sollevato dubbi sull'efficacia degli acidi grassi omega-3 nel ridurre il rischio cardiovascolare. Lo studio ha mostrato che non avevano quasi alcun effetto sulla salute cardiovascolare o sui tassi di mortalità.

A Rapporto del 2017 concluso che una dieta mediterranea ricca di olio d'oliva potrebbe giovare alla salute cardiovascolare in molti modi; sostenere i risultati di uno studio del 2014 che ha confermato che il consumo regolare di olio d'oliva è benefico per la salute del cuore.

Mentre il dibattito sui benefici dell'olio di pesce per il miglioramento della salute umana continua, è stato riferito che l'estratto di olio d'oliva è benefico la salute dei pesci d'allevamento e mostra la promessa come ingrediente nel mangime acquatico.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti