La dieta mediterranea riduce il rischio di morte per i pazienti con cuore

Una nuova ricerca indica che la dieta mediterranea riduce il rischio di mortalità per i pazienti affetti da malattie cardiache più che assumere farmaci a base di statine.

Agosto 30, 2016
Di Jedha Dening

Notizie recenti

Poiché le malattie cardiache sono la principale causa di morte in tutto il mondo, il fatto che le abitudini alimentari possano avere un impatto così enorme è notevole, anche se per certi versi non sorprendente.

La dieta mediterranea, caratterizzata da un elevato consumo di verdure, frutta, olio d'oliva, noci, semi, pesce e pollame, è ben nota per i suoi numerosi benefici da varie malattie come il cancro, il diabete, l'Alzheimer, il Parkinson e le malattie cardiovascolari.

I principali contributori alla riduzione del rischio di mortalità sono stati un maggiore consumo di verdura, pesce, frutta, noci e acidi grassi monoinsaturi, il che significa olio d'oliva.- Marialaura Bonaccio, ricercatrice

Un nuovo studio, tuttavia, ha esaminato i partecipanti che già soffrono malattia cardiovascolare (attacchi di cuore, ictus, arterie bloccate), che è diverso da molti studi che valutano le popolazioni generali.
Vedi anche: Benefici per la salute dell'olio d'oliva
Lo studio, intitolato 'Maggiore aderenza a Dieta mediterranea è associato a un minor rischio di mortalità complessiva nei soggetti con malattie cardiovascolari: i risultati potenziali dello studio MOLI-SANI "non sono ancora disponibili per la revisione completa.

Giovanni de Gaetano, capo del Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione dell'IRCCS Neuromed Institute di Pozzilli, Italia, ha presentato l'abstract del documento al Congresso ESC a Roma il 28 agosto, secondo un comunicato stampa della Società Europea di Cardiologia ( ESC).

In breve, lo studio è stato uno studio osservazionale che ha esaminato circa 1,200 partecipanti su 25,000 nello studio EPIC. L'assunzione di cibo è stata valutata tramite un questionario sulla frequenza degli alimenti e il punteggio della dieta mediterranea (MDS) è stato utilizzato per valutare la relazione tra il consumo di MedDiet e la mortalità totale.

Durante il follow-up di 208 anni si sono verificati solo 7.3 decessi e gli autori lo hanno concluso "un aumento di 2 punti delle MDS è stato associato a un rischio di morte ridotto del 21% ". Questo è stato ancora maggiore, il 37%, quando i partecipanti avevano un'adesione di prima categoria al MedDiet.

"I principali fattori che hanno contribuito alla riduzione del rischio di mortalità sono stati un maggiore consumo di verdura, pesce, frutta, noci e acidi grassi monoinsaturi, il che significa olio d'oliva ", ha affermato Marialaura Bonaccio, l'autore principale della ricerca.

Il professor de Gaetano suggerisce anche che i meccanismi sono probabilmente correlati ad altri fattori che sono stati visti come protettivi in ​​altre malattie: ad esempio, l'influenza di una MedDiet con olio d'oliva su infiammatori e lo stress ossidativo fattori che innescano e promuovono gli stati patologici.

Negli ultimi anni, le statine sono state criticate dai ricercatori come inefficaci e molti studi sulle statine non sono stati indipendenti, ma finanziati da aziende farmaceutiche. E, come la maggior parte dei farmaci, le statine hanno effetti collaterali negativi.

Sebbene siano ora necessarie ulteriori ricerche, Jeremy Pearson, direttore medico associato della British Heart Foundation, ha dichiarato per The Telegraph che: "Questo studio suggerisce che anche se stai già ricevendo cure mediche, se aggiungi una dieta mediterranea, ne trarrai ulteriori benefici.

"Mantenere uno stile di vita sano, anche se hai avuto un infarto o un ictus è molto importante e continua a trarne beneficio ".



Related News

Feedback / suggerimenti