I microrganismi in EVOO possono portare a nuove applicazioni

Microrganismi trovati a basse concentrazioni in extra virgin l'olio d'oliva potrebbe portare a nuove possibilità nel campo delle biotecnologie.

Marzo 6, 2020
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Mentre è noto che diversi microrganismi prosperano nell'olio extra vergine di oliva, molti sono rimasti inosservati fino ad ora e alcuni potrebbero portare a un miglioramento produzione di olio d'oliva pratiche e nuovi tipi di prodotti.

Una nuova ricerca di un team di microbiologi dell'Università di Sassari, in Sardegna, ha descritto l'olio extravergine di oliva come un ricco bacino di biodiversità batterica. Tra i potenziali usi di questi microrganismi vi sono la creazione di alimenti arricchiti con probiotici e prodotti di biotecnologia agricola.

L'olio extra vergine di oliva è un ambiente estremo, i batteri che vivono lì potrebbero facilmente sopravvivere altrove, il che significa che potrebbero essere adottati in diversi campi di applicazione.- Serevino Zara, microbiologo dell'Università di Sassar

"Abbiamo osservato diverse specie di microrganismi nell'olio extra vergine di oliva e abbiamo scoperto che la loro qualità e quantità varia da varietà a varietà ”, ha detto Serevino Zara, uno dei nove ricercatori coinvolti nello studio Olive Oil Times.

I ricercatori hanno esaminato i batteri presenti nell'olio prodotto in un ambiente controllato da 15 diverse varietà di ulivi, tra cui Frantoio, Coratina, Bosana e Semidana.

Guarda anche: Notizie di ricerca

Mentre ricerche precedenti avevano studiato la presenza di batteri, la loro concentrazione era spesso al di sotto dei limiti di rilevazione con metodi di coltura standard. Attraverso l'adozione di nuove tecniche, gli scienziati sono ora in grado di valutare queste concentrazioni di batteri.

pubblicità

"Come previsto, abbiamo trovato meno specie diverse di batteri negli oli di oliva che sono ricchi di polifenoli a causa delle loro proprietà antibatteriche ", ha detto Zara. "L'olio extra vergine di oliva è un ambiente estremo, i batteri che vivono lì potrebbero facilmente sopravvivere altrove, il che significa che potrebbero essere adottati in diversi campi di applicazione. "

Ha aggiunto che il processo di produzione dell'olio influenza la quantità e la varietà di batteri nel prodotto finale.

"Abbiamo prima cercato i microrganismi nelle olive, quindi nelle fasi successive del processo di trasformazione e successivamente nell'olio di oliva prodotto ", ha spiegato Zara.

La quantità di batteri rilevati è diminuita dopo ogni passaggio del processo, ma diversi tipi di microrganismi prosperavano ancora nel prodotto finale.

Tra le applicazioni prevedibili per la ricerca vi è l'uso dei probiotici presenti nei campioni. Ciò suggerisce la possibilità di produrre una nuova gamma di prodotti, incluso l'olio extra vergine di oliva probiotico, che potrebbe piacere a coloro che di solito si rivolgono a prodotti lattiero-caseari probiotici.

"Altri microrganismi presenti nell'olio extra vergine di oliva potrebbero innescare nuove biotecnologie più efficienti per le operazioni di ripristino ambientale, sia a terra che in mare, a causa della loro capacità di digerire gli oli industriali e trasformarli in composti che possono essere assorbiti dall'ambiente senza ulteriori danni, "Disse Zara.

I ricercatori hanno anche trovato alcune prove della resistenza agli antibiotici in alcuni batteri, un evento naturale che è stato studiato a causa della rilevanza della questione su salute pubblica.

La concentrazione batterica nell'olio extravergine di oliva destinato al consumo è talmente bassa da non rappresentare alcun tipo di minaccia per la salute umana, ma le caratteristiche specifiche dei microrganismi in quelle basse concentrazioni potrebbero essere utilizzate per sviluppare nuove biotecnologie.

"Diversi microrganismi potrebbero essere utilizzati in modo produttivo come induttori della crescita delle piante, ad esempio, e in tal caso, è abbastanza importante capire come potrebbero influenzare il prodotto biotecnologico e le piante stesse ", ha concluso Zara, suggerendo che ulteriori ricerche sull'olio extravergine di oliva erano necessari i batteri del petrolio.





Related News