Potenziato meccanismo potenziale per l'effetto cardioprotettivo dell'olio extra vergine di oliva

Ricercatori italiani hanno dimostrato che l'attività NOX2 dell'olio extravergine d'oliva ha ridotto la regolazione, indicando questo percorso enzimatico come meccanismo che spiega i suoi effetti antiossidanti.

Giu. 27, 2016
Di Negar Jamshidi

Notizie recenti

In una serie di recenti studi clinici approvati dal comitato etico dell'Università La Sapienza di Roma, un gruppo di ricerca italiano ha fornito prove preliminari sull'effetto benefico a breve termine dell'olio extravergine di oliva (EVOO), il segno distintivo del Dieta mediterranea, sul profilo glicemico e lipidico postprandiale in adulti sani e pre-diabetici. Parallelamente, questo gruppo ha scoperto la regolazione dell'incretina come un meccanismo sottostante plausibile per antiossidanti EVOO e effetti cardioprotettivi.

Nonostante solide prove cliniche che associno la dieta mediterranea, in particolare il suo componente chiave olio extravergine di oliva (EVOO), con un minor rischio di malattie vascolari, fino ad ora non vi è stata alcuna chiara indicazione di come possa esercitare i suoi effetti protettivi vascolari. Inoltre, la glicemia postprandiale è stata collegata a una maggiore prevalenza di esiti cardiovascolari nella popolazione generale.
Vedi anche: Benefici per la salute dell'olio d'oliva
Nella prima serie di studi pubblicati in Aterosclerosi, il gruppo italiano ha dimostrato non solo il "effetto protettivo di EVOO su una serie di marcatori di stress ossidativo ", ma anche "ha mostrato per la prima volta che l'attività NOX2 dell'olio extravergine di oliva ha ridotto la regolazione, indicando questo percorso enzimatico come meccanismo responsabile dell'attività antiossidante dell'olio extravergine di oliva ".

Gli autori hanno sottolineato la possibilità che EVOO possa esercitare il suo effetto attraverso altre vie enzimatiche nel controllo dello stress ossidativo postprandiale.

L'anno scorso, il gruppo di ricerca ha fatto un ulteriore passo avanti e ha dimostrato in volontari adulti sani che un pasto con aggiunta di EVOO è associato a una riduzione postprandiale lo stress ossidativo e migliorata glicemia postprandiale tramite meccanismo regolatorio di incretina.

Ormoni dell'incretina come il peptide-1 simile al glucagone (GLP1) e il peptide insulinotropico glucosio-dipendente (GIP) sono noti per indurre la secrezione di insulina e influenzare significativamente il controllo glicemico postprandiale. Queste incretine vengono rapidamente disattivate dall'enzima ubiquitario dipeptidil-peptidasi-4 (DPP ‑ 4), riducendo così la secrezione di insulina.

I risultati dell'ultima ricerca pubblicati in Clinical Nutrition ha inoltre rivelato che l'aggiunta di una piccola quantità di EVOO (10 g) a un pasto ha migliorato il profilo glicemico e lipidico postprandiale questa volta nei pazienti pre-diabetici. Rispetto al controllo, i pasti contenenti EVOO hanno comportato una diminuzione di quasi il 20% della glicemia postprandiale e un aumento del 40% della produzione di insulina.

Analogamente ai loro precedenti risultati, le prove hanno supportato il coinvolgimento dell'ormone incretinico in particolare il GLP1 nella regolazione del glucosio postprandiale. Gli studi in vitro hanno dimostrato che EVOO ha provocato l'attivazione di entrambi gli ormoni della incretina con la concomitante inibizione dell'attività del DPP-4.

Gli autori hanno concluso che inclusione di EVOO nei pasti migliora il glucosio postprandiale e il profilo lipidico nei pazienti pre-diabetici riducendo gli effetti dannosi di zucchero e colesterolo elevati sul sistema vascolare. Riconoscono inoltre che ulteriori ricerche in questo gruppo alterato del metabolismo del glucosio sono giustificate per valutare gli effetti a lungo termine della supplementazione di EVOO.

Il messaggio di questi studi rafforza l'idea che la prevenzione contro una serie di disturbi cronici è semplice come l'aggiunta di un cucchiaio di EVOO ai pasti su base giornaliera.



Related News

Feedback / suggerimenti