La Conferenza vaticana esamina un Rinascimento della dieta mediterranea nel 21st secolo

Gli esperti si sono incontrati a febbraio 14 presso la Pontificia Accademia delle Scienze della Città del Vaticano per avviare un dibattito sui valori del cibo e il ruolo e il significato della dieta mediterranea.

Febbraio 20, 2017
Di Ylenia Granitto

Notizie recenti

Relatori e ospiti provenienti da una vasta gamma di background tra cui la comunità scientifica, i media, la politica e l'istruzione si sono incontrati il ​​14 febbraio presso la Pontificia Accademia delle Scienze della Città del Vaticano per avviare un dibattito e discutere 'Valori alimentari 'nel contesto dell'attuale ruolo e significato del Dieta mediterranea.

Vedi anche: 'Programma della conferenza sui valori alimentari

La dieta mediterranea tradizionale (MedDiet) e lo stile di vita sono ora considerati uno dei modelli più salutari di mangiare e vivere. Tuttavia, le malattie croniche e l'obesità stanno crescendo nelle società in cui il costo e il valore percepito del cibo diminuiscono con l'aumentare della disponibilità e dell'industrializzazione.

Il valore delle diete tradizionali come la MedDiet sta finalmente diventando chiaro, e in questo rinascimento offre l'opportunità di risvegliare il rapporto delle persone con ciò che mangiano, nell'ambiente in cui vivono e migliorare la loro salute, come espresso nell'introduzione di Paolo Pasquali e monsignor Marcelo Sànchez Sorondo, che hanno sottolineato come l'adesione alla dieta mediterranea rafforzi il legame benefico tra qualità del cibo, tradizioni culturali, salute, benessere e sostenibilità.

In effetti, i modelli alimentari a livello di popolazione hanno un impatto importante anche su ogni aspetto della salute planetaria, dal clima alla biodiversità, ha affermato il presidente di The True Health Initiative David L. Katz. "Il caso sarà fatto che possiamo amare quel cibo ama la nostra salute e il pianeta indietro. "

Tra le ricerche più recenti, un 'revisione ombrello 'condotta da Francesco Sofi dell'Università di Firenze e dell'Ospedale Universitario di Careggi, ha stimato l'associazione benefica tra MedDiet e 34 diversi risultati di salute, sulla base di 12 meta-analisi di studi osservazionali e 14 meta-analisi di RCT (Randomized Controlled Trials), per una popolazione totale di oltre 12,700,000 soggetti. "I risultati hanno mostrato che MedDiet ha avuto un impatto sulle malattie croniche e sulla mortalità generale ", ha affermato Sofi.

"Inoltre, meta-analisi di RCT hanno dimostrato che i soggetti assegnati a una MedDiet avevano, rispetto ai soggetti che seguivano una dieta di controllo, migliori parametri di rischio antropometrico, metabolico e infiammatorio ".

In questo senso, polifenoli e gli acidi grassi omega 3 hanno dimostrato di esercitare azioni antinfiammatorie, attraverso molteplici meccanismi di azione, come dimostrato da Francesco Visioli del Dipartimento di Medicina Molecolare dell'Università di Padova. Ha evidenziato l'attività benefica dei micronutrienti come vitamine, minerali, polifenoli e acidi grassi essenziali contenuti in olio extravergine d'oliva, che non si limita alla loro attività antiossidante, ma è anche legata a una varietà di meccanismi, spesso interconnessi.

Stefano Benedettelli, del Dipartimento di Scienze delle Produzioni Agroalimentari e Ambientali dell'Università degli Studi di Firenze, ha richiamato l'attenzione sulle specie di grano antico, che presentano un profilo nutrizionale più sano e migliore rispetto al grano moderno, fornendo più vitamine, minerali e composti nutraceutici e biologici coltivazione.

"Il MedDiet incoraggia l'agricoltura sostenibile, contribuisce a promuovere la produzione e il consumo locale e salvaguarda i paesaggi come una risorsa eccezionale per lo sviluppo sostenibile ", ha affermato Antonia Trichopoulou, della Hellenic Health Foundation e del WHO Collaborating Center for Nutrition and Health of Athens Medical School. Il MedDiet è stato riconosciuto dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) come un esempio di dieta sostenibile in cui nutrizione, biodiversità, produzione alimentare locale e cultura locale sono strettamente interconnesse.

Per quanto riguarda la tradizione alimentare e il patrimonio culturale, lo chef e proprietario della Locanda Locatelli di Londra, Giorgio Locatelli, ha evidenziato il valore della convivialità del cibo e i benefici che questo ha sul benessere. "La dieta Med non riguarda solo il cibo e l'ambiente, ma anche le circostanze e l'ambiente in cui viene consumato il cibo. Il nostro benessere può essere influenzato da 'come "mangiamo", ha sottolineato, evidenziando il 'fattore di benessere 'di questo schema dietetico.

Quindi, il Menu di cambiamento iniziativa, è stata presentata da Greg Drescher, vice presidente di Iniziative strategiche e Leadership industriale presso il Culinary Institute of America. È stato progettato per integrare le prove scientifiche su scelte alimentari sane in modo ottimale e sostenibilità ambientale, insieme a informazioni culinarie e commerciali.

Il professore e scienziato sensoriale dell'Università di Davis, in California, Jean-Xavier Guinard, ha proposto strategie sensoriali per i cambiamenti dietetici con la Healthy Flavors Research Initiative. Realizzato in collaborazione con il Culinary Institute of America e UC Davis Dining Services, sono stati sviluppati test sensoriali e strategie culinarie per ricette più sane con un fascino sensoriale senza compromessi.

Il vasto consenso globale tra gli esperti in diversi settori sui fondamenti della dieta che favoriscono il benessere sia umano che planetario è stato evidenziato da Sara Baer-Sinnott, presidente di Oldways, un'organizzazione che mira a migliorare la salute pubblica attraverso la promozione della cultura tradizioni alimentari e stili di vita. "Man mano che apprendiamo che le principali tendenze di consumo per il 2017 sono l'autenticità e una vita sana, c'è il grande potenziale per fare la differenza attraverso una rinascita di MedDiet nei prossimi anni ".

Per renderlo possibile, c'è urgente bisogno di un nuovo approccio, soprattutto in materia di educazione e comunicazione alimentare e nutrizionale, secondo Daniele Del Rio, del Dipartimento di Food & Drug dell'Università degli Studi di Parma e Centro globale NNEdPro per nutrizione e salute, St John's Innovation Centre di Cambridge.

La ricerca di base e applicata nel cibo e nella nutrizione dovrebbe essere sottoposta a un controllo di qualità più rigoroso, come nel caso della ricerca medica e farmaceutica, ha affermato Del Rio. Sono necessari maggiori investimenti nell'educazione alimentare e nutrizionale basata su dati concreti, fornendo conoscenze e abilità nutrizionali e di alta qualità e dando priorità ai bambini. E un'attenzione molto migliore nel comunicare le raccomandazioni nutrizionali, così come la traduzione della conoscenza basata su nuove scoperte e prove evidenti, è un passo fondamentale per rendere la popolazione più consapevole dell'incredibile impatto delle proprie scelte alimentari sulla propria salute personale.

"La trasformazione dei sistemi alimentari sta emergendo come uno spazio di soluzioni significative che è unico nella sua capacità di motivare il cambiamento dall'individuo al livello globale ", ha sottolineato Fabrice DeClerck, direttore scientifico della Fondazione EAT e dello Stockholm Resilience Center e scienziato senior al Bioversity International di Roma. "Lo sviluppo sostenibile globale è realizzabile attraverso il cibo e questa trasformazione sarà raggiunta solo attraverso un allontanamento sistemico dell'intera società dal business as usual a un'azione innovativa e coordinata sul modo in cui il cibo viene prodotto e consumato. Questa trasformazione, sebbene impegnativa, è possibile ", ha aggiunto.

"C'è bisogno di una visione più illuminata del potenziale danno derivante dai moderni metodi di lavorazione degli alimenti e di una migliore comprensione dei vantaggi di attribuire un valore maggiore a cosa e come mangiamo ", hanno affermato i medici e autore, Simon Poole.

"Quelli di noi che hanno il privilegio di avere una certa comprensione dell'urgente necessità di un nuovo paradigma in materia di alimentazione e stile di vita hanno il dovere di diffondere questo messaggio ".

Poole ha ritenuto che si possa imparare molto dal modo in cui il cambiamento climatico è diventato finora un imperativo politico a causa della pressione della comunità scientifica e della propagazione della necessità di cambiamento. "Una rinascita del valore che attribuiamo al cibo è urgentemente necessaria per invertire quella che è una crescente crisi sanitaria in molte parti del mondo ", ha concluso.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti