`La resa del raccolto in Francia è inferiore alle aspettative

Affari

La resa del raccolto in Francia è inferiore alle aspettative

Giu. 6, 2020
Daniel Dawson

Notizie recenti

il colore del pollice Vendemmia 2019 in Francia era peggio di quanto si pensasse, secondo un rapporto recentemente pubblicato da Francia Olive.

L'associazione interprofessionale francese dell'olio d'oliva ha dichiarato che la cifra di produzione finale sarà tra le 3,250 e le 3,500 tonnellate, significativamente inferiore alla resa di 5,900 tonnellate che era prevista al inizio della vendemmia.

Guarda anche: Notizie sulla produzione di olio d'oliva

"Dopo due raccolti consecutivi di successo [di 6,100 tonnellate nel 2017 e 5,300 tonnellate nel 2018], il raccolto 2019/20 è in netto declino ”, ha scritto il presidente della Francia Olive Laurent Bélorgey nell'introduzione del rapporto.

"La raccolta di quasi tutte le aree di produzione è in calo, con la notevole eccezione di Aude [tra Montpellier e il confine con la Spagna], e alcuni hanno persino sperimentato raccolti catastrofici ", ha aggiunto.

Il rapporto ha attribuito il declino della produzione alle cattive condizioni meteorologiche durante tutto l'anno, in coppia con molti produttori che entrano in un anno fuori stagione.

pubblicità

Una primavera fredda ha portato alla fioritura tardiva ed è stata seguita da un'estate calda e secca, che ha danneggiato alcuni dei fiori di ulivo. All'inizio della raccolta a settembre, anche alcuni produttori hanno subito danni alle colture mosca dell'olivo infestazioni.

Entro la metà dell'autunno, forti piogge stavano cadendo in tutto il sud del paese, costringendo i produttori a respingere i loro raccolti.

Mentre questo si preannuncia come il raccolto più piccolo dal 2016, alcuni nel settore hanno affermato che la situazione non è affatto negativa. Sostengono che i bassi rendimenti aiuteranno a esaurire quelli del Paese consistenti scorte di olio d'oliva, che si stima siano circa 100,000 tonnellate.

Tuttavia, gli impatti sociali ed economici del Pandemia di COVID-19 sulla Francia hanno portato a una diminuzione delle vendite di olio d'oliva nel 2020.

"Con le vendite in calo quest'anno, è improbabile che raggiungiamo questo obiettivo [di esaurire le scorte di olio d'oliva] ”, ha scritto Bélorgey. "Non considererò mai un piccolo raccolto come una soluzione. La redditività di un frutteto dipende dalla sua produttività e quella di un mulino dalla sua attività di trasformazione. "





Related News