La carenza di manodopera, le recenti inondazioni creano una "situazione folle" mentre inizia il raccolto australiano

I coltivatori e i produttori che sperano in un raccolto eccezionale dopo la "siccità petrolifera" dello scorso anno si stanno affrettando a trovare soluzioni per la grave carenza di manodopera a causa delle restrizioni di viaggio del Covid-19.
Cape Schanck Olive Estate
Aprile 29, 2021
Lisa Anderson

Notizie recenti

Carenza di manodopera in Australia, che hanno causato la putrefazione di tonnellate di prodotti agricoli, si stanno riversando nel settore olivicolo quando i coltivatori del paese hanno iniziato a raccogliere il mese scorso.

Anche se gli olivicoltori australiani - a differenza di molti altri nel settore della produzione - dipendono principalmente dalle mietitrici meccaniche, non sono sfuggiti alle acute carenze di manodopera causate da Covid-19 restrizioni di viaggio.

La manodopera è tesa e trovare le giuste connessioni con le competenze e la disponibilità è una sfida. Alcuni frutti potrebbero non essere raccolti o forse non nel momento ottimale.- Amanda Bailey, membro del comitato, Australian Olive Oil Association

Essere fortemente dipendente da giovani lavoratori stranieri nell'industria ortofrutticola pre-Covid - in genere più di 200,000 viaggiatori zaino in spalla rappresenterebbero l'80% della forza lavoro australiana durante il periodo del raccolto - il paese deve ora far fronte a una carenza di 26,000 lavoratori agricoli.

Gli olivicoltori locali temono che queste carenze possano arrestare la macinazione delle loro attrezzature meccaniche di raccolta.

Vedi anche: Il consumo di olio d'oliva raggiunge il record in Australia

"Ci sono molti produttori in Australia che hanno avvisato il nostro ufficio di carenza di manodopera per il funzionamento di macchine per la raccolta meccanica e macchine per la lavorazione dell'olio d'oliva e di manodopera per la raccolta della frutta ", ha detto Amanda Bailey, membro del comitato dell'Australian Olive Oil Association (AOOA) Olive Oil Times.

"Il lavoro è lungo e trovare le giuste connessioni con le competenze e la disponibilità è una sfida ", ha aggiunto. "Alcuni frutti potrebbero non essere raccolti o forse non nel momento ottimale. "

Bailey, che si concentra sull'industria dell'olio d'oliva di base in Australia, ha affermato che l'AOOA lo è "cercando di mettere in contatto i produttori e avere alcune delle nostre risposte provenienti dal nostro cortile ".

"Credo che questo sia il momento per trovare connessioni con l'industria ", ha aggiunto. "Quando gli appaltatori di raccolta lavorano in una particolare area, dovrebbero raccogliere per ogni produttore in quella zona. "

Bailey ha detto che è esattamente la tendenza che stanno vedendo attualmente, con individui che lavorano in diversi impianti di lavorazione oltre alla raccolta per più coltivatori.

"Prima di Covid, i produttori erano in competizione, ma ora stanno lavorando insieme ", ha detto.

Un'altra sfida che agricoltori e produttori devono affrontare è l'industria mineraria, che paga salari più alti e sta aggravando il problema per gli olivicoltori. "La concorrenza è folle ", ha detto Bailey.

Insieme alla carenza di lavoratori, l'industria olivicola australiana è anche influenzata da una carenza di esperti agronomici, molti dei quali sono intrappolati all'estero a causa di restrizioni di viaggio legate alla pandemia.

"Ciò si aggiunge a una moltitudine di fattori che stanno creando una situazione folle ", ha detto Bailey. "[Questa è] una situazione unica su tutta la linea e una corsa contro il tempo."

La difficile situazione lavorativa dell'Australia è stata aggravata dalle recenti inondazioni nel Nuovo Galles del Sud, il peggior disastro naturale di questa natura degli ultimi decenni.

"Alcuni agricoltori hanno segnalato un calo di frutta del 40%, che quest'anno è stato deludente con noi in attesa di un raccolto eccezionale dopo la siccità petrolifera dell'anno scorso", Ha detto Bailey.

Vedi anche: Aggiornamenti del raccolto 2021

Tuttavia, Bailey spera ancora in un raccolto eccezionale quest'anno. "A loro [ai coltivatori] resta molto prodotto che possono utilizzare ", ha aggiunto.

Sui Tham, comproprietario di Cape Schanck Olive Estate a sud di Melbourne, ha detto Olive Oil Times che hanno eluso le recenti carenze di manodopera grazie al fare affidamento sulla manodopera locale negli ultimi tre anni, ma hanno aggiunto "altri boschetti potrebbero non essere fortunati come noi. "

Tham ha fatto eco alle preoccupazioni di Bailey e ha detto lì "rimane una grave carenza di lavoratori stagionali ”in tutto il paese.

"La scarsità di questi lavoratori stagionali influirà sicuramente sull'efficienza dei loro [olivicoltori] nella manutenzione, raccolta, lavorazione e nel costo del loro olio ", ha affermato Tham.

Anche David Valmorbida, presidente dell'AOOA, ha fatto eco alle preoccupazioni di Bailey per le recenti inondazioni.

"In generale, gli ulivi, dopo il loro periodo di crescita giovanile, sono una pianta molto robusta e amano una buona annaffiatura ", ha detto. "Tuttavia, dato che siamo al punto di iniziare il nuovo raccolto, le piogge eccessive possono causare una serie di problemi, che vanno dallo spogliare gli alberi dei frutti e delle foglie e danneggiare i frutti attraverso le forti piogge ".

"Un eccesso di acqua nelle settimane precedenti il ​​raccolto può significare che ci sarà un contenuto di acqua insolitamente alto nel frutto, che può anche ridurre la qualità dell'olio ”, ha aggiunto Valmorbida.

"Dipenderà da azienda agricola per azienda se gli alberi e i frutti sono stati danneggiati ", ha concluso. "Naturalmente, più in generale, un'alluvione può danneggiare la fattoria e potenzialmente causare l'erosione del suolo superficiale tra le altre questioni ".





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti