Australia / Nuova Zelanda

I produttori australiani stanno facendo nonostante Bush Fire, siccità da record

Nonostante una siccità da record e devastanti incendi boschivi, alcuni grandi produttori australiani si aspettano quasi una produzione media e oli di alta qualità nel 2020.

La grave siccità dell'Australia ha provocato l'essiccamento dei fiumi nel Nuovo Galles del Sud.
Gennaio 27, 2020
Di Matthew Cortina
La grave siccità dell'Australia ha provocato l'essiccamento dei fiumi nel Nuovo Galles del Sud.

Notizie recenti

I produttori australiani di olio d'oliva hanno affrontato sfide uniche quest'anno, come uno dei peggiori siccità nella sua storia e devastanti incendi boschivi hanno devastato gran parte del paese.

Nonostante le sfide, alcuni grandi produttori australiani di olio d'oliva stanno sperimentando una crescita della frutta di qualità e potrebbero avvicinarsi alla media della produzione in termini di quantità.

I prezzi più alti dell'acqua continuano ad avere un impatto finanziario negativo su tutti gli agricoltori e coltivatori che necessitano di acqua per l'irrigazione per far crescere il loro raccolto.- Andrew Burgess, responsabile dello sviluppo commerciale di Boundary Bend

Un grande incendio boschivo si diffuse in gran parte del sud e dell'est Australia l'anno scorso, con il danno più grave degli ultimi mesi nel Nuovo Galles del Sud e Victoria, dove si trovano molti oliveti del paese. Gli incendi, aggravati dal clima secco e dalle alte temperature, hanno rovinato migliaia di case e attività commerciali.

Il olivicoltori che sono stati maggiormente colpiti sono quelli nel Nuovo Galles del Sud e quelli che gestiscono piccoli boschi che non hanno il beneficio dell'irrigazione.

Guarda anche: I migliori oli d'oliva australiani

"I nostri volumi di frutta saranno decisamente in calo rispetto allo scorso anno ”, Westerly Isbaih di Olive Alto, nel Nuovo Galles del Sud, ha detto. "Ciò è dovuto alla combinazione che è comunque un anno magro per noi, ma anche il siccità. Che frutto abbiamo non è affetto da problemi di parassiti o malattie, quindi non vediamo potenziali problemi di qualità ".

pubblicità

Isbaih ha affermato che la mancanza di umidità verso la fine del 2019 e i forti venti di burrasca hanno avuto un impatto dannoso sulla fioritura.

Alto non è stato direttamente interessato dagli incendi, ma il fumo proveniente dalla diffusa fiammata ha coperto gran parte della regione. Fortunatamente per i coltivatori, il fumo ha poco impatto sulla crescita delle olive.

Isbaih ha dichiarato che Alto investirà ulteriormente nella sua flebo irrigazione sistema per contrastare la siccità in corso.

Irrigazione, ha detto Curva di confine Andrew Burgess, responsabile dello sviluppo commerciale, è fondamentale per il continuo successo dei coltivatori australiani.

"Poiché i boschetti di Boundary Bend sono completamente irrigati, abbiamo ottenuto una crescita molto buona con una pressione della malattia molto ridotta ”, ha detto Burgess delle operazioni di Boundary Bend a Victoria, che si trova a sud del Nuovo Galles del Sud.

Ma l'irrigazione ha un prezzo, ha detto Burgess, poiché le risorse idriche sono tese in tutta la regione nella siccità in corso.

"La conseguenza della siccità è l'aumento dei prezzi dell'acqua che ha e continua ad avere un impatto finanziario negativo su tutti gli agricoltori e i coltivatori che necessitano di acqua per l'irrigazione per far crescere il loro raccolto ", ha affermato.

Burgess ha aggiunto che Boundary Bend si aspetta "un raccolto di dimensioni ragionevoli quest'anno ”grazie al suo ampio sistema di irrigazione.

Sulla penisola di Mornington, nel sud di Victoria, Taralinga Estate ha una grande diga piena di acqua e piogge che hanno permesso all'azienda di continuare a produrre olio d'oliva di qualità, afferma Karen Godfrey di Taralinga.

"La nostra Vendemmia 2019 era un po 'giù rispetto al 2018 in termini di quantità, ma si è già dimostrato in termini di qualità con due medaglie d'oro agli Australian Food Awards e il migliore in mostra ai Golden Olive Awards ", ha detto.

Godfrey lo notò "molti olivicoltori incontrano continue incertezze per quanto riguarda l'acqua di irrigazione ”nella regione.

Burgess ha aggiunto che il Australian Olive Association sta attualmente raggiungendo i piccoli coltivatori vicino all'epicentro del fuoco nella boscaglia per vedere qual è stato il danno.

Nonostante le sfide poste dalla siccità, Isbaih ha dichiarato: "in molte parti dell'Australia le olive prosperano assolutamente, il che le rende una coltura perfetta ”.

Sebbene le basse temperature nel tardo inverno e all'inizio della primavera presentino talvolta ostacoli per i coltivatori, l'Australia meridionale è generalmente più temperata e adatta alla crescita delle olive rispetto al clima tropicale nel nord del paese.

E l'industria australiana dell'olio d'oliva sta crescendo, di conseguenza, ha detto Godfrey.

"L'industria olivicola australiana è cresciuta notevolmente negli ultimi 15 anni. L'Australia è il maggiore consumatore di olio di oliva pro capite al di fuori del Mediterraneo, quindi, a nostro avviso, il futuro del settore qui sembra davvero molto buono ", ha aggiunto, aggiungendo che Taralinga si aspetta il suo più grande anno in termini di vendite nel 2020.

Boundary Bend ha anche amplia le sue operazioni in California- sebbene il 65% delle sue olive sia ancora coltivato in Australia con le etichette Cobram Estate e Red Island.

Il costo relativamente elevato della manodopera in Australia e il fatto che l'industria non sia sovvenzionata dal governo federale può contribuire a prezzi più elevati sull'olio d'oliva australiano, ha affermato Isbaih. Ha aggiunto che la qualità dell'olio d'oliva prodotto nel paese sta aiutando i consumatori di tutto il mondo a ritirare le bottiglie da Down Under.


Related News