Il recupero degli uliveti tradizionali stimola l'olivicoltura francese

Gli olivicoltori francesi stanno lavorando per recuperare gli oliveti tradizionali come mezzo per rafforzare il settore.

Antico uliveto a Pont du Gard
Aprile 2, 2019
Di Rosa Gonzalez-Lamas
Antico uliveto a Pont du Gard

Notizie recenti

L'ente interprofessionale francese per l'olio d'oliva (Afidol) si sta concentrando sul recupero e il rinnovamento dei suoi oliveti tradizionali e di montagna come mezzo per rendere più redditizia l'industria olivicola e dell'olio da tavola del paese.

Il recupero dei paesaggi olivicoli in France ha già contribuito alla conservazione del suo patrimonio naturale e la coltivazione dell'olivo è diventata una delle pochissime attività agricole da coltivare negli ultimi anni.

Gli oliveti tradizionali sono aree con piantagioni a bassa densità (tra 200 e 300 alberi per acro), rese medio-basse (tra 5.5 e 11 tonnellate di olive per acro) e contengono alberi con un'età media di oltre 25 anni.

Vedi anche: Coltivazione di olivi

Di solito non sono soggetti all'irrigazione e in genere sono autorizzati a remare più naturalmente, con conseguente produzione irregolare. I boschetti tradizionali situati su pendii alti devono essere raccolti manualmente, costringendo coltivatori e produttori a concentrarsi sui valori aggiunti degli oli per compensare i maggiori costi di produzione.

La coltivazione dell'olivo in Francia è costantemente diminuita nel corso dei secoli XVIII e XIX a causa di gravi calamità meteorologiche, minori margini di profitto, aumento della concorrenza dovuta all'espansione dei vigneti e ad altri problemi all'interno del settore.

Da 1840 a 1929 il numero di olivi è diminuito da 26 milioni a 13.7 milioni. In 1956, il gelo ha distrutto milioni di ulivi costringendo molti olivicoltori ad abbandonare la coltivazione, causando la chiusura di molti frantoi.

Dopo questo lungo declino, l'olivicoltura in Francia iniziò a riprendersi dopo gli 1980, quando i prodotti olivicoli locali iniziarono ad essere apprezzati di nuovo. Il successivo recupero dei paesaggi olivicoli è stato un elemento cardine di questa rinascita.

Dalla fine degli 1980 alla 2010, la Francia ha iniziato a riabilitare questi boschetti abbandonati, ripulendo i pacchi di terra, rigenerando gli ulivi secolari e le terrazze dove sono stati piantati.

Pratiche più rispettose dell'ambiente sono stati introdotti, migliorando l'apprezzamento del valore del patrimonio dei boschi e garantendo agli ulivi una maggiore visibilità nei paesaggi, nell'agricoltura locale e anche come ornamento.

Gli ulivi hanno conservato la loro vecchia densità e tratti varietali nei paesaggi recuperati, ma la loro altezza è stata ridotta e la forma modificata per facilitare la coltivazione e aumentare la produzione.

Dal 1988 al 2011, il numero di olivi è cresciuto da 3.4 a 5.1 milioni e la superficie coltivata di olivo da 99,000 acri a 136,000 acri. Ciò ha reso la coltivazione dell'olivo una delle poche attività agricole che è cresciuta nel sud della Francia, più nella regione della Linguadoca-Rossiglione che nelle Alpi marittime.

Mediterranean Landscapes and Terroir (Patermed) è stato un programma di ricerca che ha cercato di promuovere la qualità dei paesaggi di vigneti e uliveti all'interno dei loro terroir e ha contribuito al loro recupero e riabilitazione.

Ciò ha stimolato un maggiore impegno di vecchi e nuovi coltivatori nel settore. Secondo i dati di 2014, ci sono olivicoltori 35,000 in Francia, 32 per cento dei quali sono professionisti; tra questi solo una parte molto piccola è dedicata esclusivamente all'olivicoltura. Il settore olivicolo francese è caratterizzato da piccole aziende agricole.

Afidol sta fornendo formazione agli olivicoltori nelle tecniche di coltivazione, come la potatura, la raccolta dagli oliveti tradizionali e la modellatura degli alberi per facilitare la loro gestione durante tutto l'anno. L'entità sta inoltre istruendo coltivatori e produttori su come gestire una varietà di strumenti che possono aiutare ad accelerare la raccolta manuale.

L'organizzazione promuove anche pratiche agricole sostenibili dal punto di vista ambientale, compresa la gestione del suolo e l'uso appropriato dei fertilizzanti. Il 25% delle superfici olivicole coltivate da coltivatori professionisti è ora gestito biologicamente.

I paesaggi olivicoli tradizionali hanno un valore economico a causa dei cibi che producono sono attualmente richiesti tra i consumatori più attenti all'ambiente e aiutano a preservare i paesaggi naturali.

Il recupero di alberi abbandonati ha anche contribuito a preservare le varietà di olive locali, come l'Etoublonnaise, garantendo autenticità e maggior valore agli oli prodotti nella regione. Aglandau e Picholine sono altre varietà presenti negli oliveti tradizionali.

La rivitalizzazione dell'olivicoltura in Francia sta contribuendo a rinvigorire un settore che genera entrate attraverso olive da tavola, oli d'oliva, altri prodotti olivicoli, festival e oleotourism.





Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Il nostro AFIDOL è un'organizzazione davvero eccellente. Fornisce molta formazione pratica sia agli agricoltori che al moulin (operatori del mulino). Abbiamo un laboratorio completo con un chimico PhD che gestisce il nostro laboratorio. Abbiamo tutti i nostri varietali analizzati dallo spettrometro in modo da poter identificare facilmente le frodi. È interessante come sia finanziato l'AFIDOL, piuttosto unico direi. Abbiamo una legge che dice che 17 centesimi per chilo di olive spremute dai moulins vengono inviati volontariamente all'AFIDOL. Quindi abbiamo un'altra legge, e un recente caso giudiziario che ha confermato la legge, che l'obbligo volontario a tutti i moulins è obbligatorio. Quindi abbiamo un pagamento obbligatorio volontario all'AFIDOL ogni anno di 17 centesimi per chilo di olive spremute. Dubito che qualsiasi altro paese lo abbia.

  2. Gen dice:

    Qui nelle Alpi dell'Alta Provenza, la qualità dell'olio d'oliva aumenta di anno in anno. Un olio in particolare è prodotto da Moulin Fortune Arizzi. Le degustazioni dei piccoli proprietari della regione stanno spuntando in tutti i mercati regionali con quelli di 'niente zone OGM, niente pesticidi che richiedono un prezzo migliore.

Related News

Feedback / suggerimenti