Seconda ondata di raccolta dei cesti Covid in Grecia

Un blocco appena imposto ha portato la Grecia a un punto morto e ha creato un incubo logistico per gli olivicoltori. Alcuni esperti sanitari ritengono che l'inizio del raccolto sia in parte responsabile della diffusione del virus.
Novembre 18, 2020
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Il Pandemia di COVID-19 continua a causare mal di testa in tutto il settore dell'olio d'oliva greco, con potenzialmente l'epidemia più recente portando a carenze di manodopera e diminuendo la produzione della stagione in corso.

Alcuni esperti sanitari hanno persino identificato l'inizio della raccolta anticipata in Grecia come potenziale causa della diffusione del nuovo coronavirus in alcune regioni del paese.

La raccolta delle olive qui è sul filo del rasoio.- Yiannis Ravvas, olivicoltore e proprietario di un frantoio a Fthiotida

"C'è un aumento dei casi di coronavirus nelle aree che fino a poco tempo fa erano fuori dalla mappa dei territori altamente colpiti, tra cui Fokida, Messinia, Lesbo e Creta ", ha detto Vana Papaevagelou, assistente professore di malattie infettive pediatriche dell'Università di Atene, durante un conferenza stampa del Ministero della Salute.

"Lo scoppio del virus in queste aree potrebbe essere correlato alla raccolta delle olive ", ha aggiunto.

Vedi anche: Aggiornamenti del raccolto 2020

A causa della paura di contrarre COVID-19 e della carenza di lavoratori, è probabile che le olive in molte aree vengano lasciate non raccolte, portando infine a una riduzione della resa in olio d'oliva.

Hai pochi minuti?
Prova il cruciverba di questa settimana.

"L'incertezza causata dalla pandemia ha fatto sì che molti produttori iniziassero a raccogliere in ottobre, che è troppo presto nella stagione ", ha detto Olive Oil Times il proprietario del mulino Voula Kaplanis, del villaggio di Solomos nel Peloponneso.

"Anche così, otteniamo olio d'oliva di alta qualità poiché non ci sono segni di Mosca della frutta," lei ha aggiunto. "Ma altri produttori hanno paura di essere infettati dal coronavirus e hanno lasciato le loro olive non raccolte, quindi molti dei nostri clienti non si sono ancora presentati per elaborare il loro raccolto. Nessuno può dire come si evolveranno le cose fino a gennaio quando concluderemo le nostre operazioni ".

business-europe-production-second-wave-of-covid-hmpers-harvest-in-greece-olive-oil-times

A complicare ulteriormente la questione, un nuovo blocco nazionale imposto all'inizio di novembre ha introdotto restrizioni di viaggio internazionali più rigorose e un divieto di viaggiare all'interno del paese, ostacolando il pendolarismo quotidiano dei coltivatori e dei lavoratori della terra disponibili per gli oliveti.

Durante il periodo di blocco, i coltivatori e i produttori devono essere in grado di dimostrare la proprietà dei boschetti, mentre la prova dell'occupazione è richiesta per i lavoratori quando si recano negli oliveti per il raccolto.

Inoltre, la lentezza delle procedure in atto per l'assunzione di lavoratori stranieri è stata individuata da alcuni produttori come causa della mancanza di forza lavoro nel paese.

"C'è un grande ritardo nel chiamare lavoratori [dall'estero] ”, ha detto Kostas Apostolopoulos, il capo dell'associazione agricola Handrinos in Messinia. "Gli uffici regionali pertinenti sono soffocati dalla burocrazia ".

"La parte principale della raccolta dovrebbe iniziare tra 10 giorni e non sappiamo come la quarantena avrà un impatto sul viaggio dei lavoratori della terra e sul trasporto delle olive dal campo al frantoio ", ha aggiunto.

Vedi anche: La Grecia promette 126 milioni di euro di aiuti ai produttori per le perdite legate alla pandemia

Yiannis Ravvas, un olivicoltore e proprietario di un frantoio con sede a Fthiotida, nella Grecia centrale, è stato rapido nel descrivere una stagione di raccolta cupa nella regione.

"La raccolta delle olive qui è sul filo del rasoio ", ha detto Ravvas. "I lavoratori stranieri se ne sono andati quando sono state annunciate le prime misure di viaggio legate a Covid, e i lavoratori greci sono quasi impossibili da trovare ".

"Andremo avanti con la raccolta con tutto ciò che abbiamo. Nonostante gli ulivi si trovassero nel loro ciclo naturale di bassa resa quest'anno, ci aspettavamo una produzione sostanziale ", ha aggiunto. "Ma la brutta verità è che i frutti dell'oliva sono stati pesantemente colpiti dalla mosca della frutta, che si è diffusa quasi ovunque influenzando la quantità e, soprattutto, la qualità del nostro olio d'oliva ".

Un'altra preoccupazione significativa per Ravvas è il prezzo dell'olio extravergine di oliva, che è attualmente inferiore ai prezzi stabiliti in altri territori produttori di olio d'oliva del paese.

"I prezzi dei produttori qui non sono niente di entusiasmante, oscillano tra € 2.50 ($ 2.96) e € 2.80 ($ 3.31) per chilogrammo e rendono inutile tutto il nostro duro lavoro e impegno ", ha detto.

"La cosa strana è che un paio di grandi impianti di imbottigliamento nelle vicinanze operano 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX per evadere gli ordini dall'estero in tempi di misure rigorose e chiusure di molti ristoranti quasi ovunque, e non capisco davvero come i prezzi all'origine siano così bassi data l'attuale domanda del mercato ", ha aggiunto.

Tuttavia, le cose sembrano migliori in alcune aree di Creta sia in termini di disponibilità dei lavoratori che qualità dell'olio d'oliva, come hanno detto i proprietari del frantoio Despina Blavakis vicino a Heraklion Olive Oil Times.

"La raccolta è iniziata in ottobre qui e ci aspettiamo di ottenere olio d'oliva di alta qualità ", hanno detto i proprietari. "Ci sono alcuni lavoratori albanesi disponibili, quindi la pandemia non ha creato ostacoli significativi per ottenere lavoratori della terra fino ad ora. E per fortuna, i frutti dell'olivo non sono stati danneggiati dalla mosca della frutta, ma dobbiamo ritardare la raccolta di alcuni giorni poiché ha iniziato a piovere forte nella nostra zona ".

"Un chilogrammo di olio extravergine di oliva attualmente vende per € 2.50 ($ 2.96), che è davvero basso ", hanno aggiunto. "Abbiamo già venduto alcune quantità all'ingrosso, ma l'enigma dei prezzi bassi e l'impatto della pandemia di COVID-19 è difficile da risolvere e siamo incerti sul futuro ".





Related News

Feedback / suggerimenti