Piccoli agricoltori e produttori in Italia si organizzano per promuovere gli oli artigianali

La Federazione Italiana Olivicoltori Indipendenti si propone di promuovere la cultura dei piccoli e medi olivicoltori e delle varietà autoctone.
Agosto 4, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

I piccoli e medi produttori di olio extra vergine di oliva si sono uniti in Italia per formare una nuova federazione focalizzata sulla conservazione del loro cultura e cultivar di olivo autoctono.

I fondatori della Federazione Italiana Olivicoltori Indipendenti (FIOI) hanno affermato che sarà la casa di coltivatori e frantoiani considerati "artigiani dell'olio d'oliva”.

Rivendichiamo il diritto di esistere e di esprimere la nostra identità sulle etichette e sugli scaffali.- Antonella Titone, vicepresidente FIOI

Gli oli di questi produttori raramente raggiungono gli scaffali dei supermercati e i produttori affermano di essere sottorappresentati in un settore che ritengono dominato da aziende e produttori più grandi.

Vedi anche: Nuovi sforzi per promuovere la varietà di olive bianche rare in Calabria

"Siamo una federazione indipendente gestita dagli stessi olivicoltori; da aziende olivicole che non hanno nulla da condividere con il mondo dell'industria dell'olio d'oliva ", ha affermato Paolo Di Gaetano, capo del Toscanacon sede a Fonte di Foiano e neoeletto presidente della FIOI.

"Siamo agricoltori che attraverso le nostre attività preservano e tutelano il territorio garantendo personalmente un rigoroso monitoraggio di tutta la filiera produttiva», ha aggiunto.

Le attuali dinamiche del mercato dell'olio d'oliva si sono dimostrate impegnativo per i piccoli produttori di olio d'oliva, hanno affermato i fondatori della federazione.

Sostengono che l'olio extra vergine di oliva artigianale e l'olio di oliva prodotto in serie dovrebbero essere considerati e valutati in modo diverso, in quanto sono prodotti separati con caratteristiche organolettiche, prezzi di vendita e clientela distinti.

"Gli artigiani dell'olio d'oliva devono distinguersi dai produttori di materie prime di olio d'oliva, il cui prodotto viene venduto sul mercato a prezzi più bassi ", ha affermato Antonella Titone, vicepresidente della FIOI che produce olio d'oliva in Sicilia. "Rivendichiamo il diritto di esistere e di esprimere la nostra identità sulle etichette e sugli scaffali”.

Secondo Pietro Intini, il secondo vicepresidente che produce olio d'oliva in Puglia, gli artigiani dell'olio d'oliva sono sparsi in tutta Italia. Ha sostenuto che il paese è così vario che dovrebbero essere prese in considerazione le singole condizioni geografiche e meteorologiche che aiutano a modellare l'olio d'oliva di ciascuna regione.

"L'Italia conta sul più vasto patrimonio olivicolo al mondo con oltre 580 cultivar di olivo, una varietà di terreni agricoli e i diversi microclimi, tutti beni preziosi che potrebbero andare persi ", ha affermato.

Secondo Intini, la FIOI mira a "salvaguardando le storiche cultivar italiane, riscoprendole e promuovendole”.

"Rispettiamo le culture olearie straniere ma rifiutiamo l'importazione di modelli agronomici e tecnologici o varietà e ibridi che potrebbero pervertire la nostra identità nazionale ", ha aggiunto.

Intanto Caterina Mazzolin, segretario generale della FIOI, ha spiegato che la federazione "obiettivo è far sì che i produttori si aiutino a vicenda e formino un mercato specifico, proiettato ben oltre i nostri confini nazionali dove il nostro oro verde di alta qualità è spesso più apprezzato”.

"Questo è qualcosa che abbiamo visto accadere nel mondo del vino, dove in passato il suo valore aggiunto e la ricerca della qualità erano spinti dai suoi clienti stranieri", ha aggiunto.

"Siamo in grado di offrire declinazioni di qualità senza eguali, una moltitudine di sapori e profumi», ha concluso Intini. "Per questo vogliamo annunciare e diffondere la buona notizia e mettere la cultura olearia italiana al centro di questo progetto di ricerca, culturale ed economico”.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti