Il sommelier dell'olio d'oliva unisce produttori di qualità in Toscana

Il fondatore di Entimio, Daniel Santini, sta riunendo un gruppo dei migliori produttori di olio d'oliva del Chianti sotto un unico marchio.

Fondatore di Entimio Daniel Santini (foto di Alessandro Moggi)
Può. 8, 2020
Di Ylenia Granitto
Fondatore di Entimio Daniel Santini (foto di Alessandro Moggi)

Notizie recenti

"Quello che avevo in mente era un marchio di lifestyle incentrato sulle persone, sul territorio e sull'eccellenza ”, Daniel Santini, il fondatore di Entimio, Ha detto Olive Oil Times. "Abbiamo fatto ancora meglio, creando un ecosistema di consumatori consapevoli e produttori artigianali collegati in una relazione fiduciosa e rispettosa. "

Santini è nato e cresciuto a Toscana, ma attualmente risiede negli Stati Uniti. Ha trascorso quasi 20 anni lavorando nella finanza, prima di iniziare una seconda carriera nel settore dell'olio d'oliva.

Ognuna delle nostre bottiglie deve essere un'esperienza memorabile.- Daniel Santini, fondatore di Entimio

"Ero un consumatore attento che lavorava nel mondo aziendale ", ha detto. "Con l'aumentare della mia passione per il cibo di qualità, ho sentito il naturale desiderio di saperne di più sull'olio extra vergine di oliva e ho capito che c'era ancora spazio per prodotti di eccellenza ".

Desideroso di saperne di più sul mondo dell'olio d'oliva, ha frequentato corsi di degustazione in Italia e negli Stati Uniti, dove ha completato il Programma Sommelier dell'olio d'oliva organizzato dal Olive Oil Times Education Lab e la International Culinary Center. Nel 2017, il suo duro lavoro e la sua passione hanno dato i suoi frutti, culminando nella creazione di una nuova società.

Vedi anche: Profili del produttore

"Per il lancio del mio progetto, ho assaggiato e selezionato alcune delle migliori produzioni del Chianti e ho invitato gli agricoltori a unirsi al marchio Entimio ", ha detto.

Ogni anno da allora un piccolo gruppo di produttori italiani di alta qualità ha preso parte a questo ambizioso progetto e ha ricevuto numerosi premi al NYIOOC World Olive Oil Competition.

Tra questi c'è la famiglia Losi, il cui lavoro e la cui storia sono alla base della qualità del pluripremiato Entimio Intenso Chianti Classico DOP.

"Siamo la quinta generazione di produttori e il nostro obiettivo è realizzare prodotti eccellenti fortemente legati al nostro territorio ", ha detto Riccardo Losi, che lavora con la sorella, il padre e lo zio per gestire l'azienda e commercializzare il loro olio d'oliva.

Il primo assaggio dell'olio extravergine di oliva dei Losis segna l'inizio di una proficua collaborazione con Santini.

"Quando l'ho sorseggiato, sapevo di aver trovato una gemma unica da custodire e condividere con il mondo ", ha detto.

A Castelnuovo Berardenga, a nord di Siena, la tenuta Losi Querciavalle è adagiata alle pendici della Certosa di Pontignano. Nel 1700 i monaci piantarono su queste stesse pendici un antico olivo di Correggiolo, che si è conservato fino ad oggi.

"La nostra famiglia ha messo radici qui 150 anni fa, nel 1870, e parte del boschetto risale a questo periodo, quando i nostri antenati riprodussero le piante della Certosa per talea ”, spiega Pietro Losi, padre di Riccardo. "Negli anni '1950, nostro nonno, Tranquillo, usava lo stesso metodo, ottenendo più cloni di quegli ulivi, e ora continuiamo a farlo con ogni nuova pianta ".

Sulle colline del Chianti ad un'altitudine compresa tra i 280 ei 350 metri (918 e 1,148 piedi), i vecchi impianti di Correggiolo sono affiancati da Frantoio, Leccino, Moraiolo e altre varietà antiche non identificate, raggiungendo un totale di 3,000 ulivi.

La tenuta, che comprende ampie aree boschive e diversi ettari di vigneti, gode di molta esposizione al sole e di un ricco terreno calcareo. Sotto, il suolo del fondovalle è caratterizzato dalla presenza di rocce tufacee.

La tenuta Querciavalle della famiglia Losi nella famosa regione toscana del Chianti.

"Le parti più antiche dei nostri boschi sono disposte secondo un vasto layout di impianto ”, ha affermato Losi, specificando che molte piante si trovano a una distanza di 10 metri (32.8 piedi) l'una dall'altra. "In passato, lo spazio tra le file veniva utilizzato per coltivare colture come grano e orzo, ora pratichiamo la coltivazione mista con viti ".

Vitigni autoctoni come Canaiolo, Malvasia, Malvasia nera, Trebbiano, Colorina e un po 'di Merlot sono intervallati tra gli ulivi, alcuni dei quali sono tenuti allo stato brado e aiutano a mantenere fresca e umida il terreno arato semestralmente.

"La policoltura richiede molta attenzione durante le operazioni fitosanitarie poiché applichiamo un metodo a residuo zero ", ha affermato Riccardo Losi. "Il rispetto per l'ambiente è fondamentale, non solo per ottenere buoni prodotti, ma anche per incoraggiare la presenza di insetti benefici nel frutteto ".

"D'altra parte, grazie all'eccellente posizione, il problema di parassiti come il mosca di frutta d'oliva è quasi irrilevante ", ha aggiunto.

Dopo importanti congelamenti nel 1956, 1985 e 1995 molti ulivi della famiglia furono sottoposti a potature drastiche, eseguite dal nonno di Riccardo, al fine di riparare il danno da gelo.

"Mi ha insegnato tutto sul suo lavoro e su queste piante, di cui sono appassionato ”, ha detto Losi. "Quella passione, tramandata di generazione in generazione, ha toccato anche il cuore della mia giovane figlia, che già ama la pungenza e l'amarezza del nostro olio extra vergine di oliva. ”

Nonostante il forte legame con la tradizione, la famiglia Losi ha sempre seguito l'evoluzione delle tecniche e dei metodi di produzione.

"Siamo passati dall'uso di a mulino tradizionale al mulino a ciclo continuo a metà degli anni '90 ”, ha detto Paolo Losi, zio di Riccardo. "Miglioriamo costantemente il nostro processo di produzione e attualmente collaboriamo con un mulino a due fasi, dotato di la più recente tecnologia, per ottenere il meglio dai nostri frutti ".

Al fine di preservare l'organolettico e proprietà chimiche dei prodotti ottenuti dagli agricoltori, Entimio ha stabilito elevati standard di sicurezza e conservazione.

"Ognuna delle nostre bottiglie deve essere un'esperienza memorabile ", ha detto Santini, aggiungendo che l'adozione di un sistema di rivestimento con argon preserva le caratteristiche dell'olio extravergine di oliva di Entimio nella bottiglia.

"Ci impegniamo a raggiungere la migliore qualità nel punto di consumo e siamo disposti a sacrificare i profitti per soddisfare i nostri clienti ", ha affermato. "Conoscono la differenza che un autentico prodotto premium può fare nella loro vita in termini di gusto e benefici alla salute. "

"Agricoltori come Losi sostengono Entimio nell'essere una fonte senza compromessi di autentico olio extravergine di oliva ", ha concluso Santini, mentre un gallo nero, il simbolo del Chianti Classico DOP, cantava vigorosamente dall'aia adiacente all'oliveto.


Related News

Feedback / suggerimenti