I manifestanti alla COP26 chiedono più azioni ai leader sul clima

I manifestanti si sono radunati a Glasgow e in tutto il mondo per esprimere il loro sgomento per il processo e i risultati della COP26.

Novembre 16, 2021
Di Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Sulla scia del vertice sul clima COP26 tenutosi a Glasgow, migliaia di manifestanti si sono radunati nelle strade della città chiedendo ai leader mondiali di impegnarsi in più misure per affrontare la crisi climatica il pianeta sta affrontando.

Secondo gli organizzatori della protesta, oltre 100,000 manifestanti, per lo più giovani, hanno marciato per la città nonostante il tempo piovoso.

Questo fine settimana stiamo scendendo in piazza in tutto il mondo per spingere i governi dall'inazione climatica alla giustizia climatica- Asad Rehman, portavoce, COP Coalition

"La siccità e le inondazioni non hanno lasciato nulla alle persone", ha detto l'attivista per il clima Vanessa Nakate alla folla a Glasgow. "Decine di migliaia di persone stanno soffrendo livelli catastrofici di insicurezza alimentare. "

Vedi anche: Copertura del cambiamento climatico

"Dobbiamo esigere che i nostri leader trattino la crisi climatica come una crisi", ha aggiunto. "Rimaniamo speranzosi. Un altro mondo è possibile".

Più di 250 eventi simili sono stati organizzati in paesi di tutto il mondo, tra cui Belgio, Paesi Bassi, Corea del Sud, Indonesia, Pakistan e Francia.

"Stiamo scendendo in piazza in tutto il mondo questo fine settimana per spingere i governi dall'inazione climatica alla giustizia climatica", ha affermato Asad Rehman, portavoce della COP Coalition.

Ai manifestanti di Glasgow si sono uniti centinaia di rappresentanti di vari gruppi sociali globali, tra cui agricoltori, indigeni, accademici e organizzazioni non governative ambientali, che hanno lasciato il vertice della COP26 prima del completamento come dichiarazione di disapprovazione.

"La COP26 è uno spettacolo”, Ta'Kaiya Blaney, un attivista indigeno della nazione Tla A'min vicino alla British Columbia, detto al pubblico prima di lasciare la riunione. "È un'illusione costruita per salvare l'economia capitalista radicata nell'estrazione delle risorse e nel colonialismo”.

Nel frattempo, dopo due settimane di negoziati in COP26, quasi 200 nazioni hanno concordato un clima accordo per ridurre le emissioni per adattarsi agli impatti di cambiamento climatico.

L'accordo prevede che i grandi inquinatori presentino forti piani di riduzione delle emissioni entro la fine del 2022 ed esorta le nazioni ricche del mondo a "almeno il doppio della loro fornitura collettiva di finanziamenti per il clima per l'adattamento ai paesi in via di sviluppo”.

L'accordo contiene anche disposizioni per "phase down” l'uso del carbone non ridotto, la principale fonte unica di emissioni di CO2, invece di eliminarlo completamente come originariamente previsto, provocando il risentimento di alcuni dei partecipanti.

"Non abbiamo bisogno di una graduale riduzione, ma di una graduale eliminazione", ha affermato Simonetta Sommaruga, rappresentante della Svizzera. "Siamo delusi sia dal processo che dal cambiamento dell'ultimo minuto. Questo non ci avvicinerà a 1.5 ºC [l'aumento della temperatura globale accettato], ma renderà più difficile raggiungerlo”.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti