Stati Uniti ed Europa annunciano piani per ridurre drasticamente le emissioni di metano

I partner transatlantici hanno annunciato uno sforzo per ridurre le emissioni di metano del 30% nel tentativo di rispettare gli impegni delineati dall'accordo di Parigi.

Settembre 27, 2021
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato un nuovo piano per contenere le enormi quantità di emissioni di metano nell'atmosfera al Major Economies Forum (MEF).

In collaborazione con l'Unione Europea, gli Stati Uniti hanno lanciato un Global Methane Pledge per ridurre le emissioni di metano di quasi il 30% dei livelli del 2020 entro la fine del decennio.

Se ci pensi, scendere del 30 percento in un decennio in cui è aumentato, è un'enorme inversione... Se riescono a farcela, potrebbe essere enorme.- Drew Shindell, professore di scienze della terra, Duke University

"Ciò non solo ridurrà rapidamente il tasso di riscaldamento globale, ma produrrà anche un vantaggio collaterale molto prezioso, come il miglioramento della salute pubblica e della produzione agricola", ha affermato Biden. "Stiamo mobilitando il sostegno per aiutare i paesi in via di sviluppo che si uniscono e si impegnano a fare qualcosa di significativo, impegnarsi e cogliere questa opportunità vitale".

Vedi anche: Il numero di giorni estremamente caldi ogni anno è in aumento

Il metano è uno dei gas serra più inquinanti. La sua capacità di intrappolare la radiazione solare è 25 volte maggiore dell'anidride carbonica, secondo la US Environmental Protection Agency. Negli Stati Uniti, il metano rappresenta circa il 10% di tutte le emissioni di gas serra.

"Le attività umane che emettono metano includono perdite dai sistemi di gas naturale e l'allevamento di bestiame", ha affermato l'EPA. "Il metano viene emesso anche da fonti naturali come le zone umide naturali”.

pubblicità

Il metano viene processato dal suolo e dalle reazioni chimiche nell'atmosfera che ne determinano la rimozione. La sua durata come gas inquinante è molto più breve dell'anidride carbonica.

All'incontro, Biden ha anche sottolineato come "le Gli Stati Uniti si sono impegnati ridurre le emissioni di gas serra tra il 50 e il 52 per cento al di sotto dei livelli del 2005 entro il 2030”.

"E, sai, abbiamo fissato un obiettivo che entro il 2035 il nostro settore energetico sarà privo di carbonio", ha aggiunto. "E entro il 2030, il 50 percento delle auto vendute negli Stati Uniti, riteniamo debbano e debbano essere veicoli elettrici».

Secondo i dati dell'EPA, nel 2017 gli Stati Uniti hanno rappresentato il 15% delle emissioni globali dovute alla combustione di combustibili fossili e ad alcuni processi industriali, mentre l'Unione Europea ha rappresentato l'30% e la Cina il -%.

Mentre l'Unione europea ha recentemente lanciato il suo piano per ridurre le emissioni di gas serra a metà entro il 2030, la Cina ha annunciato piani per ripristinare le zone umide insieme a diverse altre misure per limitare alcune delle proprie emissioni.

Secondo una nuova ricerca, i 131 paesi responsabili del 72% delle emissioni globali hanno annunciato o stanno attuando piani di riduzione delle emissioni simili. Questo può rivelarsi efficace nel limitare leggermente il aumento della temperatura globale previsto, le carta pubblicato negli stati della natura.

"Gli obiettivi nazionali di emissioni nette zero potrebbero, se pienamente attuati, ridurre le migliori stime dell'aumento previsto della temperatura media globale a 2.0-2.4 °C entro il 2100, portando l'obiettivo della temperatura dell'accordo di Parigi a portata di mano", ha scritto il team di scienziati europei che ha scritto il rapporto.

"Questi obiettivi potrebbero ridurre sostanzialmente il riscaldamento previsto rispetto alle politiche attualmente attuate (da 2.9 a 3.2 °C) o agli impegni presentati all'accordo di Parigi (da 2.4 a 2.9 °C)”, hanno aggiunto.

Recentemente, l'iniziativa coordinata senza precedenti di centinaia di riviste di scienze della salute in tutto il mondo pubblicato un editoriale avvertendo che anche un aumento di 1.5 °C della temperatura mondiale sarebbe considerato catastrofico per la salute umana al punto che i danni "sarà impossibile invertire.”

Il Global Methane Pledge è stato accolto con favore da diversi scienziati.

Drew Shindell, professore di Scienze della Terra alla Duke University, ha detto alla CNN che "se ci pensi, scendere del 30 percento in un decennio in cui è aumentato, è un'inversione enorme, è un'inversione di tendenza. Se riescono a farcela, questo potrebbe essere enorme”.

Secondo recenti ricerca dello Stockholm Environment Institute (SEI), la riduzione del metano è da considerarsi una priorità assoluta nella guerra contro l'effetto serra.

Le proiezioni SEI mostrano che se le fonti umane di emissioni di metano fossero ridotte del 45% entro il 2030, "ciò eviterebbe quasi 0.3 °C di riscaldamento dopo il 2040, contribuendo in modo significativo a mantenere a portata di mano l'obiettivo dell'accordo di Parigi di 1.5 °C”.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti