I redattori di 200 riviste sanitarie avvertono che il cambiamento climatico sta creando crisi sanitarie globali

L'aumento delle temperature globali sta mettendo più persone a rischio di una moltitudine di malattie, che vanno dalle malattie tropicali e zoonotiche all'inquinamento atmosferico.

Settembre 15, 2021
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Temperature globali in aumento stanno già nuocendo alla salute umana e un ulteriore aumento di 1.5 ºC potrebbe causare "danni catastrofici alla salute che sarà impossibile invertire", hanno avvertito i redattori di oltre 200 riviste sanitarie.

Gli editori si sono riuniti per invitare i governi ad agire ora per combattere cambiamento climatico e invertire la perdita di biodiversità.

Non permettere mai a nessuno di dirti che non possiamo permetterci di eliminare gradualmente le emissioni di gas serra. Abbiamo tutto da guadagnare.- Laurie Laybourn-Langton, consulente senior, UK Health Alliance on Climate Change

"Si tratta di un intervento senza precedenti in un momento senza precedenti", ha detto Laurie Laybourn-Langton, consulente senior presso la United Kingdom Health Alliance on Climate Change e coautrice dell'appello. Olive Oil Times. "Mai prima d'ora così tante riviste di così tanti paesi e discipline sanitarie diverse si sono unite per fare una chiamata del genere".

Vedi anche: Health News

La crisi sanitaria causata dall'aumento delle temperature mondiali "potrebbe rimpicciolire l'interruzione causata da Covid-19", Ha aggiunto.

I "chiedere un'azione di emergenza per limitare l'aumento della temperatura globale, ripristinare la biodiversità e proteggere la salute” si basa su decenni di sforzi della comunità scientifica per mettere in guardia su ciò che stava accadendo alla biodiversità e alla salute.

"Abbiamo bisogno della volontà globale di cambiare sostanzialmente le nostre economie in modo che il benessere planetario sia valutato tanto quanto, se non di più, della crescita economica", Kirsten Patrick, caporedattore ad interim del Canadian Medical Association Journal e tra i primi a firmare il appello, detto Olive Oil Times.

"I paesi devono impegnarsi a raggiungere obiettivi e piani supportati da una legislazione che porti a conseguenze reali per i paesi che non rispettano gli obblighi", ha aggiunto.

L'invito è stato pubblicato in vista della prossima Assemblea generale delle Nazioni Unite e dei successivi incontri sul clima previsti a Glasgow, in Scozia, ea Kunming, in Cina. Sebbene la maggior parte dei paesi riconosca la necessità di agire, il maggiori emettitori di gas serra si trovano spesso ai lati opposti del dibattito.

"Anche Cina e Stati Uniti stanno cominciando a vivere le conseguenze catastrofiche dei cambiamenti climatici, in eventi meteorologici estremi come inondazioni e incendi", ha affermato Patrick. "I cittadini dovrebbero invitare i loro rappresentanti eletti ad agire per proteggerli da eventi pericolosi futuri peggiori, che si verificheranno sicuramente se la mitigazione del cambiamento climatico non sarà considerata una priorità ora».

Il bando ha sottolineato come alcune delle peggiori conseguenze del cambiamento climatico stiano già colpendo molti paesi responsabili delle più piccole frazioni delle emissioni globali.

"Eppure nessun paese, non importa quanto ricco, può proteggersi da questi impatti", si legge nell'appello. "Lasciare che le conseguenze ricadano in modo sproporzionato sui più vulnerabili genererà più conflitti, insicurezza alimentare, sfollamenti forzati e malattia zoonotica – con gravi implicazioni per tutti i paesi e le comunità”.

Secondo i firmatari, l'equità deve guidare la risposta globale al cambiamento climatico. Hanno aggiunto che i paesi dovrebbero essere responsabili dei loro "cumulativo, contributo storico” alle emissioni, alle emissioni attuali e alla loro capacità di rispondere alla crisi.

"Gli appelli alle nazioni ricche affinché si assumano la responsabilità delle loro emissioni storiche di gas serra e sostengano le nazioni più povere potrebbero non aver avuto molto successo fino ad oggi - l'idea di riparazione non è mai molto popolare politicamente - ma forse le nazioni ricche possono almeno agire per il bene della propria cittadini", ha detto Patrick.

Il messaggio della comunità scientifica è stato spesso lasciato fuori dal dibattito politico, ha aggiunto Laybourn-Langton.

"Ad esempio, molti o la maggior parte dei piani nazionali per la riduzione delle emissioni di CO2 non esplorano adeguatamente la dimensione sanitaria, le minacce e i benefici per la salute di un'azione rapida", ha affermato.

Vedi anche: Copertura climatica

Secondo i firmatari, i piani annunciati di riduzione delle emissioni portati avanti da molti paesi "non bastano».

"Cresce la preoccupazione che l'aumento della temperatura sopra 1.5 ºC stia cominciando a essere visto come inevitabile, o addirittura accettabile, per i membri influenti della comunità globale", hanno scritto.

L'appello chiede ai governi di tutto il mondo di "apportare cambiamenti fondamentali al modo in cui le nostre società ed economie sono organizzate e al modo in cui viviamo. L'attuale strategia di incoraggiare i mercati a sostituire tecnologie più pulite non è sufficiente".

I redattori sanitari chiedono anche alle istituzioni di sostenere la riprogettazione dei sistemi di trasporto, delle città, della produzione e distribuzione di cibo, dei mercati per gli investimenti finanziari e dei sistemi sanitari.

"È necessario un coordinamento globale per garantire che la corsa a tecnologie più pulite non vada a scapito di una maggiore distruzione ambientale e sfruttamento umano", si legge nell'appello.

L'appello elenca alcune delle conseguenze significative della perdita di biodiversità associata all'aumento delle temperature, come la crescente mortalità legata al caldo tra le persone di età superiore ai 65 anni, neoplasie dermatologiche, infezioni tropicali, esiti negativi sulla salute mentale, complicazioni della gravidanza, allergie e cardiovascolare e morbilità e mortalità polmonare.

Laybourn-Langton, che ha contribuito a coordinare la pubblicazione simultanea del bando, ha sottolineato come una morte su cinque nel mondo sia causata dall'inquinamento atmosferico, principalmente dovuto alla combustione di combustibili fossili. Questa cifra rappresenta anche un notevole costo economico per le attività produttive.

"Quando si calcola una cifra in dollari sui benefici per la società di questo avvenimento, si stima che sia molto maggiore del costo dell'eliminazione graduale dei combustibili fossili, ad esempio la realizzazione di auto pulite, centrali elettriche e così via", ha detto Laybourn-Langton. "Quindi non permettere mai a nessuno di dirti che non possiamo permetterci di eliminare gradualmente le emissioni di gas serra. Abbiamo tutto da guadagnare".

Se i successivi incontri internazionali sul clima dovessero fallire, Patrick ha avvertito che apriranno le porte alle peggiori conseguenze della crisi.

"Su scala globale, vedremo migrazioni di massa di persone che cercano di sfuggire agli eventi legati al cambiamento climatico e a tutti i miriadi di danni alla salute che derivano dall'essere un rifugiato, determinanti sociali che a loro volta hanno un impatto sulla salute nel corso della vita", ha affermato. "Vedremo crescente insicurezza alimentare, danni a donne e bambini e nuove malattie infettive più frequenti come il Covid-19”.

"Noi, come redattori di riviste sanitarie, chiediamo ai governi e ad altri leader di agire, segnando il 2021 come l'anno in cui il mondo finalmente cambierà rotta", conclude l'appello.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti