`Il 2020 è l'anno più caldo mai registrato, concludendo il decennio più caldo del mondo - Olive Oil Times

Il 2020 è l'anno più caldo mai registrato, concludendo il decennio più caldo del mondo

Gennaio 11, 2021
Daniel Dawson

Notizie recenti

Le temperature medie globali nel 2020 sono state le più calde mai registrate, segnando la fine di quello che è stato anche il decennio più caldo (dal 2011 al 2020) mai registrato.

Secondo dati pubblicati dal Copernicus Climate Change Service, il 2020 è stato di 0.6 ºC più caldo del punto di riferimento standard dal 1981 al 2010 e di 1.25 ºC al di sopra dei livelli preindustriali.

Non sorprende che l'ultimo decennio sia stato il più caldo mai registrato ed è ancora un altro promemoria dell'urgenza di riduzioni ambiziose delle emissioni per prevenire impatti climatici avversi in futuro.- Carlo Buontempo, direttore, Copernicus Climate Change Service

I dati dell'entità sanzionata dall'Unione Europea mostrano anche che i sei anni precedenti lo sono stati i sei più caldi mai registrati, con il 2020 e il 2016 che sono stati entrambi i più caldi.



Tra le aree più colpite c'era l'Artico e parti della Siberia settentrionale, che hanno registrato temperature medie annuali tra 3 ºC e 6 ºC al di sopra del riferimento 1981-2010, compresa la temperatura più calda mai registrata al di sopra del Circolo Polare Artico - 38 ºC.

Vedi anche: Notizie sui cambiamenti climatici

Il 2020 si è rivelato anche l'anno più caldo mai registrato in Europa. Il continente responsabile di circa il 70% del mondo produzione di olio d'oliva ha vissuto il suo inverno più caldo, con temperature che hanno superato il record precedente stabilito nel 2016 di circa 1.4 ºC.

In generale, l'emisfero settentrionale (ad eccezione di una regione del centro dell'Oceano Atlantico settentrionale) ha registrato le sue temperature più calde durante tutto l'anno.

Nel frattempo, l'emisfero australe ha registrato temperature leggermente inferiori alla media, in parte a causa dell'influenza di raffreddamento di La Niña.

"Il 2020 si distingue per il suo eccezionale calore nell'Artico e per un numero record di tempeste tropicali nel Nord Atlantico ", ha affermato Carlo Buontempo, direttore del Copernicus Climate Change Service.

Vedi anche: Le sfide attendono i coltivatori mentre il bacino del Mediterraneo diventa più caldo e secco

"Non sorprende che l'ultimo decennio sia stato il più caldo mai registrato, ed è ancora un altro promemoria dell'urgenza di riduzioni ambiziose delle emissioni per prevenire impatti climatici negativi in ​​futuro ", ha aggiunto.

L'organizzazione rilascerà un'analisi completa e più dettagliata delle sue ultime scoperte prima del vertice annuale dell'UE sul clima di aprile.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti