L'espansione dell'agricoltura e il cambiamento climatico stanno mettendo a rischio le specie endemiche del mondo

Un gruppo di conservazione ha avvertito che un terzo delle specie sulla sua "lista di sopravvivenza" è ora ad alto rischio di estinzione.

Il binturong, noto anche come bearcat, è originario del sud e sud-est asiatico.
Settembre 27, 2021
di Ephantus Mukundi
Il binturong, noto anche come bearcat, è originario del sud e sud-est asiatico.

Notizie recenti

Uno dei principali gruppi di conservazione del mondo ha avvertito che 38,744 specie sul suo "watchlist di sopravvivenza” sono diventati ad alto rischio di estinzione.

L'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) ha dichiarato in una conferenza all'inizio di questo mese a Marsiglia, in Francia, che nonostante alcuni miglioramenti negli sforzi di conservazione negli ultimi anni, il numero di specie a rischio di estinzione continua a crescere.

Se queste tendenze passate nelle perdite di habitat si invertiranno, continueranno o accelereranno dipenderà dalle future emissioni globali di carbonio e dalle scelte della società.- Andrea Manica, zoologo, Università di Cambridge

Il gruppo ha identificato 138,374 specie sulla sua "watchlist di sopravvivenza”, di cui il 28% è passato dall'essere a rischio di estinzione ad alto rischio di estinzione.

Vedi anche: L'Europa annuncia un piano per piantare 3 miliardi di alberi entro il 2030

Cambiamento climatico e il degrado degli ambienti naturali sono due ragioni principali per la crescente minaccia alla biodiversità della Terra.

Di particolare rilievo, l'IUCN ha avvertito che il drago di Komodo, la lucertola più grande del mondo, è entrato nella categoria ad alto rischio di estinzione.

pubblicità

"L'idea che questi animali preistorici si siano avvicinati di un passo all'estinzione a causa in parte del cambiamento climatico è terrificante e un ulteriore appello alla natura da mettere al centro di tutte le decisioni alla vigilia della COP26 di Glasgow", Andrew Terry, direttore della conservazione presso la Zoological Society di Londra, ha dichiarato alla CNN.

I risultati della IUCN supportano le conclusioni raggiunte da un precedente studio pubblicato sulla rivista Nature Communications, che ha dimostrato che la deforestazione e il cambiamento climatico stanno causando una rapida distruzione degli habitat naturali in tutto il mondo e mettendo a rischio le specie vulnerabili.

Lo studio ha rilevato che la domanda globale di cibo ha portato a un aumento dell'uso del suolo, che a sua volta ha aumento della deforestazione e la trasformazione degli habitat naturali in terre coltivate.

Questa trasformazione sia aumenta le emissioni di gas serra e danneggia i cicli naturali degli ecosistemi, incidendo negativamente su tutte le fasi della vita animale.

"Se queste tendenze passate nelle perdite di habitat si invertiranno, continueranno o accelereranno dipenderà dalle future emissioni globali di carbonio e dalle scelte della società nei prossimi anni e decenni", ha affermato Andrea Manica, autore principale dello studio e professore di zoologia presso l'Università di Cambridge. .

In un altro studio, recentemente pubblicato sulla rivista Biological Conversation, gli scienziati hanno dimostrato che i cambiamenti della temperatura del pianeta di oltre 3 ºC potrebbero causare l'estinzione della metà delle specie marine endemiche e di un terzo delle specie endemiche terrestri.

Lo studio di sintesi ha scoperto che gli animali e le piante che vivono in un'area hanno maggiori probabilità di essere colpiti dai cambiamenti climatici rispetto alle specie meno specializzate.

Tuttavia, è probabile che le specie invasive subiscano effetti insignificanti o nulli di fronte a un clima di riscaldamento. Ciò potrebbe dare agli opportunisti invasivi spazio per eliminare gradualmente le specie endemiche portando a una diminuzione della biodiversità.

"Siamo rimasti davvero sorpresi di quanto ci aspettiamo di perdere con aumenti così piccoli della temperatura media", ha detto a Carbon Brief uno degli autori dello studio. "Dopo l'accordo di Parigi [limiti di riscaldamento] farebbero un'enorme differenza per la nostra biodiversità in tutto il mondo”.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti