`Il cambiamento climatico in cima all'agenda quando i leader mondiali si sono incontrati in Cornovaglia per il G7 - Olive Oil Times

Il cambiamento climatico in cima all'agenda quando i leader mondiali si sono incontrati in Cornovaglia per il G7

Giu. 15, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Cambiamento climatico è stato al centro della scena quando i leader del Gruppo dei Sette (G7) – un forum politico composto dalle sette democrazie liberali più ricche del mondo – si sono incontrati a Carbis Bay, in Cornovaglia, durante il fine settimana.

I leader di Stati Uniti, Canada, Giappone, Regno Unito, Germania, Francia e Italia hanno ribadito la loro sostegno all'accordo di Parigi e hanno deciso di continuare a lavorare insieme per limitare l'aumento della temperatura globale a meno di 1.5 ºC rispetto ai livelli preindustriali.

Nei nostri settori agricolo, forestale e in altri settori di utilizzo del suolo, ci impegniamo a garantire che le nostre politiche incoraggino la produzione sostenibile, la protezione, la conservazione e la rigenerazione degli ecosistemi e il sequestro del carbonio.- Dichiarazione congiunta G7, 

"Ci impegniamo ad accelerare gli sforzi per ridurre le emissioni di gas serra e mantenere a portata di mano la soglia del riscaldamento globale di 1.5 °C, rafforzando l'adattamento e la resilienza per proteggere le persone dagli impatti dei cambiamenti climatici, arrestando e invertire la perdita di biodiversità, mobilitando la finanza e facendo leva sull'innovazione per raggiungere questi obiettivi", hanno scritto i leader nel summit dichiarazione finale.

Vedi anche: Il cambiamento climatico sta alterando i profili nutrizionali delle colture mondiali

Al fine di far rispettare le nuove politiche, i leader hanno concordato di limitare l'espansione delle centrali elettriche a carbone nei propri paesi e nel resto del mondo.

L'agenda-di-il-cambiamento-clima-mondo-in-trovamento-come-leader-mondiali-incontrati-in-cornwall-per-g7-oil-times

I leader del G7 in Cornovaglia

Secondo una Casa Bianca comunicato stampa, anche il gruppo G7 ha concordato "per porre fine al nuovo sostegno diretto del governo per la produzione internazionale di energia termica da carbone entro la fine di quest'anno".

"Più in generale, riaffermiamo il nostro impegno esistente per eliminare i sussidi inefficienti ai combustibili fossili entro il 2025 e invitiamo tutti i paesi ad unirsi a noi, riconoscendo la sostanziale risorsa finanziaria che questo potrebbe sbloccare a livello globale per sostenere la transizione e la necessità di impegnarsi per una tempistica chiara ". hanno aggiunto i leader del G7 nella loro dichiarazione congiunta.

Inoltre, un nuovo fondo di 2 miliardi di dollari (1.65 miliardi di euro) sarà impiegato ogni anno da Stati Uniti, Canada, Regno Unito e Germania nei paesi in via di sviluppo per progetti di produzione di energia che non includeranno il carbone come combustibile a meno che le nuove centrali a carbone non siano dotate di tecnologie in grado di catturare le proprie emissioni di carbonio.

Il fondo investirà anche in tecnologia e formazione per aiutare i paesi in via di sviluppo ad adottare infrastrutture di produzione di energia più pulite e sostenibili.

Tali risorse, hanno affermato i leader del G7, "dovrebbero mobilitare fino a 10 miliardi di dollari (8.25 miliardi di euro) in cofinanziamenti, anche dal settore privato, per sostenere la diffusione delle energie rinnovabili nelle economie in via di sviluppo ed emergenti”.

"Riaffermiamo l'obiettivo dei paesi sviluppati collettivamente di mobilitare congiuntamente 100 miliardi di dollari (82.5 miliardi di euro) all'anno da fonti pubbliche e private, fino al 2025", hanno aggiunto.

I leader del G7 si sono anche impegnati a lavorare su un'agenda di decarbonizzazione industriale per promuovere l'innovazione e gli standard comuni mentre ridurre le emissioni in aree chiave come l'agricoltura, trasporti e produzione di acciaio e cemento.

"Nei nostri settori agricolo, forestale e in altri settori di utilizzo del suolo, ci impegniamo a garantire che le nostre politiche incoraggino la produzione sostenibile, la protezione, la conservazione e la rigenerazione degli ecosistemi e il sequestro del carbonio", si legge nella dichiarazione.

Entro o prima del 2030, il gruppo di sette nazioni ha deciso di dimezzare le emissioni registrate in ciascun paese nel 2010.

Vedi anche: Il 2020 è l'anno più caldo mai registrato, concludendo il decennio più caldo del mondo

Entro il 2030, i leader hanno deciso di lavorare per la protezione di almeno il 30% di tutte le terre e i mari. A tal fine, il primo ministro britannico Boris Johnson ha anche annunciato un importo di 500 milioni di sterline (580 milioni di euro) all'anno "Fondo Pianeta Blu”.

Mirato a ridurre l'inquinamento marino, proteggere i mari e biodiversità, il fondo aiuterà paesi come il Ghana, l'Indonesia e le nazioni insulari del Pacifico a frenare le pratiche di pesca eccessive mentre si adopera per proteggere le barriere coralline e la vita marina.

I rifiuti di plastica sono stati citati anche dai leader del G7 come una delle principali aree di intervento necessarie per preservare la biodiversità e vita di mare.

A "L'iniziativa Build Back Better World” è stata anche annunciata dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden per raggiungere i paesi in via di sviluppo con massicci finanziamenti pubblici e privati ​​e partnership volte a ridurre il divario infrastrutturale.

Pur mancando ancora di dettagli, l'iniziativa statunitense mette al centro la sostenibilità ambientale e si è guadagnata il sostegno degli altri paesi del G7.

"Al centro della nostra agenda per la crescita e la ripresa economica c'è una trasformazione verde e digitale che aumenterà la produttività, creerà nuovi posti di lavoro dignitosi e di qualità, ridurrà le emissioni di gas serra, migliorerà la nostra resilienza e proteggerà le persone e il pianeta mentre miriamo allo zero netto [emissioni di gas serra] entro il 2050”, hanno scritto anche i leader del G7.

Tali strategie saranno proposte anche alla prossima conferenza sul clima delle Nazioni Unite, la riunione della CoP26, che si terrà a Glasgow a novembre.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti