Una nuova ricerca rivela il ruolo chiave dell'olio d'oliva nelle antiche diete romane

Utilizzando nuove tecniche di indagine, i ricercatori dell'Università del Kent hanno determinato che l'olio d'oliva costituiva il 20 percento dell'apporto calorico tra i residenti di una città romana.

Settembre 16, 2021
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Ingrediente essenziale e strumento ineguagliabile per conservare le derrate alimentari, le olive e l'olio d'oliva giocavano un ruolo centrale ai tempi dell'antica Ercolano in quella che oggi è Napoli.

Ora, la ricerca ha confermato che la media consumo di olio d'oliva per ogni abitante potrebbero arrivare fino a 20 litri all'anno.

Rispetto a carne, pesce e cereali, l'olio d'oliva rappresentava quasi un quarto del consumo alimentare complessivo.- Silvia Soncin, ricercatrice in bioarcheologia, Università di York

"Era la principale fonte di grasso per loro ed era ampiamente usato per conservare il cibo di stagione da mangiare in un secondo momento", Silvia Soncin, ricercatrice di bioarcheologia presso l'Università di York e autrice principale del studio, Ha detto Olive Oil Times.

Vedi anche: Gli ulivi monumentali della Sicilia offrono una finestra sulla storia dell'isola

"Le olive erano abbondanti in tutta l'area e offrivano [alla gente del posto] circa il 20 percento del loro apporto calorico giornaliero ", ha aggiunto.

Tuttavia, tutto questo terminò il 24 agosto 79 d.C. quando il Vesuvio interruppe la sua dormienza secolare e subì una delle eruzioni più distruttive della storia umana.

In 30 ore, la sua violenta esplosione seppellì le vicine città di Pompei, Stabia ed Ercolano sotto quattro chilometri cubi di pomice ardente e ceneri roventi.

Dei 2,000 romani che perirono nel disastro vulcanico, più di 300 cercarono di sopravvivere fuggendo sulla spiaggia di Ercolano. Lì, sul lungomare e nelle vicine volte di pietra, furono avvolti da una scarica di gas a 500 ºC che li uccise rapidamente e ne vaporizzò i tessuti.

Molti scheletri delle vittime trovati sul sito hanno aiutato i ricercatori nel loro sforzo di indagare esattamente su cosa fosse successo e come fosse la loro vita precedente.

Le ultime ricerche su quelle ossa ben conservate sono andate ancora più in profondità e hanno offerto nuovi indizi sul ruolo dell'olio d'oliva nella dieta degli abitanti di Ercolano dell'epoca.

Secondo i ricercatori, la chiave delle nuove scoperte è stata la tecnica che determina i valori isotopici stabili degli amminoacidi dal collagene osseo. Utilizzando modelli bayesiani che incorporano la conoscenza della sintesi proteica, i ricercatori hanno avuto la possibilità di identificare con una risoluzione senza precedenti la dieta di 17 adulti.

"Abbiamo fatto un approccio provvisorio per determinare l'assunzione di olio d'oliva, volevamo davvero vedere fino a che punto potevamo spingerci con la nostra metodologia ", ha affermato Soncin. "La sfida è dovuta al fatto che l'analisi del collagene osseo evidenzia principalmente la porzione proteica mentre abbiamo dovuto concentrarci sugli acidi grassi".

I ricercatori si sono poi concentrati su alcuni aminoacidi, che il corpo umano elabora quando deriva da macronutrienti come l'olio d'oliva.

I ricercatori ritengono che i maschi mangiassero il 50% in più di pesce rispetto alle femmine. Le proteine ​​erano ottenute dagli uomini principalmente dai cereali, mentre le femmine mangiavano più prodotti animali, verdura e frutta.

Vedi anche: Frammenti di ceramica in Croazia rivelano l'olio d'oliva romano e la storia militare

"La tecnica ad alta risoluzione ci ha permesso di concentrarci sul consumo di quattro principali categorie di alimenti: cereali, carne animale, pesce e olio d'oliva", ha affermato Soncin.

Gli scienziati ritengono che la maggior parte delle attività di pesca e marittime siano state svolte da maschi. Furono loro ad occupare le posizioni più privilegiate nella società e, in quanto schiavi, furono liberati in età precoce.

"Se confrontato con carne, pesce e cereali, l'olio d'oliva rappresentava quasi un quarto del consumo complessivo di cibo ", ha affermato Soncin. "Potrebbe sembrare molto se confrontato con le quantità di consumo odierne, ma i nostri risultati coincidono con ciò che scrissero gli storici romani, come Plinio, e con ciò che credono gli storici dell'economia romana moderna.

Soncin ha anche citato studi precedenti, come quello di Erica Rowan dell'Università di Oxford, che si è concentrato sui sistemi fognari e fognari di Ercolano.

"Tanti drupe d'oliva sono stati trovati carbonizzati lì, il che suggerisce il fatto che i residenti usassero rami di ulivo per alimentare il fuoco, il che ci dice anche quanto fosse abbondante l'olivo nella zona in quel momento ", ha detto Soncin.

Gli scienziati hanno affermato che gli abitanti di Ercolano mangiavano più pesce e frutti di mare rispetto ai seguaci di a Dieta mediterranea consumare, in cui i prodotti animali giocano un ruolo più rilevante.

"I resti... offrono un'opportunità unica per esaminare gli stili di vita di un'antica comunità che visse e morì insieme", ha affermato Oliver Craig, direttore del programma di bioarcheologia dell'università. "Le fonti storiche spesso alludono a un accesso differenziato ai prodotti alimentari nella società romana, ma raramente forniscono informazioni dirette o quantitative”.

"Abbiamo riscontrato differenze significative nelle proporzioni di cibi marini e terrestri consumati tra maschi e femmine, il che implica che l'accesso al cibo era differenziato in base al genere", ha aggiunto.

Secondo il dipartimento di bioarcheologia dell'università, il nuovo approccio "ha fornito dati dietetici di precisione sufficiente per il confronto con le valutazioni dell'approvvigionamento alimentare delle popolazioni moderne, aprendo la possibilità di confrontare le diete antiche con le impostazioni contemporanee in cui le conseguenze per la salute sono meglio comprese”.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti