Olive Council si propone di studiare le tendenze del consumo globale

Il Consiglio oleicolo internazionale afferma che intraprenderà uno studio per comprendere meglio le tendenze di consumo in tutto il mondo.
Gennaio 15, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Negli ultimi tre decenni a livello globale consumo di olio d'oliva è quasi raddoppiato, passando da 1.7 milioni di tonnellate nella campagna 1990/91 a 3.2 milioni di tonnellate nel 2019/20, secondo i dati del Consiglio oleicolo internazionale (IOC).

Tuttavia, questa crescita non è stata uniforme e la popolarità dell'olio d'oliva è diminuita e fluita in diverse parti del mondo, il che rende più difficile dipingere un quadro delle tendenze di consumo e del mercato globale dell'olio d'oliva.

A tal fine, il CIO ha annunciato un progetto di ricerca che raccoglierà informazioni specifiche e disponibili a livello locale, coinvolgendo enti pubblici e privati ​​e consumatori.

"Lo studio consisterà in una revisione di tutte le informazioni pubblicate fino ad oggi sul consumo di olio e grassi sia a livello nazionale che internazionale e nell'analisi di informazioni secondarie provenienti da fonti pubbliche e private ”, ha scritto il CIO. "Si baserà anche su un'indagine rappresentativa condotta mediante un questionario strutturato rivolto ai consumatori dei paesi interessati ".

Vedi anche: Il consumo di olio d'oliva è destinato a superare la produzione per un cambiamento

Guardando i numeri registrati negli ultimi decenni, il CIO evidenzia come sia paesi terzi hanno visto un aumento costante del consumo di olio d'oliva, passando dal 14 al 30 percento del consumo globale totale.

Gli esempi più importanti di questa crescita sono gli Stati Uniti e il Brasile. Tra il 1990/91 e il 2019/20, il consumo di olio d'oliva negli Stati Uniti è cresciuto da circa 88,000 tonnellate a 400,000 tonnellate. Nello stesso periodo, i consumi in Brasile sono aumentati da 18,500 tonnellate a 104,000 tonnellate.

Nel frattempo in Cina, per la quale il CIO ha iniziato a raccogliere dati solo nel 2008, l'olio d'oliva anche il consumo è cresciuto notevolmente, passando da 12,000 tonnellate a 57,500 tonnellate entro il 2019/20.

D'altra parte, il consumo all'interno dell'Unione europea, dove viene prodotto circa il 70% dell'olio d'oliva mondiale, si è notevolmente ridotto.

Sebbene l'UE abbia rappresentato il 70% del consumo mondiale nel 2004/05, quella cifra è scesa al 50% nel 2019/20.

"Quando il consumo ha iniziato a diminuire nell'UE, è aumentato nel resto del mondo ", ha scritto il CIO. "Per questo motivo, lo studio sul comportamento dei consumatori è stato ritenuto necessario per analizzare le variabili coinvolte nel consumo e capire cosa ha causato il suo declino in alcuni paesi ".

A causa della corrente Covidien-19 misure di emergenza che interferiscono con le normali operazioni e attività nella maggior parte dei paesi coinvolti, il CIO ha spiegato che il progetto di ricerca sarà ufficialmente avviato "appena possibile, dopo la pandemia. "





Related News

Feedback / suggerimenti