` Il consumo di olio d'oliva è destinato a superare la produzione per un cambiamento: i tempi dell'olio d'oliva

Il consumo di olio d'oliva è destinato a superare la produzione per un cambiamento

Ottobre 27, 2020
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

La produzione mondiale di olio d'oliva sarà leggermente inferiore al consumo nel Stagione 2020.

Con le stime attuali che suggeriscono una produzione di circa 3.11 milioni di tonnellate di olio d'oliva e 3.14 milioni di tonnellate che dovrebbero essere consumate, potrebbero finalmente esserci alcune buone notizie per i produttori, secondo il consulente internazionale Juan Vilar.

È una palla di ossigeno per l'oliveto tradizionale, che rappresenta il 70 per cento del raccolto e che, senza dubbio, ha vissuto momenti difficili.- Juan Vilar, consulente internazionale

"Ci aspettiamo che durante questa campagna il consumo sarà superiore alla produzione ", ha detto Vilar in un recente webinar andaluso sulla produzione di olive, secondo l'agenzia di stampa spagnola COPE. 

Vedi anche: I prezzi si aprono più alti in Grecia a causa della carenza di mano d'opera

"Inoltre, sono stati osservati aumenti di prezzo in tutte le categorie e questo dimostra che sebbene sia necessario un cambiamento di strategia, è una palla di ossigeno per l'oliveto tradizionale, che rappresenta il 70% del raccolto e che, senza dubbio, ha vissuto momenti difficili. " 

C'è anche un ruolo crescente in tutto il mondo per "uliveto moderno ", ha detto Vilar, che ora rappresenta "Il 40 per cento di tutto l'olio d'oliva prodotto ”- numeri che rivelano "un cambiamento di tendenza e una realtà in costante crescita ".

Vilar ha anche notato come la crescente popolarità dell'olivicoltura nei cinque continenti "portato a un totale di 11.5 milioni di ettari dedicati agli ulivi ". Questi numeri hanno spinto la produzione mondiale a superare i 3 milioni di tonnellate "nutrire le famiglie in oltre 180 paesi ".

La produzione mondiale per la stagione in corso sarà inferiore del 3.4% rispetto allo scorso anno, un calo dovuto principalmente alla ridotta resa in diversi paesi del Mediterraneo tra cui Italia (270,000 tonnellate), Grecia (240,000), Marocco (140,000), Tunisia (130,000) e Portogallo (120,000).

L'unica eccezione alla tendenza al ribasso è la Spagna, dove la produzione dovrebbe raggiungere 1.6-1.7 milioni di tonnellate, come riportato dalla rivista locale Agrònoma.

Secondo Vilar, il calo della produzione in alcuni paesi del Mediterraneo è dovuto al tipico alternarsi delle stagioni. 

Vedi anche: Dashboard dei dati di settore

"La maggior parte degli oliveti in questi paesi sono boschetti tradizionali, come accade in Italia, Grecia o Tunisia ", ha affermato Vilar, "paesi che lo scorso anno hanno registrato un rendimento abbastanza rilevante. È successo in Tunisia, che ha assistito a un trend di calo dei prezzi nella stagione precedente, così come in Portogallo, la cui resa ha raggiunto il picco di 150mila tonnellate ”.

La Spagna è stata in grado di rafforzare la sua posizione di principale produttore, che Vilar ha attribuito principalmente a forti investimenti nell'agricoltura moderna e in nuove tecnologie specifiche. 

"Spagna ", ha osservato Vilar, "è stata in grado di combinare adeguatamente la sua conoscenza tradizionale del raccolto con le nuove tecnologie, diventando il più grande produttore mondiale di oli d'oliva, poiché più della metà - 52 percento - degli oli prodotti nei cinque continenti sarà di origine spagnola ".

Il consulente ha anche sottolineato come i prezzi dell'olio d'oliva, che negli ultimi anni sono stati in costante calo, sembrano ora vicini a un cambiamento di tendenza. 

La carenza di olio extravergine di oliva ha portato a un aumento dei prezzi, con nuovi contratti che chiudono oltre € 3 ($ 3.54) per chilogrammo. 

"In questi giorni stiamo vedendo i prezzi per EVOO in Portogallo raggiungere € 3.20 al chilogrammo perché lì vengono prodotti i primi EVOO della stagione ", ha osservato Vilar, "mentre nelle prossime settimane i prezzi rallenteranno gradualmente, posizionando i prezzi per la stagione spagnola intorno a 2.40 € o 2.50 €. Anche se possiamo aspettarci un piccolo calo in seguito, i prezzi dovrebbero rimanere a € 2.25 o € 2.35 fino alla fine di gennaio ". 

Sarebbe un sollievo per i produttori, dato che i prezzi a Jaén, il principale mercato andaluso, sono scesi a settembre a 2 euro al chilogrammo, secondo gli ultimi dati del Consiglio oleicolo internazionale (CIO).





Related News

Feedback / suggerimenti