Rapporto: la scarsità d'acqua è la sfida più grande per la produzione alimentare

Un rapporto di Barclays Capital ha rilevato che mentre la domanda di acqua dolce continua a crescere, le aziende e i paesi stanno facendo ben poco per diventare più efficienti.
Giu. 7, 2021
Ephantus Mukundi

Notizie recenti

Secondo un rapporto di Barclays Capital, il settore dei beni di consumo di base a livello mondiale, tra cui la produzione alimentare e l'agroindustria, sta affrontando un grave rischio a causa della scarsità d'acqua ed è attualmente il più vulnerabile di tutti i settori.

"La nostra analisi suggerisce che l'acqua dovrebbe essere considerata il principale fattore di preoccupazione ambientale per i prodotti di base", hanno scritto gli autori del rapporto.

La crisi idrica deve essere affrontata con la stessa urgenza e innovazione della crisi del Covid-19 e il business case per l'azione è più chiaro che mai.- Cate Lamb, direttore globale della scarsità d'acqua, CDP

Il rapporto ha analizzato i rischi e le opportunità affrontate dai prodotti di base globali a causa della carenza d'acqua, dei costi elevati dell'acqua e dell'aumento della regolamentazione.

Secondo le previsioni di Barclays Capital, il fabbisogno di acqua dolce nell'industria alimentare è destinato ad aumentare a livello globale del 40% entro il 2030 a causa della crescita della popolazione. Inoltre, aumento delle temperature globali hanno peggiorato la situazione. Il rapporto ha concluso che la carenza d'acqua è la preoccupazione ambientale più critica nell'industria alimentare.

Vedi anche: L'UE introduce gli standard per l'uso di acqua di recupero per irrigazione

Curiosamente, mentre le aziende dell'industria alimentare sono profondamente consapevoli della sfida posta dalla scarsità d'acqua nelle loro operazioni quotidiane, non sembrano fare abbastanza per affrontare la sfida. Invece, la maggior parte di queste aziende si sta concentrando sul effetti dell'aumento dei livelli di carbonio.

Per ridurre la loro dipendenza dall'acqua, le imprese dovrebbero adottare pratiche agricole sostenibili come l'uso di sensori, l'irrigazione di precisione, la consultazione dei dati satellitari e l'agricoltura fuori suolo, raccomanda il rapporto. Seguire queste misure contribuirebbe a prevenire una crisi idrica nel settore dei beni di prima necessità in futuro.

CDP, un'organizzazione no-profit che gestisce il sistema di divulgazione globale per aziende, governi e investitori per gestire i propri impatti ambientali, ha affermato che la maggior parte di loro non può dimostrare di fare qualcosa di tangibile per ridurre al minimo il rischio urgente di problemi legati all'acqua.

Secondo un sondaggio CDP che ha coinvolto 2,934 aziende che hanno divulgato dati sulla gestione dell'acqua nel 2020, più di un terzo delle aziende ha aumentato il consumo di acqua rispetto al 2019.

Inoltre, il 95% delle aziende non è stato in grado di fornire prove attendibili del fatto che stavano facendo progressi rispetto ai loro obiettivi di inquinamento.

"La crisi idrica va affrontata con la stessa urgenza e innovazione delle as Crisi del Covid-19 – e il business case per l'azione è più chiaro che mai”, ha affermato Cate Lamb, direttore globale della sicurezza idrica di CDP. "Possiamo capovolgere questa situazione, ma abbiamo bisogno di un'azione molto più trasformativa".

"Poiché gli investitori prestano maggiore attenzione alla gestione dei rischi idrici da parte delle aziende, CDP chiede a tutte le aziende di sviluppare obiettivi ambiziosi per ridurre i prelievi di acqua ed eliminare l'inquinamento idrico, compresi gli obiettivi di azzeramento dell'acqua", ha aggiunto. "Le aziende devono intraprendere azioni coraggiose ora per trasformare i loro modelli di business”.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti