Europa

Gli scienziati trovano le prime prove dell'olio d'oliva in Europa centrale

I primi celti nella regione francese della Borgogna importarono olio d'oliva dal Mediterraneo intorno a 500 a.C., secondo un nuovo studio. La scoperta è la prima prova dell'uso dell'olio d'oliva nell'Europa centrale.

Settembre 19, 2019
Di David Stanford

Notizie recenti

Gli archeologi che studiano i primi resti celtici rimangono Francia hanno scoperto tracce di olio d'oliva su frammenti di ceramica risalenti al 500 a.C. circa, fornendo le prime prove conosciute dell'uso dell'olio d'oliva nell'Europa centrale. In precedenza, le prime testimonianze risalivano al periodo romano, diversi secoli dopo.

La scoperta è stata fatta esaminando i resti di 99 navi in ​​ceramica della fortezza collinare del Mont Lassois in Borgogna, Francia centro-orientale. Sulle navi sono state trovate tracce di sostanze organiche, tra cui cera d'api, birra, vino, miglio, latte e olio d'oliva.

Poiché il sesto secolo a.C. è la prima volta che le ceramiche mediterranee venivano portate in gran quantità nell'Europa centrale, penso che sia molto probabile che abbiamo trovato le prime prove.- Philipp Stockhammer, archeologo della Ludwig-Maximilians-Universität München

Secondo lo studio, che è stato pubblicato sulla rivista scientifica Plos One a giugno, i Celti viaggiarono a sud lungo il fiume Rodano per commerciare con le colonie greche sulla costa francese, in particolare Marsiglia, riportando una serie di beni mediterranei. Queste importazioni includevano ceramiche greche e italiane, nonché vino d'uva e olio d'oliva.

Lo studio è stato condotto da un team internazionale di ricercatori, guidato dall'archeologo Philipp Stockhammer del Ludwig-Maximilians-Universität München.

Guarda anche: Storia dell'olio d'oliva

"Al momento, questa è la prima prova, ma siamo anche tra i primi a condurre uno studio così su vasta scala ", ha detto Stockhammer Olive Oil Times.

pubblicità

"Tuttavia, poiché il sesto secolo a.C. è la prima volta che le ceramiche mediterranee sono state portate nell'Europa centrale in grandi quantità, penso che sia molto probabile che abbiamo trovato le prime prove ”, ha aggiunto.

I primi Celti abitavano la Germania meridionale, la Svizzera settentrionale e parte della Francia orientale durante l'Età del Ferro. È noto da tempo che commerciavano con le comunità mediterranee, adottando non solo i loro beni ma anche alcune delle loro tradizioni, come la festa del vino. Ciò che fino ad ora non si sapeva era che l'olio d'oliva era tra le importazioni dall'estero.

Mentre i ricercatori sono fiduciosi che il petrolio sia stato importato dalla costa mediterranea della Francia, non sanno ancora dove sia stato prodotto.

"Le importazioni provenivano da Marsiglia ", ha detto Stockhammer. "Ma abbiamo importato navi dalla Grecia continentale meridionale, dall'Italia meridionale e dalla Francia meridionale, tutte possibili origini anche dell'olio d'oliva. "

Delle 99 navi esaminate, 16 erano di importazione, mentre 83 erano prodotte localmente dai Celti. Secondo Maxime Rageot dell'Università di Tubinga, che ha condotto l'analisi dei residui alimentari, l'olio di oliva è stato trovato sia sulle importazioni che sulle navi prodotte localmente, suggerendo che i Celti usavano effettivamente l'olio.

Rageot ha usato gas cromatografia e analisi di spettrometria di massa GC nel suo lavoro. Mentre tale tecnologia può identificare le sostanze organiche con una certa precisione, il lavoro è spesso più difficile con campioni più vecchi.

Ha detto Olive Oil Times che il problema del degrado, che colpisce in particolare i lipidi presenti negli oli vegetali, rende difficile determinare quanto sia diffuso l'uso dell'olio d'oliva.

Ordinamento attraverso i resti archeologici.

"Raramente abbiamo trovato prove di olio d'oliva in contesti archeologici basati su residui organici, perché i marcatori molecolari specifici della maggior parte degli oli vegetali non sono molto stabili nel tempo e solo in buoni contesti per la conservazione dei lipidi ”, ha affermato.

"Quindi, non è ancora possibile dire se l'olio d'oliva era comunemente importato nell'Europa centrale durante la prima età del ferro o se era un bene raro e molto prestigioso limitato alle élite celtiche ”, ha aggiunto.

Ha detto che ciò pone anche problemi nell'identificare il modo in cui l'olio è stato usato. Mentre la maggior parte dei consumatori moderni vede l'olio d'oliva come un alimento, le culture antiche hanno spesso trovato altri usi per esso.

Stockhammer ha affermato che i risultati non indicano come è stato usato l'olio, ma probabilmente lo è stato "imbalsamazione del corpo; molto probabilmente non per cucinare. "

Lo studio è un'aggiunta importante a storia dell'olio d'oliva, mostrando come e quando si è diffuso a nord del Mediterraneo. Relativamente parlando, i Celti erano in ritardo nell'adottare la sostanza. Gli archeologi hanno trovato prove della produzione di olio d'oliva in Italia Israele dal 6,000 circa a.C., mentre le olive venivano raccolte dai popoli neolitici nell'ottavo millennio a.C.

"L'uso di olive nel Mediterraneo risale a una storia profonda ", ha detto Stockhammer. "Anche se è difficile dire se hanno appena mangiato olive e quando hanno iniziato a produrre olio ".

"Già nel secondo millennio a.C., abbiamo una grande scala, quasi industriale, produzione di olio d'oliva, soprattutto come base per il profumo, in Miceneo, in Grecia ", ha aggiunto.





Related News