Studio: l'intensificazione agricola danneggia la produttività degli oliveti

I ricercatori in Andalusia hanno scoperto che l'intensificazione agricola danneggia gli uliveti eliminando i predatori naturali dei parassiti e impoverendo la qualità del suolo.
Ottobre 27, 2021
Ephantus Mukundi

Notizie recenti

Quattro anni dopo la sua nascita, il Progetto Olivares Vivo in Andalusia continua a dare risultati positivi per il ruolo di un ecosistema biodiverso nei boschi tradizionali.

Secondo i risultati di un nuovo studio pubblicato nel Journal of Applied Ecology da ricercatori del Università di Jaén, il mantenimento della copertura vegetale e delle aree naturali negli oliveti ha migliorato la diversità delle specie e le funzioni che svolgono nei terreni coltivati.

Non solo la perdita di specie è drastica, ma anche la perdita di funzionalità.- Rubén Tarifa, dottorando, Università di Jaén

"Nel nostro studio, abbiamo scoperto che la diversità delle specie e le funzioni che svolgono nell'oliveto sono state influenzate negativamente dalla semplificazione del paesaggio dell'oliveto e dal gestione intensiva delle coperture vegetali”, ha affermato il ricercatore capo Rubén Tarifa, uno studente di dottorato nel dipartimento dell'università di biologia ed ecologia animale e vegetale.

Vedi anche: Gli olivicoltori intensivi contribuiscono alla desertificazione in Spagna, avvertono gli esperti

"Le specie rare sono state le più colpite in questo processo", ha aggiunto.

Secondo lo studio, le pratiche agricole intensive negli oliveti di solito causano la perdita di biodiversità esercitando un'intensa pressione su piante, uccelli e insetti, che sono fondamentali per il controllo dei comuni parassiti dell'olivo.

"Non solo la perdita di specie è drastica, ma anche la perdita di funzionalità", ha affermato Tarifa. "Inoltre, fino ad ora, non era noto se le pratiche agricole intensive potessero influenzare le specie più rare, tassonomicamente e funzionalmente, o al contrario, quelle più comuni o dominanti».

"È noto che, in alcune comunità, le piante rare svolgono un ruolo molto importante all'interno della comunità, supportando funzioni insostituibili all'interno dell'ecosistema", ha aggiunto. "Per tutti questi motivi, abbiamo proposto questo studio”.

Proprio come in studi precedenti, i ricercatori hanno scoperto che l'intensificazione agricola ha impoverito la copertura vegetale con piante rare che sopportano l'urto della pressione esercitata da questi tipi di pratiche agricole.

È stato scoperto che l'intensificazione ha un impatto sulla capacità delle piante di riprodursi attraverso l'aratura ricorrente e l'uso di erbicidi. Quando gli erbicidi vengono usati per periodi prolungati, c'è il rischio di impoverire i semi di alcune piante. Ciò porta alla rimozione di quelle piante dal paesaggio, anche quando sono in stato dormiente.

In altri casi, l'intensificazione ha un impatto indiretto sulle piante interferendo con gli animali che sono fondamentali per l'esistenza di tali piante, come gli impollinatori. Poiché le piante rare contribuiscono in modo sproporzionato alla ricchezza funzionale, il loro esaurimento di solito compromette l'integrità dei diversi processi ecologici.

Durante lo studio, i ricercatori hanno campionato la copertura vegetale di 40 uliveti nelle province di Málaga, Jaén, Córdoba, Cadice, Granada e Siviglia.

I ricercatori hanno concluso che, poiché la copertura delle erbe infestanti svolge un ruolo essenziale nel sostenere la fauna dei terreni coltivati ​​permanenti, come gli uliveti, e la loro produzione, gli schemi agroambientali in questi terreni dovrebbero adottare pratiche a bassa intensità che favoriscano la funzionalità e la diversità degli ecosistemi.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti