`Pionieri texani dell'olio d'oliva pronti per la fase successiva - Olive Oil Times

Pionieri dell'olio di oliva texano pronti per la prossima fase

Gennaio 7, 2013
Nancy Flagg

Notizie recenti


Il commissario agricolo del Texas Todd Staples (estrema destra) e Jim Henry (secondo da destra) con altri pionieri texani dell'olio d'oliva

Il Texas è noto da tempo per il suo greggio. Oro nero. Tè del Texas. Ma un altro tipo di petrolio sta facendo progressi. Oro liquido. Oleum olivae. Olio d'oliva.

Le piantagioni dei primi ulivi in ​​Texas hanno preceduto i primi pozzi di petrolio greggio di oltre 150 anni; tuttavia, il greggio è stato il primo petrolio ad espandersi in Texas. Tuttavia, il tempo dell'olio d'oliva è finalmente arrivato. Traendo ispirazione dalle piantagioni di alberi di successo nei primi anni del 1900, Trigg Dealey e Jim Henry, co-fondatori del Texas Oil Council, sono diventati attori chiave nelle origini dell'industria petrolifera del Texas.

Negli anni '1990, Dealey e il socio in affari Baxter Adams piantarono 168 ulivi italiani vicino a San Antonio per testare la fattibilità dell'olio d'oliva lì, ma alla fine gli alberi furono persi per congelamento. Nel frattempo, l'uomo d'affari Jim Henry stava anche sperimentando piantagioni in diversi tipi di suolo e zone climatiche. Henry ha detto che lui "piantato 20 a 40 acri nel posto sbagliato e hanno dovuto spostarli. "

Henry quindi piantò il primo frutteto commerciale dello stato nel sud. Incoraggiato dai risultati, lui e i suoi soci Karen Lee, Jerry Farrell e Penny Farrell hanno creato il Texas Olive Ranch e piantato 40,000 alberi. Il ranch ha prodotto 3,000 litri di olio d'oliva nel suo primo raccolto nel 2007 e da allora ha vinto medaglie per i suoi oli d'oliva.

È in corso un nuovo investimento su larga scala con l'acquisto di terreni da parte di Henry a Victoria, in Texas, vicino alla costa del Golfo. Henry ha in programma di piantare nuovi ulivi 300,000 nella zona.

Henry lo ha spiegato "finalmente abbiamo capito dove mettere gli alberi. Le zone di coltivazione nella regione collinare e nella regione del sud del Texas hanno molte fluttuazioni di temperatura in primavera. Il segreto per una buona produzione è avere una temperatura durante il processo di fioritura e allegagione che non sia troppo volatile. " Crede che la costa del Golfo offra un clima moderato favorevole, in particolare durante il periodo critico da gennaio a marzo.

Henry immagina i nuovi frutteti come un'attrazione turistica. Il ranch si trova sull'autostrada 59, un'importante arteria stradale da Houston al sud del Texas.

"Oltre 100,000 macchine ogni giorno passano proprio davanti al frutteto. Abbiamo acquistato il terreno per la sua visibilità sull'autostrada ", afferma Henry. "Molti americani non hanno idea che le olive siano coltivate in America. Mostrare il frutteto alle persone che guidano è meglio di qualsiasi altro modo di pubblicizzare l'industria ”, ha aggiunto Henry.

Portare ai consumatori olio extravergine di oliva coltivato in Texas è anche l'obiettivo di Karen Lee. La sua azienda, Cowgirl Brands, LLC a Kyle, Texas, è un grossista di olio d'oliva e aceto balsamico. Acquista EVOO da Texas Olive Ranch, Farrell's Olive Orchards e altri produttori e bottiglie e vende l'olio. I suoi mercati principali sono i negozi di alimentari di fascia alta ei mercati degli agricoltori.

Ha detto che Cowgirl Brands si reca nei 25 mercati degli agricoltori in tutto lo stato nella maggior parte dei fine settimana dove si trovano "può parlare con i consumatori e spiegare le differenze tra EVOO texano e importazioni ”e offrire assaggi di olio fresco locale. In un rapporto ha scritto al Commissione commerciale internazionale degli Stati UnitiLee ha affermato che i consumatori che hanno assaporato la differenza tra olio d'oliva locale e importazioni a prezzi convenienti, "preferiscono appassionatamente l'olio d'oliva prodotto in patria e richiedono l'olio extra vergine di oliva più fresco e prodotto localmente che possano ottenere. ”

Lee osserva che il prezzo dell'olio d'oliva del Texas non è competitivo con le importazioni in parte perché il costo di produzione dell'olio del Texas è elevato durante la fase di sviluppo del settore. Una volta creata l'infrastruttura e aumentato il volume della produzione, i produttori saranno in grado di commercializzare il petrolio a merchandising più grandi e vendere a prezzi più competitivi.

Il volume e il numero di coltivatori in aumento. Jim Henry dice che lo stato ha ora 50 coltivatori, anche se stima che solo 5-10 di loro siano operatori commerciali.

John Gambini della Texas Hill Country Olive Company è uno dei nuovi produttori di olio d'oliva. Il suo approccio è diverso dagli altri in quanto ha viaggiato in California e acquistato cinque varietà di alberi più vecchi per riportare in Texas. Ha piantato gli alberi nella primavera di 2009 e hanno dato frutti nell'autunno dello stesso anno.

Gambini afferma che il suo frutteto è l'unico oliveto biologico certificato in Texas e osserva che i suoi oli d'oliva hanno vinto medaglie nella competizione dell'olio extravergine di oliva della contea di Los Angeles.

Gambini ha 2,000 alberi nella sua terra a sud-ovest di Austin. egli è "entusiasta del futuro dell'olio d'oliva in Texas ”e ha in programma di acquistare altro terreno più a sud e piantare 100,000 alberi.

Jim Henry ritiene che sia giunto il momento per gli agricoltori dello stato di intraprendere attività commerciali su larga scala produzione di olio d'oliva e portare i loro metodi di coltivazione con esperienza nell'impresa. "Non c'è via di mezzo: l'attrezzatura è costosa e ci deve essere abbastanza superficie per supportare l'attrezzatura ”, ha detto Henry. Ha anche aggiunto che il Texas Olive Ranch attualmente fornisce servizi di macinazione ad altri coltivatori per aiutarli nella loro start-up.

Il boom dell'olio d'oliva del Texas è ancora agli inizi e produce solo una piccola parte di ciò che produce la California. Tuttavia, Karen Lee prevede che nei prossimi due anni la quantità di superficie coltivata in Texas dedicata all'olio d'oliva quadruplicherà e ci sarà "un carico di nuovi alberi. "

Non c'è dubbio che ci sarà una valida industria dell'olio d'oliva in Texas, assicura Lee, "quel cavallo ha lasciato la stalla. "

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti