L'Europa approva l'Olio Di Roma IGP per la Regione della Capitale

La nuova indicazione geografica comprenderà parti di tutte e cinque le province della regione centro italiana del Lazio, coprendo una produzione annua di circa 10,550 tonnellate.
Provincia di Rieti, Lazio, Italia
Agosto 16, 2021
Ylenia Granitto

Notizie recenti

La registrazione del Olio di Roma L'Indicazione Geografica Protetta (IGP) è stata pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea, il che implica che la Commissione ha dato il via libera ai produttori della regione Lazio centrale dell'Italia centrale per l'utilizzo del marchio di qualità.

"Questo riconoscimento ci ha permesso di associare un nome evocativo come quello di Roma, che rappresenta un autentico patrimonio in termini di notorietà, a un prodotto di alta qualità che ha tutte le carte in regola per diventare l'ambasciatore del nostro territorio nel mondo”, David Granieri , il vicepresidente nazionale di Coldiretti e presidente della Coldiretti Lazio, ha raccontato Olive Oil Times.

"Tutti i territori della regione sono ormai coperti da una denominazione di origine, in quanto l'IGP comprende quattro DOP preesistenti, eppure il riferimento a Roma, con la sua eccezionale reputazione internazionale, sarà un volano in termini di opportunità e valore sul mercato estero", ha aggiunto.

Vedi anche: Polemiche in Italia per il Nuovo Olio di Roma IGP

Secondo i dati Coldiretti, il valore economico dell'Olio di Roma IGP ammonta a circa 52 milioni di euro con una produzione stimata di 75,000 tonnellate di olive e 10,550 tonnellate di olio all'anno.

La zona di produzione della IGP comprende parti di tutte e cinque le province del Lazio, comprendenti 316 comuni: 107 nel territorio della Città Metropolitana di Roma Capitale, 27 in provincia di Latina, 35 in provincia di Rieti, 60 in provincia di Viterbo e 87 in provincia di Frosinone.

Gli oli extra vergini di oliva certificati con IGP devono contenere l'80 percento di autoctoni Itrana, Carboncella, Moraiolo, Caninese, Salviana, Rosciola, Marina, Sirole, Maurino, Pendolino, Frantoio e Leccino e un massimo del 20 percento di altre varietà.

L'Olio di Roma è caratterizzato da note di pomodoro, carciofo, mandorla ed erba, con amaro e piccante di varia intensità.

Un paragrafo del disciplinare è dedicato al legame con l'area geografica, dove l'olivo veniva utilizzato a fini alimentari fin dal VII secolo a.C.

"I romani hanno perfezionato le tecniche utilizzate per produrre e spremere l'olio e hanno diffuso la loro esperienza olivicola nei territori che hanno conquistato ", afferma il documento. "Una visita al quartiere Testaccio dovrebbe bastare per capire l'importanza del commercio dell'olio a Roma”.

"Sito dell'antico porto fluviale Emporium, le anfore qui scaricate venivano frantumate e gettate in quantità tali da formare, dopo lo svuotamento, un tumulo artificiale noto come il Monte dei Cocci (tumulo di frammenti)", ha aggiunto il documento.

La celebre storia di Roma è ulteriormente evocata dal logo IGP, che raffigura un ramoscello d'ulivo posto sopra il iconico Colosseo.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti