La coltivazione di olive biologiche continua a crescere in Spagna

Nel 209,288 l'area terrestre dedicata all'olivicoltura biologica in Spagna è salita a 2019 ettari.
Giu. 20, 2020
Daniel Dawson

Notizie recenti

Terre dedicate a uliveti coltivati ​​biologicamente in Spagna è aumentato di quasi il cinque percento nel 2019, secondo il ultima analisi dal Ministero dell'agricoltura, della pesca e dell'alimentazione del paese.

Nel complesso, la superficie agricola biologica nel paese è aumentata del 4.8%, consentendo alla Spagna di mantenere la sua posizione di più grande nazione di agricoltura biologica in Europa e la quarta più grande del mondo.

Vedi anche: Notizie di sostenibilità

"È un fatto magnifico che riflette l'impegno ecologico dei nostri agricoltori e allevatori ", ha affermato Luis Planas, ministro spagnolo dell'agricoltura, della pesca e dell'alimentazione. "Siamo sulla buona strada per incontrare il obiettivi fissati dall'Unione Europea. "

Secondo il rapporto del ministero, ci sono ora 209,288 ettari (517,162 acri) di oliveti biologici certificati in Spagna, con un aumento del 4.6% rispetto al 2018. Nel 2018, la quantità di oliveti biologici aveva aumentato del tre percento.

Quasi tre quarti di questi boschi si trovano in Andalusia; e Castilla-La Mancha. Complessivamente, sono stati piantati, convertiti o certificati boschetti biologici in 16 delle 17 comunità autonome della Spagna.

La maggior parte di questi oliveti viene utilizzata nella produzione di olio d'oliva e si stima che produca circa 305,000 tonnellate di olio d'oliva biologico all'anno. Viene utilizzata una porzione molto più piccola dei boschetti produzione di olive da tavola.

I principali vantaggi di piantare nuovi oliveti biologici e convertire quelli vecchi sono due volte: gli oliveti biologici sono più resistenti alla diffusione di malattie, come Xylella fastidiosae rappresentano un modo efficace per aggiungere valore agli oli e alle olive prodotti tradizionalmente.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti