I produttori pugliesi chiedono un maggiore sostegno del governo per il settore dell'olio d'oliva

I prezzi dell'olio d'oliva in Puglia continuano a scendere nonostante la minore produzione nel 2020. Coldiretti ritiene che il governo debba fare di più.
Gennaio 15, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

La produzione di olio d'oliva in Puglia è cresciuta del 21% negli ultimi dieci anni, nonostante una serie di sfide apparentemente infinite.

Tuttavia, gli agricoltori nella regione italiana sud-occidentale, che rappresenta più della metà della produzione complessiva italiana, ritengono che se la sarebbero cavata molto meglio se le autorità locali e nazionali avessero implementato una visione strategica ampia e ponderata per lo sviluppo del settore.

Dobbiamo rivedere le relazioni all'interno della filiera, coinvolgendo prima di tutto la grande distribuzione alimentare.- Savino Muraglia, presidente Coldiretti Puglia

A tal fine, i coltivatori e le associazioni di produttori chiedono un nuovo piano olivicolo nazionale coordinato.

In un comunicato stampa, l'associazione degli agricoltori, Coldiretti ha evidenziato come una strategia globale abbia aiutato i produttori spagnoli ad affrontare meglio le numerose sfide di un mercato in evoluzione.

La Spagna è di recente emanazione politiche di stoccaggio dell'olio d'oliva e il loro coordinato campagne promozionali sono stati citati come esempi di ciò che l'Italia potrebbe fare di meglio.

pubblicità

Il ministero dell'Agricoltura italiano ha recentemente fornito 5 milioni di euro di sgravi ai coltivatori locali per coprire il pagamento degli interessi sui prestiti concessi prima della fine del 2018.

"Questa è una buona notizia ”, ha detto Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia. "Ma abbiamo ancora bisogno di una strategia coordinata per il rinnovamento del settore delle olive e dell'olio d'oliva. Abbiamo bisogno di un piano a lungo termine per affrontare meglio le frequenti crisi nei mercati delle olive e dell'olio d'oliva ".

Pur annunciando gli ultimi fondi di soccorso, il ministero ne ha anche riconosciuto la necessità "rilanciare produttività e competitività ”all'interno del settore di "semplificando le procedure e riducendo la burocrazia ".

"Dobbiamo rivedere i rapporti all'interno della filiera, coinvolgendo prima di tutto i maggiori rivenditori di generi alimentari, perché è inaccettabile vedere bottiglie di olio extravergine di oliva vendute sui loro scaffali per 3.00 € ”, ha risposto Muraglia.

Coldiretti ha chiesto una supervisione migliore e più ampia del modo in cui l'olio d'oliva viene venduto dai rivenditori e commercializzato ai consumatori.

Secondo Coldiretti, i supermercati in Italia impiegano una serie di strategie diverse nel tentativo di vendere i loro prodotti, che sono difficili da confrontare tra loro e spesso si traducono in olio d'oliva venduto a prezzi inferiori ai costi di produzione.

Nella loro liberazione, l'associazione degli agricoltori ha chiesto una rapida attuazione delle nuove norme europee contro le pratiche di mercato sleali (Direttiva UE 2019/633) dall'Italia in ordine "impedire che i prodotti importati vengano venduti come prodotti di origine italiana. "

Coldiretti ha detto che anche la direttiva europea potrebbe aiutare "ristabilire contratti equi lungo la filiera alimentare e punire pratiche che danneggiano maggiormente i produttori ".

Vedi anche: Notizie economiche sull'olio d'oliva

"È quasi impossibile rilevare la vera origine delle olive sulle bottiglie di olio extravergine di oliva derivato da aziende agricole straniere, etichette che sono richieste dalla legge ", ha detto Coldiretti.

Tali etichette vengono utilizzate per la vendita di tre diversi tipi di miscele di olio d'oliva: miscele di olive dell'UE, miscele di olive non UE o miscele di olive UE ed extra UE.

"Quelle etichette sono scritte con caratteri molto piccoli e sono poste sul retro della bottiglia, una posizione che le rende non facilmente visibili ", ha detto Coldiretti. "Inoltre, le bottiglie con extravergine ottenuto da olive estere sono spesso vendute con marchi italiani e con grande evidenza di immagini, frasi o nomi ingannevoli che richiamano l'italianità. "

"I consumatori dovrebbero fare acquisti con una lente d'ingrandimento per poter fare una scelta informata ", ha aggiunto l'associazione.

Muraglia ha sottolineato che nonostante i significativi cali di produzione subiti dai produttori pugliesi, in cui la resa delle olive è scesa a 101,000 tonnellate, prezzi dell'olio d'oliva erano inalterati.

"Questo settore ha visto crescere il suo valore rispetto allo scorso anno, fino a raggiungere i 650 milioni di euro, settore tra i più importanti resiliente nell'attuale pandemia, "Ha detto. "Una piccola riduzione, lo 0.5%, ha colpito le esportazioni internazionali nei primi nove mesi del 2020, quando la domanda più forte di olio d'oliva in bottiglia proveniva principalmente dagli Stati Uniti (+28%) e dalla Francia (+42%). "

Ancora una volta gli agricoltori hanno chiesto campagne di informazione e comunicazione, sia a livello regionale che nazionale, per promuovere strategicamente l'olio extravergine di oliva.

Secondo Coldirertti, l'Italia resta la più grande consumatore di olio d'oliva, con una media annua di 504,000 tonnellate negli ultimi cinque anni, seguita dalla Spagna con 483,000 tonnellate e dagli Stati Uniti con 320,000 tonnellate.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti