L'accordo UE-Mercosur apre la strada al commercio agricolo esentasse

È il più grande accordo che l'UE ha compiuto in termini di riduzione delle tariffe, e anche quello che ha sollevato maggiori preoccupazioni per le ripercussioni su vari settori economici e l'ambiente.

Giu. 22, 2019
Di Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

I Unione europea e il blocco del Mercosur (composto da Argentina, Brasile, Uruguay e Paraguay), hanno concordato i termini su un nuovo accordo commerciale che rimuoverà la burocrazia e le barriere fiscali esistenti e faciliterà lo scambio più fluido di prodotti e servizi tra i due.

L'accordo, che è ancora in linea di principio, ha richiesto 20 anni di trattative tra i due blocchi e crea un mercato comune di quasi 780 milioni di consumatori. Sia l'UE che il Mercosur liberalizzeranno oltre il 90 per cento dei beni e servizi scambiati per un periodo di transizione compreso tra cinque e 15 anni.

Il settore industriale dell'UE avrà deroghe tariffarie per molti prodotti esportati verso Sud America, compresi automobili e parti di automobili, macchinari, prodotti farmaceutici, abbigliamento e calzature. Il settore agroalimentare godrà anche dello status di esenzione doganale per prodotti come formaggio, vino, olio d'oliva e olive, frutta, liquori e bevande analcoliche, cioccolatini e dolciumi.

Questa è ovviamente un'ottima notizia per le aziende, i lavoratori e l'economia su entrambe le sponde dell'Atlantico, risparmiando oltre € 4 miliardi di dazi all'anno.- Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea

Per l'olio d'oliva, in particolare, esiste attualmente una tassa del 10 percento imposta sulle esportazioni dall'UE verso i paesi del Mercosur, con un valore annuo delle esportazioni che raggiunge i 300 milioni di euro (336 milioni di dollari). Quando l'accordo sarà pienamente implementato, la tassa sarà eliminata.

Inoltre, è stato preso lo speciale Indicazione geografica (DOP e IGP) lo status di diversi prodotti dell'UE deve essere riconosciuto dai paesi del Mercosur. Prodotti di qualità come vino di Porto, Champagne, Prosciutto di Parma e Olive Kalamata avranno ancora il loro nome legalmente protetto dalle imitazioni.

Il patto introduce anche il concetto di 'regionalizzazione "per i prodotti europei, il che significa che se un parassita o una malattia compare da qualche parte nell'UE, le esportazioni possono continuare da altre regioni dell'Unione non colpite.

Vedi anche: Notizie commerciali

A loro volta, i paesi del Mercosur potranno accedere più facilmente al mercato comune europeo e abbassare o azzerare le tasse con l'aumento delle quote di esportazione per una serie di prodotti tra cui carne di manzo, pollame, zucchero, etanolo, succo d'arancia e caffè.

L'UE proteggerà anche i nomi dei prodotti tradizionali del Mercosur, come Cachaça (uno spirito distillato brasiliano) e il vino Mendoza, da Argentina.

Esistono inoltre meccanismi di sicurezza in modo che, in caso di emergenza, entrambe le parti possano utilizzare le tariffe o altre misure adeguate per impedire alle importazioni di prodotti specifici, compresi i prodotti agricoli, di schiacciare la produzione locale.

Il patto recentemente concordato è il più grande accordo commerciale che l'UE ha concluso in termini di riduzione delle tariffe, stimato per salvare gli esportatori europei fino a € 4 miliardi ($ 4.49 miliardi) pagati in dazi doganali ogni anno.

Jean-Claude Juncker, il presidente della Commissione europea, ha accolto con favore l'accordo rafforzandone l'importanza in un momento di turbolenza nel commercio mondiale.

"Misuro attentamente le mie parole quando dico che questo è un momento storico ", ha detto. "In mezzo alle tensioni commerciali internazionali, stiamo inviando oggi un forte segnale ai nostri partner del Mercosur che sosteniamo il commercio basato su regole. Attraverso questo patto commerciale, i paesi del Mercosur hanno deciso di aprire i loro mercati all'UE. Questa è ovviamente un'ottima notizia per le aziende, i lavoratori e l'economia su entrambe le sponde dell'Atlantico, con un risparmio di dazi per oltre 4 miliardi di euro all'anno. Questo lo rende il più grande accordo commerciale che l'UE abbia mai concluso ".

I anche l'accordo ha suscitato critiche per compromettere le attività economiche e i settori commerciali su entrambe le sponde dell'Atlantico.

La Francia e altri paesi europei hanno espresso preoccupazione per un probabile aumento delle importazioni di carne bovina dal Sud America, che rappresenta una minaccia per l'industria della carne dell'UE. Inoltre, la Irish Farmers Association ha respinto l'accordo come un "sellout ”di agricoltori irlandesi e a "cattivo affare ”per l'Irlanda e l'ambiente.

I produttori di vino italiani, d'altra parte, hanno protestato per il termine concordato secondo cui i vini europei diretti al mercato sudamericano verranno aboliti non appena 15 anni dopo l'entrata in vigore del patto, privandoli di aumentare le loro esportazioni e entrate prima.

Un numero maggiore di lobby degli agricoltori dell'UE si è opposto all'accordo come un fattore che ha minato le loro attività, sostenendo che porterà una concorrenza sleale in quanto i produttori e i produttori latini non si attengono a standard agricoli simili a quelli delle loro controparti in Europa.

I funzionari europei hanno respinto le preoccupazioni, rilevando che l'accordo contiene rigorosi meccanismi di monitoraggio per garantire che le norme europee rimangano intatte e che i produttori non siano lesi dall'accordo.

"Puoi essere certo che la conformità o l'aderenza ai nostri standard è un punto di partenza ", ha affermato Sigrid Kaag, ministro del Commercio olandese. "Sono pienamente consapevole del fatto che ci sono anche gruppi di difesa o cittadini preoccupati che sentono che ti trovi in ​​una posizione diversa una volta che hai firmato un accordo, ma questo ignora anche tutti i vantaggi che porterà un accordo commerciale. Non è un gioco a somma zero. "

Il patto impegna inoltre entrambe le parti ad adottare l'Accordo sul clima di Parigi del 2015, un passo significativo verso Protezione dell'ambiente secondo la Commissione europea, ma era caratterizzato come unico 'onorando a parole l'accordo di Parigi di Anna Cavazzini, deputata al Parlamento europeo dei Verdi tedeschi.

Gli ambientalisti hanno anche sostenuto che spingerà i coltivatori del Sud America a produrre di più eliminando intere aree della foresta pluviale per creare un terreno aperto per la coltivazione e, alla fine, deteriorerà la deforestazione dell'Amazzonia.

In America Latina, Mauricio Macri, il presidente argentino, ha salutato l'accordo come "l'accordo più importante che abbiamo firmato nella nostra storia ", ma i detrattori hanno affermato che porterà più guai che gioia.

"Non voglio vivere in un paese in cui l'unica possibilità di progresso è vendere cereali e carne di manzo. Voglio industrie ", ha detto Alberto Fernández, un politico in Argentina, mentre i sindacati hanno avvertito che le massicce importazioni previste di prodotti europei più economici si tradurranno in un taglio dei posti di lavoro nel settore manifatturiero dei paesi del Mercosur.

Altri considerano un'opportunità per i quattro paesi sudamericani di dimostrare al mondo che le loro economie sono ora aperte, come ha affermato il ministro degli Esteri argentino Jorge Faurie.

"[Il Mercosur è stato] uno spazio economico molto chiuso... questo è un messaggio molto chiaro di dove stiamo andando ", ha detto.

Le associazioni degli agricoltori, d'altro canto, hanno salutato il patto. Sociedad Rural Argentina ha parlato di a "accordo storico "e Abrafrutas, l'associazione degli esportatori di frutta del Brasile, hanno affermato che l'accordo aiuterà i produttori locali a rimanere competitivi. L'associazione nazionale degli imprenditori argentini è stata tuttavia scettica, temendo che l'accordo andrà a beneficio delle imprese multinazionali a spese delle piccole e medie imprese.

L'accordo deve ancora essere approvato da ciascuno dei quattro paesi del Mercosur, dagli Stati membri dell'UE di 28 e dal Parlamento europeo e potrebbero essere necessari anni per entrare in vigore.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti